Affermazioni scientifiche di guarigione – di Paramahansa Yogananda – Parte terza

pubblicato in: AltreViste 0

PARAMAHANSA YOGANANDA

AFFERMAZIONI SCIENTIFICHE DI GUARIGIONE

(parte terza)

Casa editrice Astrolabio Roma

Dedicato al mio Gurudeva JNANAVATAR SWAMI SRI YUKTESWAR con amore, riverenza e devozione

– QUESTE AFFERMAZIONI TRAGGONO ISPIRAZIONE DALL’ANIMA –

I “semi” delle affermazioni contenute in questo libro sono stati permeati da un motivo ispiratore
proveniente dall’anima. Essi vanno seminati nel suolo della pace supercosciente e bagnati con la
vostra fede e concentrazione. Ciò produrrà quelle vibrazioni interiori spontanee che aiuteranno i
semi a germogliare.

Molti processi hanno luogo fra il momento in cui si pianta il seme dell’affermazione e il momento
del raccolto. Perché possa prodursi il risultato desiderato devono essere soddisfatte tutte le
condizioni necessarie alla sua crescita. Il seme dell’affermazione dev’essere vivo e senza difetti
(rappresentati dal dubbio, dall’inquietudine e dalla disattenzione); esso dev’essere seminato nella
mente e nel cuore con concentrazione, devozione e pace e innaffiato con ripetizioni profonde e
genuine e con una fede illimitata.

Badate sempre di evitare la ripetizione meccanica. Questo è il significato del comandamento biblico:
“Non usare il nome del Signore Iddio tuo invano” (Esodo, 20, 7). Ripetete le affermazioni con
fermezza, intensità e sincerità, finché giungerete un tal grado di forza che anche un solo comando,
un unico energico impulso interiore basterà a trasformare le cellule del vostro corpo e a indurre la
vostra anima a compiere miracoli.

– GLI STADI SUCCESSIVI DELLA RECITAZIONE CONTINUA –

Tenete nuovamente presente che le affermazioni devono essere correttamente intonate a voce alta
diminuendo fino al bisbiglio. E, soprattutto, devono essere espresse con attenzione e devozione. I
vostri pensieri – per la convinzione che le affermazioni sono efficaci e vere – saranno allora
guidati, attraverso l’udito, al livello di comprensione della mente cosciente e di qui al subconscio
(o mente automatica) e infine alla mente supercosciente. Coloro che credono saranno guariti da
queste affermazioni.

I cinque stadi della recitazione continua sono: recitazione cosciente a voce alta, recitazione
sussurrata, recitazione mentale, recitazione subconscia e recitazione supercosciente.

– OM, O AMEN, IL SUONO COSMICO –

La recitazione (o il canto)…

[Nota: Paramahansa Yogananda usa un’unica parola (l’inglese “chanting”) per esprimere sia il canto
dell’Om, che la recitazione di affermazioni. Fine nota.]

..subconscia tende a divenire ininterrotta e automatica. La recitazione (o il canto) supercosciente
inizia quando le profonde vibrazioni interiori della recitazione (o del canto) si convergono in
realizzazione, o si radicano nella mente cosciente, subcosciente e supercosciente. La recitazione (o
il canto) supercosciente consiste nel riuscire a tenere ininterrottamente l’attenzione puntata sulla
vera vibrazione cosmica (Om o Amen) e non su di un suono immaginario.

Nel passare da uno stadio all’altro della recitazione (o del canto), anche l’atteggiamento mentale
deve mutare e farsi più profondo e raccolto. Si tratta di ridurre a unità colui che recita (o
canta), le parole che si recitano (o il suono) e l’azione stessa del recitare (o del cantare). La
mente deve entrare in uno stadio di estrema consapevolezza. Non si tratta di uno stato di
incoscienza, di disattenzione o di sonnolenza, bensì di una condizione per cui l’attenzione è così
fermamente puntata che tutti i pensieri vengono sommersi da quell’unico pensiero centrale e si
fondono in esso, come avviene per la limatura di ferro attratta da un’irresistibile calamita.

– I TRE CENTRI FISIOLOGICI –

Durante le affermazioni che fanno leva sulla volontà, l’attenzione dev’essere fissata nel punto fra
le sopracciglia; durante le affermazioni che fanno leva sul ragionamento essa dev’essere centrata
nel midollo allungato e durante le affermazioni che poggiano sul sentimento l’attenzione stessa
dev’essere sul cuore.

(Nota: Il midollo allungato e il punto fra le sopracciglia sono, in effetti, rispettivamente il polo
positivo e il polo negativo di un unico centro di energia vitale intelligente. Paramahansaji talora
suggeriva ai devoti di fissare l’attenzione nel punto fra le sopracciglia e talaltra sul midollo
allungato, ma i due centri sono in realtà uno solo per polarità. Allorché lo sguardo è fisso con
calma concentrazione sul punto fra le sopracciglia, la corrente proveniente dai due occhi va prima
su quel punto della fronte e poi al midollo allungato. Compare allora nella fronte il singolo occhio
astrale di luce, ivi riflesso dal midollo allungato. Fine nota).

A tempo debito l’uomo fissa automaticamente il pensiero su una di queste tre zone fisiologiche.
Durante gli stati emotivi, ad esempio, egli sente il centro del cuore a esclusione di tutte le altre
parti del corpo. Con la pratica continua delle affermazioni, si acquista il potere di dirigere
consapevolmente l’attenzione alle sorgenti vitali della volontà, del pensiero e del sentimento.

Un’assoluta e indiscussa fede in Dio è il metodo più valido per ottenere una guarigione istantanea.
Compiere uno sforzo incessante per suscitare questo tipo di fede è il supremo e più remunerativo
dovere dell’uomo.

Parte II – AFFERMAZIONI SCIENTIFICHE DELLA GUARIGIONE

6. AFFERMAZIONI SCIENTIFICHE DI GUARIGIONE

Nell’usare le affermazioni contenute in questo libro il devoto solo, o la persona che presiede il
gruppo, potrà leggere un’intera affermazione senza interrompersi, oppure, se lo ritiene opportuno,
potrà interrompersi per ripetere il passo che desidera.

– Affermazioni per una guarigione generale –

Sull’altare di ogni sentimento, di ogni pensiero e di ogni volere, hai la tua dimora, hai la tua
dimora. Tu sei tutto il sentire, il volere e il pensare. Sei tu che li guidi Fai che ti seguano. Che
ti seguano e siano come tu sei. Nel tempio della coscienza c’era la luce: la tua luce. Io non la
vedevo. Ma ora la vedo. Il tempio stesso è luce, il tempio è intatto. Ho dormito sognando che il
tempio crollava minato dal panico, dall’inquietudine e dall’ignoranza. Ho dormito sognando che il
tempio crollava mirato dal panico, dall’inquietudine e dall’ignoranza. Ma tu mi hai destato; mi hai
destato. Il tuo tempio è intatto Il tuo tempio è intatto

Voglio adorarti Voglio adorarti. Ti amo nel mio cuore, nelle stelle, in ogni cellula. Scherzo con te
negli elettroni. Voglio adorarti nel mio corpo, negli astri, nella polvere di stelle e nelle
nebulose. Tu sei ovunque e ovunque ti adoro.

Il tuo soave volere si riflette nella mia volontà umana. Si riflette in me, in me, in me Voglio
ambire, voglio volere, voglio operare e approfondire, non guidato dall’ego, ma da te, da te, da te.
Voglio operare, applicare la mia volontà, ma tu alimentala col tuo volere, col tuo volere. Rendici
come fanciulli, o Padre, come quelli che appartengono al tuo regno. Il tuo amore in noi è
perfezione. Tu sei completo e noi siamo completi come te, integri nel corpo e nella mente, come lo
sei tu, come lo sei tu. Tu sei perfetto. Noi siamo tuoi figli. Tu sei dappertutto e ovunque tu sei è
perfezione. Tu dimori sull’altare di ogni mia cellula e in tutte le cellule: sono integre, sono
perfette. sono integre, sono perfette. Fammi sentire che tu sei in tutte, in tutte Fammi sentire che
tu sei in tutte, in tutte e in ognuna. In tutte e in ognuna. Vita della mia vita, tu sei completo,
tu sei dappertutto: nel mio cuore, nel cervello, negli occhi, sul mio volto e in tutte le membra.
Dappertutto. Tu muovi i miei piedi: essi sono sani, sono sani. Le mie gambe sono sane: sono sane
perché tu sei in esse. Tu le sorreggi per non farmi cadere per non farmi cadere. Sono sane perché tu
sei in esse. Sono sane perché tu sei in esse. Sei nella mia gola. Le mucose e l’addome irradiano la
tua luce. Sono sani perché ci sei tu. Sprazzi della tua luce percorrono le mie vertebre: sono sane,
sono sane. Tu corri lungo i miei nervi: sono sani, sono sani. Mi circoli nelle vene e nelle arterie:
sono sane, sono sane. Tu m’illumini lo stomaco, tu m’illumini le viscere: sono sani, sono sani. Tu
sei mio e io sono tuo. Tu sei perfetto. Tu sei me. Tu sei me. Tu sei il mio cervello: è luminoso e
sano, sano, sano, sano. La mia immaginazione corre a briglia sciolta, a briglia sciolta. Sto male
quando credo di star male. Sto bene quando credo di star bene. ora per ora, giorno per giorno, nel
corpo, nella mente e in ogni modo, sono sano e felice. Sano e felice. Nel mio sogno sognai di star
male, ma al risveglio sorrisi vedendomi ancora rigato di lacrime. Lacrime di gioia e non di
amarezza. E vidi che avevo sognato il mio male, perché io sono sano. Sono sano. Fammi sentire il
palpito della tua tenerezza, il palpito della tua tenerezza. Tu sei mio Padre e io il tuo figliolo.
Buono o cattivo, sono il tuo figliolo. Fammi conoscere la tua ebbrezza salutare e la saggezza del
tuo volere, e la saggezza del tuo volere.

– AFFERMAZIONI BREVI –

Padre di perfezione, la tua luce irradia attraverso il Cristo, attraverso i santi di tutte le
religioni, attraverso i maestri dell’India e attraverso me. Questa luce divina è presente in ogni
parte del mio corpo. Io sto bene.

O Energia Cosmica cosciente, la tua vita è la mia. Sei tu che trasformi gli alimenti solidi, liquidi
e gassosi, spiritualizzandoli nell’energia che sostiene il mio corpo.

Padre Celeste, le cellule del mio corpo sono fatte di luce e le mie cellule fisiche sono della tua
sostanza. Sono perfette perché tu sei perfetto. Sono sane perché tu sei la salute stessa. Sono
Spirito perché tu sei Spirito. Sono immortali perché tu sei la vita.

Sono rigenerato e rinvigorito dalla tua energia che dà vita.

Il potere risanante dello Spirito pervade tutte le cellule del mio corpo. Io sono fatto dell’unica
divina sostanza universale.Padre, tu sei in me: io sono sano. La tua energia mi percorre tutto; il
mio stomaco è sano perché la tua luce risanante è in esso.

Io riconosco che la mia malattia è la conseguenza di qualche trasgressione alle leggi della salute.
Voglio annullare il mal fatto alimentandomi alla maniera giusta, tenendo il corpo in esercizio e
pensando correttamente.

Padre Celeste, tu risiedi in ogni atomo, in ogni cellula, in ogni globulo e nella minima particella
dei nervi, del cervello e dei tessuti. Io sto bene perché tu sei presente in ogni parte del mio
organismo. La perfetta salute di Dio permea gli oscuri recessi della mia infermità fisica. In tutte
le mie cellule risplende la sua luce risanante. Sono tutte sanissime, perché la sua perfezione è in
loro.

– AFFERMAZIONI DA FARE APPLICANDO ENERGIA MENTALE –

Concentratevi sulla fronte e ripetete quanto segue:

Io penso alla mia vita che fluisce, io so che la mia vita fluisce, dal cervello in tutto il corpo.
Striature di luce si propagano oltre i tessuti, fino alla radice. La corrente di vita percorre
irruenta le vertebre lungo la spina dorsale, in un ribollio di schiuma e spruzzi. Le minuscole
cellule bevono tutte con le piccole bocche lucenti. Le minuscole cellule bevono tutte con le piccole
bocche lucenti.

AFFERMAZIONI BREVI

Padre Celeste, tu sei mio per sempre. In tutto ciò che è buono adoro la tua presenza. Dallo
spiraglio di tutti i pensieri innocenti io contemplo la tua bontà. O Padre, il tuo illimitato potere
risanante è in me. Manifesta la tua luce oltre il buio della mia ignoranza.

Ovunque la tua luce risanante è presente v’è perfezione. Quindi la perfezione risiede in me.

Padre Celeste, tu sei tutto il sentire, il volere e il pensare. Guida le mie percezioni, la volontà
e il pensiero, perché ti seguano e siano come tu sei.

I miei sogni di perfezione sono i ponti che mi conducono nel regno delle idee pure.

Giorno per giorno, cercherò sempre più la felicità nella mente e sempre meno nei piaceri materiali.
Dio è il pastore dei miei pensieri errabondi. Egli li condurrà alla sua dimora di pace.

Voglio purificare la mente col pensiero che Dio stesso guida ogni mia attività.

La saggia guida della ragione

I consigli che seguono vi offrono la possibilità di acuire l’attività mentale e di ragionare
correttamente.

1. Leggete dei buoni libri e assimilate con cura il messaggio che contengono.

2. Se leggete per un’ora, scrivete per due e riflettete per tre. Chi intende coltivare la capacità
raziocinante deve osservare questa proporzione.

3. tenete occupata la mente con idee che vi siano d’ispirazione. Non sprecate il vostro tempo
pensando in forma negativa.

4. Scegliete per la vostra vita il miglior piano che riuscite a formulare esercitando la ragione.

5. Rafforzate la facoltà raziocinante studiando le leggi che governano l’intelletto esposte nelle
dottrine della Self-Realization Fellowship.

6. Per sviluppare le vostre facoltà mentali utilizzate le affermazioni contenute in questo libro
pronunciandole con la forza che proviene dall’anima. Antichi e moderni studiosi di psicologia hanno
rilevato il fatto che l’intelligenza innata dell’uomo è capace di espandersi illimitatamente.

7. Obbedite alle leggi fisiche, sociali e morali. Allorché sarete convinti che esse sono governate
da una legge spirituale superiore, col tempo vi eleverete al di sopra delle leggi secondarie e vi
lascerete guidare in tutto dalla legge spirituale.

– AFFERMAZIONI DA FARE APPLICANDO LA FORZA DI VOLONTA’ –

Concentrate la volontà sul midollo allungato o nel punto fra le sopracciglia e ripetete le parole
seguenti, prima ad alta voce, poi diminuendo gradualmente fino a bisbigliare:

Io voglio – con una volontà che è divina – che l’energia vitale percorrendo i nervi e i muscoli
ricarichi i miei tessuti, le membra e tutto il mio essere, di un fuoco vibrante e stimolante e di un
vigore lieto e appassionato. Per ordine superiore io ti comando di fluire nel sangue e nelle
ghiandole. Per ordine mio io ti comando di ardere. Per ordine mio io ti comando di ardere.

– AFFERMAZIONI PER OTTENERE LA SAGGEZZA –

Concentratevi sulla zona della nuca, inferiormente alla calotta cranica e cercate di sentirvi la
presenza del cervello.

Tu ti aggiri sotto le volte della saggezza. Tu sei la ragione in me. Tu vai vagando e risvegliando
ogni piccola cellula inoperosa del cervello perché riceva, riceva ciò che di buono offrono la mente
e i sensi e la conoscenza che tu impartisci. Voglio pensare, voglio ragionare e non importunarti
quando mi basta riflettere. Ma quando la mia ragione sbaglia guidala tu alla giusta meta

* * *

Padre Celeste, Cosmica Madre, Maestro e Amico Divino, sono venuto da solo e solo me ne vado. Con te
solo, con te solo. Con te solo, con te solo. Tu mi hai fatto una casa di cellule viventi; una casa
per me. Questa mia casa è casa tua. L’hai fatta con la tua vita. L’hai fatta con la tua forza. La
tua casa è perfetta La tua casa è perfetta.

Sono il tuo figliolo e tu sei mio Padre. Entrambi abitiamo, entrambi abitiamo, lo stesso tempio
fatto di cellule; sì, questo tempio di cellule. Tu sei qui sempre, sul mio altare pulsante, a me
vicino. Io me ne andai. Me ne andai a giocare con le tenebre, a giocare con l’errore. Mi allontanai
come il figliol prodigo. Attraversando ombre oscure ho fatto ritorno a casa. Ho fatto ritorno a casa
con le tracce fangose della materia. Tu sei vicino, ma io non ci vedo. La tua casa è perfetta, ma io
non ci vedo. Sono cieco. La tua luce è qui, ma io non ci vedo per colpa mia. Non ci vedo per colpa
mia. Dietro al confine del buio splende la tua luce splende la tua luce. Luce e tenebre non stanno
insieme. Non stanno assieme. Ignoranza e saggezza non stanno assieme. Non stanno assieme. Fai
scomparire, oh, trascina via le tenebre, via, le mie tenebre via! Le cellule del mio corpo sono
fatte di luce. Le mie cellule fisiche sono della tua sostanza. Sono perfette perché tu sei perfetto.
Sono Spirito perché tu sei Lui. Sono immortali perché tu sei vivente.

– Affermazioni brevi –

Padre Celeste, la tua cosmica vita ed io siamo uno. Tu sei l’oceano. Io sono l’onda. Noi siamo uno.
Io reclamo il mio divino diritto di nascita, perché comprendo intuitivamente che ogni saggezza e
ogni potere sono già presenti nella mia anima. Dio è in me, mi circonda e mi protegge. Eliminerò
dunque ogni timore, che mi preclude la guida della sua luce. Dio è il Sé immanente nell’uomo e la
sola vita dell’intero universo. Sono immerso nell’eterna luce. Essa pervade ogni particella del mio
essere. Io vivo in quella luce. Lo Spirito divino mi compenetra interamente, dentro e fuori. Dio è
appena dietro la mia ragione, in questo e in ogni altro giorno e mi conduce costantemente verso la
giusta azione.

Nel raccogliere tutte le forze e facoltà per riuscire ad esprimere la volontà divina, oggi trovo
perfetta pace ed equilibrio. Le leggi operanti nel subconscio, nella coscienza e nella
supercoscienza, che si ottengono con il successo materiale

Il successo si può afferrare obbedendo alle leggi divine e alle leggi della materia. Ognuno dovrebbe
raggiungere sia il successo materiale che quello spirituale. Il successo materiale consiste nel
possedere quanto è necessario per vivere.

L’ambizione del guadagno dovrebbe includere anche il desiderio di aiutare il prossimo. Procuratevi
quanto denaro potete apportando dei miglioramenti di qualche tipo alla comunità in cui vivete, al
vostro paese o al mondo, ma non cercate mai dei vantaggi economici agendo contro gli interessi degli
altri.

Vi sono delle precise leggi operanti nel subconscio, nella coscienza e nella supercoscienza, che
governano il successo materiale e che consentono di superare un atteggiamento mentale incline
all’insuccesso.

Le legge del successo operante nel subconscio consiste nel ripetere alcune affermazioni con
intensità e attenzione, immediatamente prima di coricarsi, oppure al risveglio. Non intrattenete
dubbi di sorta! Quando volete raggiungere un qualsiasi legittimo scopo eliminate ogni preoccupazione
d’insuccesso. Poiché siete figli di Dio, confidate di poter ottenere ogni cosa che Egli possiede.

La mancata conoscenza di questa legge e la sfiducia sono costate all’uomo la perdita della sua
eredità immortale. Per attingere alle risorse della divina abbondanza dovete distruggere i “semi”
subconsci dei pensieri sbagliati ripetendo regolarmente alcune affermazioni e alimentandole con una
fiducia infinita.

La legge del successo che opera a livello cosciente consiste nel progettare e nell’agire in maniera
intelligente, rendendosi continuamente conto che Dio ci sta aiutando nei nostri progetti e nel
nostro duro e incessante lavoro.

La legge del successo che agisce nella supercoscienza viene resa operante dalle preghiere
dell’individuo e dalla sua comprensione dell’onnipotenza del Signore. Non interrompete i vostri
sforzi coscienti e non affidatevi interamente alle vostre abitudini naturali, ma chiedete l’aiuto di
Dio in tutto ciò che fate.

Quando si combinano questi tre metodi – che agiscono rispettivamente sul piano subconscio, conscio e
superconscio – il successo è assicurato. Tentate e ritentate sempre di nuovo, senza stare a
considerare quante volte non siete riusciti.

– AFFERMAZIONI PER OTTENERE UNA BUONA RIUSCITA MATERIALE –

Tu sei mio Padre: successo e gioia. Io sono figlio tuo: successo e gioia.

Tutti i tesori di questa terra e l’immensa dovizia dell’universo sono tuoi. Sono tuoi. Io sono tuo
figlio. I tesori della terra e dell’intero universo sono miei. Miei! Oh, sono miei!

Ho vissuto con pensieri di povertà e figurandomi – a torto di essere povero. Quindi ero povero. Ora
sono tornato a casa. La coscienza di te mi ha dato l’abbondanza e la prosperità. Ho trovato il
successo e la ricchezza. Tu sei il mio tesoro. Sono ricco! Sono ricco! Tu sei tutto ciò che esiste.
Tutto. Tu sei mio. Ogni cosa è mia. Ogni cosa. Ho l’abbondanza e la ricchezza. Ogni cosa è mia. Ogni
cosa. Possiedo tutto ciò che esiste. Come te! Come te! E’ tutto quanto mio. Tutto. Tu sei la mia
abbondanza. Ogni cosa è mia. Affermazioni brevi

Io so che il potere di Dio non ha limiti ed essendo fatto a sua immagine ho anch’io la forza
necessaria per superare ogni ostacolo.

Io possiedo la capacità inventiva dello Spirito. L’intelligenza infinita mi guiderà a risolvere ogni
problema. Dio è la mia inesauribile banca celeste. Io sono sempre nell’abbondanza, perché posso
accedere al deposito del cosmo. Voglio procedere con l’assoluta fiducia che la forza del bene
presente ovunque mi attrarrà ciò di cui ho bisogno e nel momento in cui ne ho bisogno. Il sole della
divina abbondanza ha appena incominciato a fendere il cielo buio delle mie limitazioni. Sono figlio
di Dio. Quel ch’è suo è mio.

– Eliminare dall’anima l’ignoranza –

La buona riuscita spirituale consiste nel porsi consapevolmente in sintonia con la mente cosmica e
nel mantenere la propria pace e il proprio equilibrio, per quanto irrimediabili possano essere gli
eventi che si verificano nella nostra vita, come la perdita di un congiunto o qualche altra
sventura. Quando la legge di natura vi separa da uno dei vostri cari non dovete rattristarvi.
Ringraziate invece Dio umilmente per il privilegio che vi ha concesso di poter servire, aiutare e
curare uno dei suoi figli.

Il successo spirituale si conquista comprendendo il mistero della vita, osservando i fatti con animo
sereno e intrepido e rendendosi conto realmente che tutti gli eventi si svolgono secondo il
meraviglioso piano divino. La saggezza è l’unica cura per la malattia dell’ignoranza.

– AFFERMAZIONI PER OTTENERE IL SUCCESSO SPIRITUALE –

Tu sei la saggezza stessa e conosci la causa e il fine di tutte le cose.

Io sono il tuo figliolo; voglio conoscere il vero mistero della vita, il vero gioioso dovere della
vita.

La tua saggezza mi svelerà tutte le cose che tu sai, tutte le cose che tu sai.

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments