Musica per la meditazione e stati non ordinari di coscienza: frequenze binaurali e canti armonici

pubblicato in: AltreViste 0

Musica per la meditazione e stati non ordinari di coscienza: frequenze binaurali e canti armonici

Scritto da: Dario Giardi

Consapevolezza e Spiritualità

Musica per la meditazione e stati non ordinari di coscienza: frequenze binaurali e canti armonici

Le Binaural Beats sono state scoperte nel 1839 dal tedesco H. W. Dove, anche se poi entrarono
realmente in uso soltanto in seguito alla sperimentazione diretta sul cervello grazie al Dottor
Gerald Oster al Mount Sinai School of Medicine di New York, nel 1973. Per capire bene cosa sono
iniziamo col dire che nel cervello umano, quando è in stato di rilassamento, (ossia quando non è
totalmente vigile e cosciente), sono state rilevate frequenze che vanno al di sotto dei 20 Hertz.
Quando ad esempio il cervello si trova in stato Alpha (stato tipico del dormiveglia e della
meditazione leggera) gli Hz nel cervello vanno da 8 a 14. Con le onde Theta invece (Fase di
meditazione profonda o Sogni, fase REM), andiamo dai 4 agli 8 Hz. Mentre con le onde Delta (tipiche di chi sta dormendo profondamente) siamo sotto ai 4 Hz.

Delta
da 0,5 a 4 Hz: Sonno profondo e senza sogni.

Theta
da 4 a 8 Hz: Meditazione profonda, Trance, sogni, fase REM.

Alpha
da 8 a 14 Hz: Rilassamento vigile, Meditazione leggera, dormiveglia.

Beta
da 14 a 39 Hz: Stato vigile e di concentrazione, (più si sale più si va verso stati di ansia).

Gamma
sopra i 40 Hz: Agitazione, Paura, Attività cerebrale elevata.

Ascoltando delle frequenze a 7 Hz faciliteremo di conseguenza il nostro cervello nel favorire la
meditazione stessa e le esperienze oniriche. Il problema però è che lorecchio umano è
impossibilitato a percepire queste frequenze visto che il range udibile va dai 20 ai 20.000 Hz.
Allora come meditare con una frequenza di, per esempio, 7 Hz, se in maniera naturale non possiamo
sentirla? Per questo entrano in gioco le frequenze binaurali: si creano due suoni con frequenze
distinte, entrambe udibili dallorecchio umano, lasciando però fra una frequenza e laltra un
margine rappresentato proprio dalla frequenza binaurale che si vuole riprodurre. Se volessimo creare
una binaurale a 7 Hz potremmo ascoltare attraverso gli auricolari un suono di 300 Hz nellorecchio
sinistro e magari 307 in quello destro. Fra 300 e 307 cè un margine di 7 Hz. In questo modo
lorecchio percepirà entrambi i suoni (perché non sono inferiori ai 20 Hz) ma, essendo il distacco
fra una frequenza e laltra molto breve, il cervello verrà ingannato e sentirà proprio la
frequenza che a noi serve. Le binaurali non sono altro che dei toni che riescono a essere percepiti
dal cervello quando due suoni con frequenze e differenze inferiori a una certa vengono ascoltati separatamente.

I canti armonici

Altra tecnica che utilizza i suoni per indurre stati alterati di coscienza e facilitare la
meditazione, è quella dei canti armonici. È conosciuta e utilizzata da moltissime tradizioni antiche
dellAsia, dellEuropa, dellAfrica e persino del Nord e Sud America. Essi vengono detti anche
Ipertonici (in inglese Overtones), per la loro capacità di consentire a una singola voce di eseguire più suoni (note) simultaneamente seguendo la progressione degli armonici.

In particolare, questi canti si focalizzano sul terzo armonico. È a questo, infatti, che viene
associato un processo di profonda trasformazione, dove a una base totalmente terrena e stabile (la
fondamentale/tonica o primo armonico che ritroviamo anche nel secondo armonico anche se unottava
sopra) viene a sovrapporsi lelemento alto animico e spirituale. È il terzo armonico che produce
un intervallo di quinta giusta cambiando effettivamente la “qualità” del suono rispetto ai primi due
armonici che si identificano ancora con la fondamentale, la tonica. Il legame fisico, grossolano,
che è fortemente espresso dalla tonica, con il terzo armonico viene a spezzarsi in favore di una
connessione a un qualcosa che è fuori di noi, all’esterno, ad un livello più sottile, ad una vibrazione più alta.

L’intervallo di quinta e la straordinaria personalità di Gustavo Rol

Limportanza dellintervallo di quinta è stata riconosciuta e studiata da Rudolf Steiner che nella
sua opera L’essenza della musica vedeva in esso lo strumento per sperimentare unuscita nelluniverso. Ma non fu il solo

Ho scoperto una tremenda legge che lega il colore verde, la quinta musicale e il calore. Ho perduto
la gioia di vivere. La potenza mi fa paura. Non scriverò più nulla. Sicuramente una frase molto
deffetto, che permane nella curiosità di tutti gli esoterici, ma anche dei fisici. A pronunciarla
fu Gustavo Rol. Sensitivo, veggente, persona riservata e sincera, uomo incredibile, fuori dal tempo,
apparentemente dotato di poteri, viveva una vita riservata, sempre alla ricerca della pura
conoscenza. Di lui, nel 1942, sinteresso perfino il Duce in persona che lo invito a Villa Torlonia,
dove preconizzo la sconfitta nella guerra. Anche Hitler lo voleva conoscere, e invio i suoi a
cercarlo con lordine di condurlo a Berlino. Per ben tre volte gli uomini del Duce lo nascosero e lo
sottrassero alle SS. Charles De Gaulle dichiarava di sentirsi poco sicuro con Rol in giro, capace
comera di sondare nei meandri delle menti altrui e di scoprire così anche i più delicati segreti di
Stato. Anche in America sinteressarono a lui. Walt Disney volle incontrarlo e Kennedy, nel suo
unico viaggio in Italia da presidente, venne appositamente a Torino per conoscerlo.
Lo stesso Albert Einstein volle incontrare personalmente Gustavo Rol. Quando Rol scoprì di possedere
questo straordinario potere, lo attribuì a tre elementi particolari, sui quali si concentrava per
far si che la materia si muovesse nella direzione da lui voluta. I punti focali a cui si riferiva erano: il colore verde, la quinta musicale e il calore.

Questo articolo è tratto dal libro Viaggio tra le note di Dario Giardi

approfondimenti: http://www.amadeux.net/sublimen/dossier

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments