Attacchi di panico: il male del XXI secolo

pubblicato in: AltreViste 0

Attacchi di panico: il male del XXI secolo

Tremori, dolore o fastidio al petto, sensazione di soffocamento: cosa sono gli attacchi di panico e cosa fare per uscirne

di Eleonora Poletti – 22/06/2015

>> http://goo.gl/ruCEZA

Attacchi di panico: il male del XXI secolo

Negli ultimi quindici anni i problemi legati allo stress e all’ansia sono enormemente aumentati e questo soprattutto a causa di stili di vita troppo frenetici e scarsamente equilibrati. In particolar modo, uno dei problemi più diffusi è quello gli attacchi di panico. Si calcola che dieci milioni di italiani abbiano subito uno o più attacchi di panico nel corso della loro vita. Il disturbo di solito esordisce nella tarda adolescenza o nella prima età adulta e ha un’incidenza da due a tre volte maggiore nelle donne rispetto che negli uomini. Tuttavia spesso non sono riconosciuti e di conseguenza non vengono curati. La maggior parte delle persone guarisce senza terapia specifica, mentre una rilevante minoranza sviluppa un disturbo recidivo da attacchi di panico.

La loro insorgenza è apparentemente ignota e legata a cause non riconosciute dalla persona che ne soffre. Spesso l’attacco avviene in momenti di relax psico-fisico in cui la mente è più predisposta alla riflessione introspettiva.

I sintomi degli attachi di panico

Ecco alcuni dei sintomi che possono contraddistinguere un attacco di panico:

• tremori;
• dolore o fastidio al petto;
• sudorazione elevata;
• sensazione di soffocamento;
• respiro corto o iperventilazione;
• sensazioni di sbandamento, di instabilità, di svenimento; • tachicardia o palpitazioni;
• paura di morire;
• sensazioni di torpore o di formicolio;
• paura di impazzire o di perdere il controllo;
• nausea o disturbi addominali;
• sensazioni di irrealtà, di stranezza, di distacco dall’ambiente; • vampate o brividi;
• forte aumento della pressione sanguigna o rapido crollo; • paura di stare sempre peggio e di non riuscire a riprendersi.

Le cause degli attachi di panico

Le cause legate alla loro insorgenza sono di svariata natura ma tutte accomunate da un fattore comune. Chi soffre di attacchi di panico si trova in un momento della sua vita particolare, di svolta personale profonda, senza però esserne consapevole. Casi tra i più disparati possono esserne caratterizzati, sia persone profondamente segnate da eventi dolorosi, sia persone apparentemente serene e felici.

Le domande da porsi quando si inizia a soffrire di questo disturbo sono principalmente tre:

• che cosa sto facendo contro la mia volontà?
• che cosa sto negando a me stesso ?
• qual è la verità cui non voglio dare voce?

Le risposte arriveranno automaticamente solo nel momento in cui si deciderà di smettere di negare a se stessi di avere un problema e di continuare a pensare che la propria vita sia perfetta così com’è. Solo in un secondo momento si potrà chiedere e ricevere aiuto seguendo una terapia psicologica adeguata, decidendo così di aprire le porte al cambiamento.

In questo momento storico l’attenzione comune è sempre più rivolta all’avere e sempre meno all’essere. Non ci riconosciamo più e quel che è peggio non sappiamo più chi siamo: è proprio per riportarci a noi stessi che l’attacco di panico si manifesta. Ci vuole indicare che la via scelta è errata o non è quella che realmente avremmo voluto intraprendere. Solo accentando le sue manifestazioni e imparando ad ascoltare profondamente noi stessi, sarà possibile uscirne e ricominciare a vivere.

Linda Manassee Buell
Mai più Attacchi di Panico e di Ansia >> http://goo.gl/ruCEZA 121 modi per recuperare velocemente il proprio equilibrio
Editore: Red Edizioni
Data pubblicazione: Luglio 2010
Formato: Libro – Pag 93 – 12,5x
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__mai-piu-attacchi-di-panico-e-di-ansia.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments