Qual e’ la differenza tra arteriosclerosi e aterosclerosi?

pubblicato in: AltreViste 0

Qual e’ la differenza tra arteriosclerosi e aterosclerosi?

Scritto da: Davide Terranova | Medicina Non Convenzionale

>> https://goo.gl/L8cGc8

Qual è la differenza tra arteriosclerosi e aterosclerosi?

Per i più avvezzi alla terminologia medica, precisiamo che, esistono due termini molto simili e
spesso confondenti: arteriosclerosi e aterosclerosi. Per arteriosclerosi si intende una generica
condizione patologica, ma fisiologicamente quasi inevitabile dopo una certa età, del tessuto
vascolare costituente le arterie, che dopo anni vita, per una serie di ragioni, perde in parte la
naturale elasticità. Tanto è vero che nei soggetti maggiori di 65 anni, sono tollerati valori
pressori sistolici lievemente superiori ai valori considerati normali (pressione sistolica massima
uguale o inferiore a 140 mmHg, pressione diastolica minima, inferiore uguale a 90 mmHg).

Per aterosclerosi invece, si intende una malattia delle arterie caratterizzata dalla presenza di
formazioni giallastre nella parete del lume vascolare, chiamate placche ateromasiche.

Per arrivare a comprendere i fini meccanismi molecolari che sono alla base dellaterosclerosi, ci
sono volute decine di anni, numerose teorie, ipotesi e studi. Posso accettare che la maggior parte
delle persone, la gente comune, non ne sappia ancora nulla. Inammissibile non conoscere, per chi si
occupa di salute, che ad esempio il colesterolo non è affatto il diretto responsabile della malattia ma uno degli inconsapevoli partecipanti.

Laterosclerosi dunque, ossia la formazione di placche (ateromi) che protrudono nel lume delle
arterie, è (quasi sempre) la causa di ictus cerebrale e infarto cardiaco. Laterosclerosi,
soprattutto nel mondo occidentale (ma oramai diffusa in tutto il pianeta) è presenta in quasi tutti
noi, già nella prima decade di vita. Le prime alterazioni quasi invisibili, sono costituite da
lesioni lineari lungo il lume delle arterie di medio e grosso calibro, chiamate strie lipidiche. Lo
so, sorprende che un bambino di 8 anni possa avere già segni di questa malattia, ma purtroppo questo è un dato confermato.

Posto questo, lo sforzo nel mondo scientifico è inteso a comprendere, ovviamente come si forma, ma
soprattutto come sia possibile limitare la sua evoluzione, che per milioni di persone allanno nel
mondo si manifesta nei suoi epifenomeni: infarto cardiaco, morte improvvisa ed ictus cerebrale.

Affinché questa malattia si verifichi sono necessarie due condizioni:

la prima condizione è una iniziale infiammazione del rivestimento interno (endotelio) dellarteria,
chiamata disfunzione endoteliale, che la rende vulnerabile di subire la seconda condizione;
la seconda condizione è la presenza in circolo di un elevato numero di molecole chiamate
lipoproteine LDL, che si insinuano nello spessore dellarteria (anatomicamente si chiama spessore
intimale della arteria), generando linfiammazione locale che darà origine alla placca.

Ad oggi questa è la teoria più accreditata sulla genesi della aterosclerosi.

Continua la lettura su Scienza e Conoscenza 62!

Scienza e Conoscenza – n. 62 – Rivista >> https://goo.gl/L8cGc8 Rivista trimestrale di Scienza Indipendente
>> www.macrolibrarsi.it/libri/__scienza-e-conoscenza-n-62-rivista-cartacea.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments