Il Suono Cosmico:”OM”

pubblicato in: AltreViste 0

Il Suono Cosmico:”OM”

di Yoganandaji

Tratto da:
“Il vangelo di Gesù, secondo Paramhansa Yogananda”
Volume terzo. Edizioni Vidyananda.

Il Suono Cosmico, o Om

Il Suono Cosmico è la parola di Dio. Lo Spirito di Dio parla ai devoti attraverso il Suono Cosmico. Durante la meditazione del devoto, il Suono Cosmico o Om può vibrare il volere divino in qualsiasi tipo di linguaggio udibile o intelligibile. Dio può anche usare il Suono Cosmico perché vibri in lettere luminose di qualsiasi lingua, che si rivelano nella meditazione del devoto. Il linguaggio eterico in suoni o in lettere emesso dal Suono Cosmico può essere udibile o visibile a un singolo devoto o a un gruppo di devoti, secondo il volere divino. Così Dio dà vibranti consigli al devoto attraverso il Suono Cosmico. (Vedi il giorno di Pentecoste negli ‘Atti degli Apostoli’).

Il Suono Cosmico è la matrice di tutti i linguaggi umani e di tutti i tipi di raggi esistenti nel cosmo. Gesù dice al devoto (esoterico) che egli deve sapere come ricevere la guida di Dio attraverso il Suono Cosmico che si ode in meditazione e, contattando regolarmente il Suono Cosmico, deve sapere come disciplinare tutta la sua vita.

Tutti gli yogi e i grandi devoti realmente avanzati nella meditazione sanno come contattare Dio come Vibrazione Cosmica. Questi yogi sono inebriati dalla gioia sentita nel Suono Cosmico. Sotto l’influenza del Suono Cosmico o Spirito Santo, i discepoli di Cristo si sentirono inebriati come se si fossero ubriacati di vino nuovo. Gesù disse che avrebbe mandato lo Spirito Santo ai suoi discepoli, dopo che sarebbe stata tolta loro l’ispirazione della sua presenza fisica. Dopo la risurrezione, quando Gesù incontrò i suoi discepoli tra l’altro insegnò loro l’arte di contattare lo Spirito Santo, e disse: “Ricevete lo Spirito Santo”.

– Le Sette Manifestazioni di Dio –

Ogni devoto che va nel silenzio o ciecamente o con una tecnica cosciente, la prima cosa che sente quando la sua concentrazione diventa profonda è il Suono Cosmico. Dio Si manifesta al devoto che medita come Suono Cosmico, Luce Cosmica, percezione della Vibrazione Cosmica, Gioia Cosmica sempre-nuova, Saggezza Cosmica, Amore Cosmico e Devozione Cosmica. Queste sono le sette manifestazioni di Dio percepite distintamente dai devoti che vanno profondamente in meditazione.

Molti devoti sono confusi circa le manifestazioni di Dio e quindi non possono realizzare queste sette distinte manifestazioni. Ogni devoto che in meditazione vede Dio non come una piccola luce, ma come una Luce Cosmica, ha il contatto di Dio. Similmente, il devoto che percepisce Dio come la Gioia Cosmica sempre-nuova o una qualsiasi delle sette manifestazioni può essere certo di stare contattando Dio. Il devoto che durante la meditazione contatta Dio come saggezza non ha bisogno di studiare libri; un vero devoto come lui riceve tutta la saggezza dalla sua intuizione.

Qui Gesù dice chiaramente come Dio parla ai devoti attraverso la Parola o la Vibrazione Cosmica. Inoltre egli avverte il suo uditorio che ascoltare una o due volte il Suono Cosmico non è abbastanza, ma dice che bisogna osservarlo, cioé osservare continuamente il Suono Cosmico nella propria coscienza e farsi guidare da esso.

Parlando dello Spirito Santo come del grande Consolatore, Gesù descrive Dio come Vibrazione Cosmica o Parola o Suono Cosmico o Amen. Quando parla dello Spirito Santo come del grande Consolatore, egli vuol dire che Dio Si manifesta al devoto in meditazione non solo come Vibrazione Cosmica, ma anche come la Gioia sempre-nuova che dà all’uomo il supremo conforto e la libertà da ogni dolore.

Gesù insegnò la tecnica per contattare Dio per mezzo dello Spirito Santo, ma nel corso dei secoli, a causa della rigorosa segretezza, la tecnica è scomparsa dal mondo cristiano.

“Mentre le folle gli si accalcavano, Gesù cominciò a dire: ‘Questa generazione è una generazione malvagia; essa chiede un segno, ma non le sarà dato alcun segno se non quello di Giona. Perché come Giona fu un segno per quelli di Ninive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. La regina del sud sorgerà nel giudizio insieme con gli uomini di questa generazione e li condannerà; perché essa venne dalle estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco c’è qui ben più di Salomone. Quelli di Ninive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perché essi si convertirono alla predicazione di Giona. Ed ecco, c’è qui ben più di Giona’”. (Luca 11: 29-32).

“La gente comune vuole un segno spettacolare o un miracolo che manifesti il potere e la presenza di Dio; ma raramente Dio permette queste dimostrazioni spettacolari della Sua presenza”.

– Miracoli Quotidiani di Dio –

Con queste parole Gesù vuol dire che sia nella natura che nell’uomo Dio sta operando abbastanza miracoli che danno prova di Lui. L’onnipotente Padre Celeste dotato di ogni grazia è umile. Egli vuole che tutti i devoti che vogliono essere onnipotenti come Lui, e manifestare la Sua vera immagine, siano umili e non mostrino miracoli o segni solo per soddisfare la curiosità di persone incredule e superficiali. Gesù fece i miracoli per aiutare la gente e per dimostrare sottilmente la presenza di Dio. Ma non usò mai i miracoli per sopprimere la cattiveria dell’uomo con la costrizione o la forza bruta.

Gesù venne per dimostrare la superiorità della forza spirituale sulla forza bruta. Anche quando fanno i miracoli, le anime divine come Gesù non li usano per sfidare la forza bruta o la malvagità dell’uomo, ma come un’utile forza benigna che esprime umilmente la potenza segreta di Dio. Perciò, nessun devoto che possiede dei poteri miracolosi deve usarli per sopprimere con la forza la malvagità dell’uomo o per soddisfare la sua curiosità.

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments