Alice nel paese dei Quanti – La Costante di azione universale

pubblicato in: AltreViste 0

Alice nel paese dei Quanti – La Costante di azione universale

Di Peter Russel – traduzione a cura di Elsa Masetti – prima parte

di Elsa Masetti – 14/07/2016

>> http://goo.gl/vwvkB5

Alice nel paese dei Quanti – La Costante di azione universale

Peter Russell, autore tra gli altri libri, di The Global Brain, e che vanta una formazione ed
esperienza armonica tra scienza e spiritualità, sarà presente al Sand Italia, 2-8 agosto, a
Titignano, tra Todi e Orvieto: http://ext.macrolibrarsi.it/eventi/sand-italy-2016/.
Questo festival, unico nel suo genere, coniuga saggiamente le nuove scienze e il fenomeno della coscienza.

Ovvero, come imparare la fisica quantistica divertendosi. Noi e i nostri figli. Inoltre scoprirai cose che a scuola non sono dette.

“Buongiorno, Alice,” disse una voce. O almeno sembrava una voce.

Alice si strofinò gli occhi. Si era addormentata nel frutteto, e sognava festini con il tè, torte
canterine e ostriche danzanti. Si strofinò gli occhi e si guardò intorno, ma non c’era nessuno in
vista. La voce era nel sogno, si chiese? O forse stava ancora sognando. Era stata presa più volte in
quella trappola, il pensiero di essersi svegliata, solo per scoprire che stava ancora sognando. E ciò la infastidiva sempre.

“Buongiorno, Alice.” Ecco di nuovo la voce. Ma da dove veniva? Alice era abituata alle voci che
provenivano da luoghi strani e inaspettati, o scollegati da persone o cose che stavano parlando, ma non alle voci che provenivano da nessuna parte.

“Buongiorno”, rispose Alice con cautela, ma educatamente, non volendo turbare chi, o qualsiasi altra cosa, avrebbe potuto essere. “Tu chi sei? O, più precisamente, dove sei?”

“Sono un quanta”, ha continuato la voce. “Hai sentito parlare molto di fisica quantistica e di tutte
le strane conclusioni a cui conduce, nel tuo mondo, così ho pensato che era giunto il momento che tu
lo sentissi direttamente da me, per avere un quadro di come appare il mondo dal mio punto di vista
“Per quanto riguarda dove sono, sono ovunque e da nessuna parte. Sempre e quando-mai.

Alice aveva di meglio da fare che lasciare che la sua mente si preoccupasse del paradosso. Quasi
tutto ciò che aveva sentito finora, era paradossale in un modo o nell’altro, e cercare di capire i paradossi era destinato a portare ancora maggior confusione.

“Lascia che mi presenti” ha continuato, “e tutte le altre miriadi di quanti nell’universo, perché, per molti versi, siamo tutti esattamente lo stesso.

“Ognuno di noi è il pacchetto di energia più piccolo possibile nell’universo. Qualsiasi
trasferimento di energia, sia essa da un elettrone all’altro in un atomo o dal sole alla tua pelle,
coinvolge un intero numero di noi quanta. Ci ne possono essere 1, 2, 5, 117, o 19.387,463728 milioni
di noi, ma mai mezzo quanta o tre quarti di quanta. Sarebbe come per voi avere una conversazione con una mezza persona, o i tre quarti di essa.

Alice chiese se avrebbe potuto immaginare di avere una conversazione con i tre quarti di una
persona. I tre quarti di un corpo, forse – lei aveva incontrato situazioni ben più strane, ma
proprio quella dei tre quarti di una persona, non era poi così sicura. Prima che avesse la
possibilità di provare a immaginare una frazione di una persona, la voce dal nulla tornò.

“Nel tuo mondo anche voi ci chiamate fotoni-la più piccola unità di luce.

“Ora, quando parlo di luce, sto parlando non solo della luce visibile che vedi con i tuoi occhi;
intendo dire, l’intero spettro della radiazione elettromagnetica di cui la luce visibile è solo una
piccola gamma di frequenze. Tra le frequenze più alte, ci sono la luce ultravioletta, i raggi X e,
al di là di essi, i raggi gamma. Tra le più basse trovi le ondate di calore, e tra le bassissime, le
onde radio. Tutte queste sono solo diverse frequenze di luce. E tutte composte da fotoni, un singolo quanta ciascuno”.

Alice chiese:
“Allora perché hai detto che siete tutti uguali?” Chiese Alice. “La luce ha molti colori differenti;
il calore posso sentirlo sulla mia pelle; e mi è stato detto di tenermi ben lontana dai raggi gamma. Mi sembrano tutti ben diversi”.

“Questo perché le energie che trasportiamo, variano enormemente. Più alta è la frequenza, maggiore è
l’energia. Un fotone di raggi gamma, per esempio, assembla miliardi di volte più energia di un
fotone di onde radio. Questo è il motivo per cui i raggi gamma, i raggi X, e anche i raggi
ultravioletti in una certa misura, possono essere così pericolosi per voi. Quando questi fotoni
colpiscono il corpo, l’energia rilasciata può spingere via le molecole di una cellula. Quando la
radiazione di calore è assorbita dalla pelle, l’energia liberata è molto, molto meno, e tutto ciò che fa, è un po’ di calore.

“Tuttavia, anche se le nostre energie variano enormemente, c’è una cosa di noi che è sempre la stessa. Ciascuno di noi, possiede, esattamente, la stessa quantità di azione “.

“Che cosa,” Alice stava per dire, “è azione?” Ma prima che avesse finito di pensare “cosa”, il quanto, ha detto, “Ho pensato che lo avresti chiesto.

“Presumo che ti siano familiari i termini massa, velocità, quantità di moto e energia…”

“Sì,” pensò Alice. Ricordava di aver appreso qualcosa del genere a scuola.

“E hai imparato come entrano in relazione tra di loro. Il moto di un oggetto, per esempio, è la sua
massa per la sua velocità. E il lavoro è l’energia moltiplicata per la distanza. L’azione, è solo
un’altra di queste qualità, ma non è quella di cui, di solito, si sente parlare a scuola “.

“La quantità di ‘azione’ in qualsiasi atto, è definita dal momento dell’oggetto moltiplicato per la
distanza percorsa. Oppure, può anche essere espressa, come energia dell’oggetto moltiplicata per il tempo con il quale sta viaggiando”.

“Immagina qualcuno che lancia una palla.” Improvvisamente, dal nulla, in giro per il frutteto
apparve il Bianconiglio, che lanciava in aria grandi palle da tennis arancioni. “Dev’essere immaginazione!” Pensò Alice.

“Se dovesse lanciare le palline due volte più velocemente, ci sarebbe più o meno azione?”

“Di più, naturalmente.”

“Due volte tanto?”

“Mi piacerebbe pensarla così.”

“E se le palle fossero molto più pesanti, come palle da croquet, ci vorrebbe più o meno azione per il loro movimento?”

“Di Più.”

“E se corresse in giro per il doppio del tempo, quanta azione pensi che ci vorrebbe?”

“Due volte tanto, suppongo.”

“Così il concetto di azione non è poi così strano, è vero?”

“No,” rispose Alice, chiedendosi perché non aveva mai pensato prima all’azione, in questo modo. E perché non ne aveva sentito parlare a scuola? Forse non era così importante?

“Oh, è molto importante”, ha replicato la voce dal nulla. “I vostri matematici hanno scoperto che
qualsiasi cosa accada nell’universo avviene in modo tale che la quantità totale di azione è sempre
la più bassa possibile. È quello che chiamano ‘Il principio di azione minima’. E i vostri scienziati
lo usano tutto il tempo, per prevedere come le cose accadranno. Quelle palle che il Bianco Coniglio
lancia in aria tracciano una curva, giusto? Ebbene tale curva sembra essere quella che comporta la
minore quantità di azione. Qualsiasi altra curva che si possa immaginare, richiederebbe più azione”.

I funghi di Alice nel paese delle meraviglie

“Una sorta di principio di efficienza cosmica,” pensò Alice.
“Sì. E si applica a tutto. Anche alla luce. Quando si vede un riflesso nello specchio, la luce ritorna secondo l’angolo preciso che coinvolge la minor quantità di azione “. “Hmm, sto cominciando a capire perché l’azione è così importante.”
“Sì, è assolutamente fondamentale. E, come dicevo, ogni singolo quanto nell’universo, ogni fotone,
qualunque sia la sua frequenza e l’energia, è un’unità identica di azione. La quantità è
estremamente piccola, dopo tutto, siamo molto, molto, molto piccoli. Nelle vostre unità di misura,
ognuno di noi è circa 0.00000000000000000000000000663 erg-secondi. E prima ancora che tu pensi di
chiedere che cos’è, ti dico che si tratta di una unità di energia, una molto piccola. Per sollevare
una palla da croquet di una libbra, a una distanza di un piede, necessitano circa di 13,5 milioni di
ergs. Se ci metti un secondo per alzare la palla, l’azione coinvolgerebbe circa 13,5 milioni di
erg-secondi. Ora, ognuno di noi Quanta è una piccola, minuscola, minuscolissima frazione di un erg-secondo-punto zero zero zero zero zero zero zero zero. . . ”

“Si fermi, per favore. Ho l’immagine. Tu sei una piccolissima, piccolissima, piccolissima, piccolissima unità di azione “.

“Sì, l’azione più piccola possibile nell’universo. Si chiama la costante di Planck – dopo Max Planck
– che, per primo, ci ha scoperto. Ciascuno di noi, ognuno di noi, è esattamente questa quantità di azione “.

Alice ci pensò su per un po. “La luce è azione”, rifletté. “Non ci avevo mai pensato prima. Ma
suppongo che abbia un senso. Dopo tutto, la luce non si ferma mai. Può viaggiare in tutto
l’universo, e a grande velocità. La luce non riposa mai, né mai rallenta. Sì, il termine azione, sembra del tipo più appropriato”.

“Non così in fretta,” il quanta l’aveva interrotta. “Questo può essere il modo in cui tu vedi la
luce, ma noi, vediamo noi stessi, in modo molto diverso. Per quanto ci riguarda, non ci sperimentiamo “viaggianti” ovunque. Non ci muoviamo proprio.”

“Oh, questo è ridicolo!” esclamò Alice. “Sono abituata ai paradossi in questo vostro mondo
quantistico, ma come si può dire che non viaggiate mai da nessuna, quando è così chiaro che lo fate?
Se non andate mai da nessuna parte, come mai la luce arriva a noi dal sole, e come succede che possegga una velocità? ”

“Non essere impaziente, mia cara, e cercherò di spiegarti. Ma prima ho bisogno di portarti in un
piccola escursione, nelle teorie di un altro dei vostri grandi scienziati, Albert Einstein.

Fonte: scienceandnonduality.com

SAND FESTIVAL ITALY 2016 >> http://goo.gl/vwvkB5
Un Ritiro Residenziale con più di 20 Leader Italiani e Internazionali della Spiritualità e della Scienza Contemporanea
http://www.macrolibrarsi.it/servizi/__sand-festival-italy-2016.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments