Home » AltroBlog » AltreViste » Vata – Pitta – Kapha

Vata – Pitta – Kapha

pubblicato in: AltreViste 0
[ 5 minuti di lettura ]

Vata – Pitta – Kapha

Vata

L’energia Vata si compone di Aria e di Spazio e corrisponde approssimativamente al sistema nervoso
del corpo. In termini moderni, si potrebbe dire che le funzioni Vata siano equivalenti alle azioni
dei neutrotrasmettitori presenti nel cervello. Il Vata governa la respirazione e tutto ciò che
riguarda il movimento del corpo, si caratterizza come secco, leggero, ruvido e veloce.
Il Vata è ritenuto il Dosha più influente che governa tutte le funzioni del corpo ed è il principale
motore della nostra mobilità. E’ legato all’attività e alla vitalità, controlla gli spazi vuoti
all’interno del corpo (i seni paranasali, la cavità addominale, il sistema polmonare e l’orecchio
interno), nonchè il sistema nervoso. Vata controlla inoltre la divisione delle cellule, la
formazione degli strati cellulari, il funzionamento del cuore, dei polmoni, dello stomaco e
dell’intestino, guida le attività del cervello e degli organi motori ed è responsabile delle
eliminazione delle scorie. Un eccesso di Vata può dare origine a disidratazione e problemi connessi,
invecchiamento prematuro, pelle secca e altri disturbi cutanei, e una lenta cicatrizzazione delle
ferite. Una insufficienza di Dosha Vata può causare sensazioni di pesantezza, pigrizia e una cattiva
circolazione.
I tipi che presentano una predominanza di Vata tendono ad essere di corporatura leggere, sono privi
di solidità, eterei e creativi; possono anche essere inaffidabili e di umore mutevole. Da giovani
essi sono solitamente molto magri e atletici ed esprimono spesso originalità di pensiero. Il puro
tipo Vata è molto alto o molto basso, tendente ad uno dei due estremi, scheletrico e pieno di
energia. Mirano all’ascetismo, e spesso hanno un lato spirituale assai sviluppato che li porta a
studiare e a mostrare interesse per argomenti esoterici. Alcuni possono persino avere doti di
chiaroveggenza o psichiche.

Un eccesso di influenza di Vata potrebbe causare i sintomi tipo: un colorito più scuro della norma,
labbra secche, occhi asciutti, tosse secca, urine giallo scuro e feci dure, asciutte e scure. In
breve un eccesso di Vata porta ad una disidratazione dell’intero corpo; vi è troppa aria e
insufficiente quantità di acqua.

Esistono cinque tipi di Vata localizzate in determinate parti del corpo:

– Prana (cuore, cervello, torace, orecchie , naso e gola)
– Apana (colon, ano, vescica, ombellico, genitali e organi pelvici)
– Samana (stomaco, duodeno e intestino tenue)
– Udana (gola, ombellico e polmoni)
– Vyana (localizzato in tutto il corpo)

Pitta

L’energia Pitta si compone di fuoco e di acqua. Governa la generazione e la conservazione del calore
corporeo, della digestione e del metabolismo, nonchè dell’intelligenza. La sede principale
dell’energia Pitta è lo stomaco.
I tipi con Pitta predominante tendono alla via di mezzo, sia fisica sia mentale. In generale essi
presentano una pelle liscia che tende presto al grigio, e gli uomini diventano calvi prematuramente.
I tipi Pitta hanno un metabolismo attivo e un buon appettito, preferiscono i sapori acri,
astringenti e dolci; e le bevande fredde, hanno un’abbondante traspirazione e tendono ad una
temperatura corporea calda. Sono abbastanza attivi, ma sono restii ai lavori pesanti, sono acuti,
ambiziosi, mostrano qualità leadership, tendono ad essere moderatamente ricchi e amano le cose
belle. Sono sia creativi che stabili.

Uno squilibrio di Pitta può portare ai disturbi tipo cattiva digestione, una temperatura corporea
irregolare, eccessiva traspirazione, indebolimento della vista, pelle chiazzata e altri disturbi
cutanei, intestini irritabili e diarrea, ansia e irritabilità. Gran parte dei medici ayurvedici
ritengono che le malattie causate da un Pitta disturbato siano meno serie di quelle dovute a uno
squilibrio di Vata.

Esistono cinque tipi di Pitta localizzate in determinate parti del corpo:

– Pachaka (stomaco, duodeno, intestino tenue)
– Alochaka (occhi)
– Ranjaka (fegato, milza e stomaco)
– Bhrajaka (pelle)
– Sadhaka (cuore)

Kapha

L’energia Kapha si compone di Acqua e di Terra. Essa regola le funzioni basate sull’elemento Acqua
nel corpo e governa la forza e la massa corporea. Lubrifica le articolazioni e mantiene efficiente
il sistema immunitario del corpo.

Le persone con Kapha predominante tendono al sovrappeso; prendono peso facilmente e hanno difficoltà
a perderlo. Sono inclini ad essere lenti e massicci e non è insolito che coloro che all’inizio della
vita hanno Vata predominante, tendano con l’invecchiamento a diventare Kapha, rallentando il
metabolismo accumolano peso (assumendo più cibo di quanto il loro corpo possa bruciare con
facilità). Hanno spesso la pelle spessa e grassa e i capelli fitti e lucenti, grandi occhi e forti
unghie. Possono tendere alla pigrizia e a chiedere agli altri fare delle cose per loro, benchè
riescano a sopportare il duro lavoro fisico. dormono bene e devono guardarsi dal dormire troppo.
Il temperamento dei tipi Kapha può sembrare ottuso, lento e restio ai cambiamenti e a ciò che è poco
familiare. Sono inclini a conservare (energia, forza e denaro), piuttosto che a spendere. Sono
tolleranti, inclini al perdono, calmi e lenti all’ira, sono spesso brave persone d’affari e ricche;
sono tuttavia lenti nell’apprendere le informazioni. Nelle loro relazioni interpersonali essi
tendono ad essere possessivi e ingordi. Hanno un debole impulso sessuale e trovano la fedeltà una
condizione facile da mantenere. Non sono propensi alla depressione e sono più materiali che
spirituali.

Uno squilibrio di energia Kapha può causare i sintomi tipo: un’apparenza esile e flaccida dovuta a
scarsa capacità di nutrizione, giunture sciolte, un corpo debole e troppo morbido, impotenza,
digestione lenta, eccessivo muco, prepotenti sentimenti di gelosia, insucurezza e intolleranza.

Esistono cinque tipi di Kapha localizzati in determinate parti del corpo:

– Kledaka (stomaco)
– Avalambaka (cuore e torace)
– Bodhaka (lingua)
– Tarpaka (testa, cervello, organi sensoriali)
– Slesaka (articolazioni)

www.ayurvedam.it/vata_pitta_kapha.htm

Condividi:

Lascia un Commento: