Scienza e Conoscenza – n. 54

pubblicato in: AltreViste 0

Scienza e Conoscenza – n. 54

Nuove scienze, Medicina non Convenzionale, Consapevolezza

>> http://goo.gl/FqhjNg

Scienza e Conoscenza – n. 54 – Rivista Cartacea

Scopri la magia dell’acqua con il nuovo numero di Scienza e Conoscenza!

«Gli oceani ci ispirano, ci emozionano e ci tranquillizzano. Alcuni pensano che dobbiamo il nostro
intelligente cervello, e il successo che esso ha reso possibile, allo stretto legame che i nostri
antenati avevano con il mare. Ma la nostra relazione con il mare risale a tempi ben più lontani: arriva fino alle origini della vita stessa. Siamo creature delloceano» Callum Roberts, biologo marino

Anche se a una prima occhiata il mondo ci appare dominato dalla materia nella sua forma solida
alberi, strade, case, prati, animali a ben vedere è lelemento liquido a farla da padrone. Lacqua
è il principale componente dellorganismo umano e lelemento preponderante sul pianeta Terra, il pianeta Blu.

Lacqua labbiamo sempre percepita come una cosa semplice, una molecola facile, composta dai suoi
due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. La sua formula chimica labbiamo imparata alla scuola
elementare e ci è familiare come andare in bicicletta, come mangiare una mela. Forse ci ricordiamo
della prima volta che abbiamo visto il mare, o un grande fiume, o un lago e dellemozione che quella
visione ha lasciato di noi. Forse ci ricordiamo quando abbiamo realizzato, guardando il mappamondo,
che si deve girare un bel po la sfera per vedere fin dove arriva loceano Pacifico.

«I pesci non sanno cosa sia lacqua scriveva Osho ci vivono, nuotano e ci muoiono, appaiono e
scompaiono nellacqua, ma non sanno cosa sia». Anche noi uomini non sappiamo cosa sia lacqua, almeno non lo abbiamo saputo per molto tempo, non ce ne siamo preoccupati.

Abbiamo trascurato il fatto che lacqua ci compone, che siamo esseri fatti dacqua e che questacqua
una funzione, un ruolo, lo deve pur avere; ci deve pur sostanziare in qualche modo, a livello
fisico, biologico, organico ma anche spirituale ed energetico: non può essere solo un riempitivo.

Questo numero di Scienza e Conoscenza è dedicato a tutti coloro che non si sono accontentati di
vedere lacqua come H2O pensiamo a Emoto, a Benveniste, a Quinton, a Del Giudice ed è fatto da
tutti coloro che, proseguendo sulla strada aperta da questi illustri maestri, hanno continuato a
indagare la natura dellacqua, fino a scoprire, prove scientifiche alla mano, che quella semplice e
tanto familiare molecola è il più potente mezzo di ricezione e trasmissione di informazioni nel corpo, e non solo.

Marianna Gualazzi

Indice

Acqua secca, matrice della vita – È possibile estrarre corrente dall’acqua? Come funzionano i granuli omeopatici?
Roberto Germano

Acqua informata – la rivoluzione nella cura
Urbano Baldari

Sorella Acqua – Il meraviglioso mondo quantistico spiega come l’acqua possa ricevere e riemettere segnali elettromagnetici e, quindi, diffondere informazioni Gianni Vota

Acque Sacre – Lourdes, Fatima, il Gange: cos’hanno di straordinario le acque considerate sacre e curative?
Carmen Di Muro

H2O: amore e gratitudine – Masaru Emoto e la pedagogia dell’acqua Andrea Nitta

Il siero della vita – Plasma di Quinton: acqua di mare che guarisce Valerio Pignatta

Acqua coerente e cromopuntura
Vincenzo Primitivo

Il cancro e il Buddha – Le malattie tumorali come squilibrio energetico, mentale e spirituale Gioacchino Pagliaro

Vivoterapia – Omeopatia in natura con estratti freschi di vegetali intervista al dottor Paolo Mosconi

Cibo-spazzatura – Perché siamo dipendenti?
Rocco Palmisano

Big Bang o Big bluff? – I lati oscuri di una delle teorie più accreditate della scienza Luigi Maxmilian Caligiuri

Acqua di Quinton, il siero della vita

L’acqua di mare può essere utilizzata come cura? Per quali patologie? Alla scoperta di René Quinton,
il biologo francese che a fine Ottocento mise in luce le connessioni biologiche tra l’acqua di mare e l’organismo umano – Articolo tratto da Scienza e Conoscenza n.54

Acqua di Quinton, il siero della vita
L’evoluzione della vita sul nostro pianeta ha preso slancio, come sappiamo, dall’ambiente marino,
dato che l’atmosfera non aveva, inizialmente, le caratteristiche per consentire la sopravvivenza dei primi microscopici esseri viventi.

Stiamo parlando di miliardi di anni fa per le forme di vita relativamente più primitive (ad esempio
le alghe) e di centinaia di milioni di anni per alcune più evolute (come gli antenati delle meduse).
Nella catena evolutiva che è seguita, la complessità e la differenziazione degli esseri viventi è
andata poi crescendo sino allo sbarco per alcune specie di essi sulla terraferma, sbarco che ha
comportato, nelle diversificazioni ulteriori che sono seguite in altrettante centinaia di milioni di anni, anche la comparsa dell’essere umano.

Chi era René Quinton

Un fisiologo e biologo francese vissuto a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi del
Novecento, René Quinton (1866-1925), che, come assistente, conduceva ricerche sulla temperatura e la
composizione salina tra le specie presso il Laboratorio di Patologia Fisiologica al Collegio di
Francia, riflettendo e analizzando questa storia pregressa comune a tutte le forme di vita iniziò a
ipotizzare delle spiegazioni biologiche su alcune funzioni metaboliche dell’organismo umano che
potevano avere a che fare con questa eredità acquatica e marina. Da questo inquadramento e dalla
sperimentazione conseguente che ne seguì, Quinton riuscì anche a trarre delle terapie molto efficaci e funzionali che hanno preso e portano a tutt’oggi il suo nome.

Ma vediamo più da vicino questa scoperta affascinante che ha procurato allo scienziato francese,
molto noto e apprezzato al suo tempo ma oggi dimenticato, i soprannomi di filosofo del mare e di Darwin francese.

Le leggi di Quinton

Studiando l’ambiente marino e scoprendo che l’acqua di mare e il corpo umano sono abbastanza simili
(nonché che la prima rimane bevibile e iniettabile), Quinton elaborò una teoria secondo cui gli
organismi che hanno abbandonato l’ambiente marino durante l’evoluzione conservano nel sangue la
concentrazione salina propria dell’acqua all’epoca in cui l’abbandonarono (legge di costanza osmotica).

Ma non solo. Secondo Quinton, gli attuali organismi animali delle diverse specie, manifestatisi per
la prima volta nell’ambiente marino a livello primitivo, tendono a serbare, al fine del loro
funzionamento cellulare, le cellule costitutive degli organismi corrispondenti nel mezzo marino delle loro origini (legge della costanza marina).

In pratica, nonostante i milioni o miliardi di anni trascorsi, nell’essere umano c’è una continuità
con l’ambiente marino che ancora influisce e caratterizza fortemente l’organizzazione biologica e
cellulare del suo organismo. Secondo Quinton, il liquido in cui sono immerse le nostre cellule (i
liquidi extracellulari e in particolare il liquido interstiziale) sarebbe ancora, per composizione, più o meno lo stesso liquido marino di milioni e miliardi di anni fa.

Da questa premessa si deduce che Quinton presupponeva un aumento della concentrazione salina
graduale nella scala evolutiva del pianeta, dato che oggi il contenuto di cloruro di sodio
nell’ambiente cellulare interno di un uccello è 7,2 g su 1.000 g mentre quello del mare è 33 g su
1.000. Quinton credeva che la vita animale fosse apparsa nel momento in cui il mare aveva una concentrazione compresa tra 7 e 8 g per ogni 1.000.

La concentrazione salina di ogni animale dipende quindi, secondo Quinton, dall’epoca della propria comparsa, a seconda che sia più o meno recente.

Tuttavia oggi sappiamo che non è possibile affermare che la concentrazione salina dei mari è
aumentata negli ultimi 600 milioni di anni, dato che l’analisi dei sedimenti oggi possibile mostra che perlomeno non è cambiata negli ultimi 200 milioni di anni.

Anche riguardo alla temperatura corporea Quinton fece una proposta di spiegazione evolutiva.
Misurando personalmente la temperatura rettale di tutti gli animali che riuscì a reperire stabilì la
cosiddetta legge di costanza termica. Essa sosteneva che specie di animali simili ma nate
evolutivamente in tempi diversi avevano in effetti temperature basali diverse. Lui riscontrò
differenze che andavano dai 16 gradi dell’ornitorinco ai 43 gradi dei mammiferi delle regioni
artiche. In sostanza, mentre il pianeta andava raffreddandosi, la vita cellulare comparsa a una
certa temperatura tendeva a mantenere, al fine del proprio funzionamento, la temperatura delle proprie origini.

Studi odierni hanno dimostrato che esistono animali ambientati a temperature anche ben inferiori o
anche superiori a quelle rilevate da Quinton. Inoltre egli non poté tenere conto dell’alternarsi
delle ere glaciali di cui al suo tempo non si aveva conoscenza e che contraddicono la sua prospettiva.

Un’ulteriore legge affermata da Quinton, detta della costanza luminosa, è invece quella che afferma
la capacità degli organismi fosforescenti di produrre la luce al fine di mantenere l’elevata attività cellulare propria di certe specie.

Dal mare, la vita

Sebbene gli assunti di Quinton (riuniti alla fine in un’unica legge di costanza generale) non siano
oggi riconfermati da sperimentazioni e vengano ritenuti privi di ogni evidenza scientifica per le
scoperte successive che li hanno quasi completamente invalidati, non si può non ritenere che la
filosofia marina che sottende il lavoro di Quinton (di cui intuitivamente possiamo percepire una
certa logicità e riscontro biologico) ci riservi una notevole possibilità di intervento su molte
patologie e concorra a spiegare alcune modalità di funzionamento e di guarigione proprie dell’organismo umano.

In un’epoca in cui si pensava che la materia vivente fosse costituita e dipendesse esclusivamente da
una certa quantità di corpuscoli atomici, il sostenere che in essa vi si riscontra invece tutto
l’insieme degli elementi presenti nell’acqua di mare fa di lui un precursore di quella branca della
biologia che sottolinea l’importanza degli oggi stranoti oligoelementi, figura chiave di molti metabolismi cellulari e organici.

Va inoltre ricordato che le scoperte di Quinton hanno caratterizzato per molti decenni la medicina
balneare, poi trascurata nel secondo dopoguerra, ma oggi di nuovo in auge e in ripresa nei centri termali e marini salutistici.

Il mare, come elemento primordiale vitale per l’essere umano, è studiato attualmente da molti scienziati anche nella sua accezione terapeutica.

Il suo utilizzo come fonte anche di ioni fondamentali è una possibilità di cui molti terapeuti sono sempre più consapevoli.

E Quinton ne fornì anche delle sperimentazioni terapeutiche accurate.

Il plasma di Quinton

L’opera di Quinton non rimase impaludata a livello di speculazione teorica, ma trovò sbocco concreto
nel 1907 in un vero e proprio dispensario marino che vide la luce a Parigi e che fu da lui
diretto. Il successo conseguente (300 iniezioni al giorno di quello che poi sarà chiamato plasma di
Quinton) portò all’apertura di altri dispensari simili, sia nella capitale che in altre città della Francia e di altri paesi.

Ma che cos’è questo plasma che ancora oggi è possibile acquistare in farmacia e che anzi sta
conoscendo un momento di riscoperta all’interno delle medicine non convenzionali? La preparazione
del plasma richiede un protocollo molto severo e la scelta del prodotto da parte dell’acquirente dovrebbe senz’altro cadere su quelle aziende farmaceutiche che lo rispettano.

Nel protocollo originale l’acqua è prelevata a dieci metri di profondità in zone vorticose, ridotta
poi a concentrazione isotonica e preparata in ambiente sterile senza aumento di temperatura e senza
contatto con oggetti metallici né processi elettrici, al fine di conservare intatto l’ambiente vivente.

Esistono due preparazioni di plasma di Quinton: quella isotonica e quella ipertonica che contiene
una concentrazione tre volte maggiore di minerali e oligoelementi. Quella isotonica invece ne ha una
concentrazione identica a quella del plasma del sangue umano. A seconda delle patologie per cui
viene consigliato di assumere quest’acqua di mare il medico di riferimento o il naturopata
sceglieranno l’una forma o l’altra, che vengono assunte normalmente per bocca sotto forma di fiale
bevibili (ne esiste anche una variante in polvere per le malattie dermatologiche).

Le iniezioni, un tempo così diffuse, non sono più praticate dal 1982 a seguito di un caso di
intolleranza verificatosi in Francia: in un paziente sottoposto a iniezione di un preparato di acqua
di mare si manifestarono effetti indesiderati, ma mancano molti elementi per valutare il caso in
maniera obiettiva, in quanto non si conosce né la marca dell’acqua iniettata, né il punto d’iniezione, né per quale patologia era stata fatta la prescrizione.

Acqua di mare che cura

Il meccanismo di funzionamento di questi preparati è legato alla loro azione sull’equilibrio
acido-basico, sul rafforzamento del sistema immunitario (tramite l’apporto degli elementi essenziali
all’attività cellulare) e sulle caratteristiche terapeutiche degli ioni più importanti (potassio, calcio, sodio, magnesio).

Il più noto studioso e commentatore di Quinton, André Mahé, sostiene che l’ipervitalità riscontrata
sui soggetti trattati in ogni esperimento e trattamento di Quinton , sia che si tatti di animali che
di essere umani, suggerisce che l’organismo trova nell’acqua di mare un apporto vitale superiore
rispetto a quello dell’ambiente interno da cui è stato tratto. Per usare una metafora, si potrebbe
dire che il plasma è destinato a sostituire, nell’acquario dell’organismo umano, acqua inquinata
da tossine ad esempio dell’ambiente interno con acqua di mare assolutamente pura, particolarmente adatta per la fisiologia cellulare.

Le cure possono essere eseguite a casa per le malattie più comuni, ma anche in centri specializzati
in tema per le patologie più gravi. Se ne fa un uso crescente anche in odontoiatria, idrocolonterapia, attività sportive e infine in veterinaria.

Per avere un’idea della vastità dell’intervento possibile, basti dire che sino al 1975 il plasma di
Quinton era presente sul dizionario Vidal (dizionario farmaceutico francese destinato ai medici) per
le seguenti indicazioni: gastroenteriti, tossicosi, eczema, anoressia, trattamento prenatale, parti
prematuri, anemia, astenia, sovraffaticamento, disturbi della senescenza, vomito in gravidanza,
costipazione, dissenteria, tubercolosi polmonare, sclerosi a placche, infezioni utero-genitali,
raffreddori, riniti, sinusiti, orticaria, psoriasi, allergie e molto, molto altro ancora.

Metodo terapeutico interessante e da riscoprire quindi, privo di effetti collaterali e ricco di
implicazioni filosofiche che andrebbero recuperate. Speriamo che le scoperte di Quinton possano
essere riportate all’attenzione del grande pubblico, reinterpretate e aggiornate alla luce delle attuali conoscenze.

Articolo per gentile concessione di Scienza e Conoscenza

Scienza e Conoscenza – n. 54 – Rivista Cartacea >> http://goo.gl/FqhjNg Nuove scienze, Medicina non Convenzionale, Consapevolezza
Editore: Scienza e Conoscenza
Data pubblicazione: Ottobre 2015
Formato: Rivista – Pag 80 – 19,5×26,5 cm
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__scienza-e-conoscenza-n-54-rivista-cartacea.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments