Comunicazione e Memorie Genetiche

pubblicato in: AltreViste 0

Comunicazione e Memorie Genetiche

02 febbraio 2011

Conoscere come le memorie genetiche influenzano la comunicazione. La libertà di essere se stessi esprimendosi liberamente.

La comunicazione non è soltanto il risultato di saper parlare correttamente, ma anche della capacità di essere presenti, di ascoltare e capire quello che ci viene detto e di rispondere adeguatamente. E, soprattutto, è il risultato dell’abilità di essere a proprio agio, senza sentirsi inadeguati e intimoriti dall’interlocutore.

In questo corso il partecipante scopre come funziona la sua mente e questo gli consente di comprendere che non è solo colpa sua se è timido, aggressivo, se tiene un comportamento inappropriato o prova una qualsiasi sensazione o stato d’animo sgradevole quando affronta la comunicazione con gli altri.

La prima forma di comunicazione avviene a livello energetico: quante volte sentiamo “a pelle” che una persona non ci piace oppure ci dà fastidio averla vicina o anche solo vederla? A tale riguardo, nel corso verrà spiegato come è costituito il campo energetico che circonda il corpo, chiamato anche “aura”, e come esso reagisce quando si trova a contatto con un’altra persona.

La seconda forma di comunicazione avviene attraverso il pensiero. E qui entriamo dentro i meccanismi di funzionamento della mente genetica, cioè delle memorie non solo cellulari, ma anche mentali di tutti i nostri parenti ancora vivi e dei nostri avi già morti, appartenenti alla linea genetica paterna e materna. Al momento del nostro concepimento ad opera dei nostri genitori, infatti, noi ereditiamo da loro la mente genetica con i miliardi di memorie che essa contiene e che diventano il nostro bagaglio di esperienza, perché tutto ciò che ci accade oggi viene da noi consciamente o inconsciamente paragonato ai contenuti mentali in essa già registrati. Ed è importante conoscere come funziona questo continuo meccanismo di paragone mentale, perché da esso la mente crea soluzioni, che diventano per noi realtà caratteriali e comportamentali.

La terza forma di comunicazione è l’uso delle parole. A questo punto del corso si analizza come si può migliorare la comunicazione verbale; capire perché è sbagliato essere presuntuosi; l’importanza di rispettare le potenzialità proprie e delle altre persone (e come tutto ciò sia fondamentale sul lavoro), la relazione tra comunicazione e bugie, il rapporto tra comunicazione verbale e pensieri negativi che si generano sulla persona con cui si sta comunicando (o che si stanno ricevendo), e come fare per non subire il loro effetto negativo.

La quarta forma di comunicazione è quella dei flussi di sesso, cioè i pensieri taciti o espressi che una persona manda ad un’altra, accompagnandoli con sensazioni ed emozioni di piacere, che, ricevuti dal destinatario, possono fargli provare le stesse emozioni di piacere e voglia di fare sesso. I flussi di sesso sono la forma di comunicazione più usata, specialmente nei paesi più avanzati tecnologicamente, dove li ritroviamo nelle pubblicità, nelle canzoni, nei film e nella vita di tutti i giorni.

Quante volte una persona, per paura di non venire accettata o di non essere all’altezza, si mette a usare moine, comportamenti teneri (anche da bambina) e si veste in modo da far vedere e apprezzare le parti migliori del suo corpo? Ed ancora, quante volte usa un certo tipo di intimità nella voce, nello scherzare e nel relazionarsi con gli altri?

Durante il corso, ognuno scoprirà se questo tipo di comunicazione ha veramente effetti positivi o se, in realtà, gli fa perdere energia, e come questa meccanica interagisce con la sua coscienza spirituale. A questo proposito viene analizzato bene come il momento del nostro concepimento, ad opera dei nostri genitori, abbia influito sull’uso cosciente e incosciente che facciamo dei flussi di sesso.

Infine, viene presa in esame anche la nascita, e si descrive come questa possa a sua volta comportare blocchi nel nostro modo di comunicare.

Docente: Fiorella Rustici
Ricercatrice, ideatrice del Metodo che porta il suo nome, autrice dei testi: “E Dio è creò la Mente” (Macro Edizioni – 2008), “Morire senza paura” (Hermes Edizioni – 2005), “Fai funzionare bene la mente” (Macro Edizioni – 2003), “Genetica e Coscienza Spirituale” (Edizioni ATC – 1995).

E Dio è creò la Mente
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__e-dio-creo-la-mente.php?pn=1567

Uno straordinario viaggio alla scoperta delle nostre origini, al momento in cui, da uno stato di assenza di energia, vennero alla luce la Prima Mente Universale, il primo Buco Nero e poi il Big Bang, da cui nacque la Seconda Mente.

Grazie alle sue intense ricerche, all’esperienza di illuminazione vissuta e all’applicazione di una particolare tecnica d’indagine interiore che la porta a vivere uno stato di coscienza primario, Fiorella Rustici – ricercatrice spirituale che da oltre trent’anni indaga i misteri della mente e della coscienza – risale in queste pagine agli eventi da cui ebbe origine ogni cosa. Dal momento della nascita della nostra esistenza, fino ad arrivare alla dimensione in cui viviamo oggi, distaccati dalla sorgente, per lo più inconsapevoli e dominati dalle Meccaniche Mentali.

Alle origini, quando l’energia cominciò a osservare la propria opera, si formò la Coscienza e quindi i primi concetti, pensieri e immagini. Il Paradiso fu allora “scuola d’elevazione spirituale”, fino a quando il Buco Nero non lo trasformò nell’Inferno e nelle sue mostruose creazioni. Gli universi si succedettero nel tempo e, dopo sette Big Bang, apparve la Luce che pulsa: l’Essere da cui nacquero le Gerarchie Spirituali, i Creatori di Mondi, gli Angeli e le altre forme d’energia.

Così come fece Dante, l’autrice esplora e descrive diverse dimensioni, nelle quali incontra i Costruttori, gli Esseri Celesti e la loro progenie. Le interpretazioni della Mente Genetica e dei Corpi Paralleli completano quella che è senza dubbio una delle opere più ricche e affascinanti di Fiorella Rustici.

Morire senza paura
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__morire_senza_paura.php?pn=1567

Un libro ricco di conoscenza sulla Dimensione della Morte, che descrive quello che accade alla persona prima, durante e dopo la morte del corpo, e cosa succede all’anima – o forma astrale – e a tutti gli strati energetici ad essa collegati, quando vengono frammentati. La forma astrale è composta da parti differenti che comprendono ciò che abbiamo ereditato dagli antenati, quello che ci portiamo dietro dalle nostre vite passate e ciò che costruiamo giorno per giorno grazie agli attimi di consapevolezza della vita presente. Dopo la morte, la parte di anima più positiva ed spiritualmente evoluta entra nel Tunnel di Luce dove incontra gli Esseri che la conducono ai Mondi Superiori. Viceversa le parti di anima collegate alla mente inferiore-animale, più degradate spiritualmente, attraversano il Tunnel delle Tenebre e le Dimensioni Inferiori.

Quando si muore, il corpo fisico torna alla terra, ma la mente non può farlo perché è composta da energie diverse. Parti di essa allora trasmigrano insieme a parti di forma astrale nei familiari e parenti, negli amici e nei conoscenti ancora vivi.

Durante la fase finale dell’esistenza, la persona rivede il film della propria vita e la sua coscienza osserva sia le azioni positive fatte con amore, etica e responsabilità, sia i mostri energetici che invece ha creato con cattiveria, odio, rancore, invidia, omissioni, e paure.
Questo testo racconta anche cosa accade a chi che muore per incidente, infarto o morte improvvisa, e insegna come comportarsi nei riguardi di un caro trapassato per non fare di lui “un’anima in pena” e per non diventare tali noi stessi quando sarà il nostro momento.
L’Autrice dà molti consigli pratici sulle cose da fare o da far eseguire al malato nel tempo di vita che gli rimane, per ricaricarlo energeticamente e renderlo sereno e in pace con la propria coscienza. Ci dice, inoltre, come deve comportarsi e quali sono le caratteristiche che deve avere una persona che segue e aiuta un malato che sta per morire.
Un libro importante per farci affrontare la morte con meno paure e più consapevolezza.

Fai funzionare bene la mente
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__fai_funzionare_bene_la_mente-nuova_edizione.php?pn=1567

In che modo i ricordi, registrati all’interno della mente, interferiscono con la tua vita attuale e con le tue scelte?
Questo libro ti guiderà nell’osservazione e nell’analisi della tua vita secondo una prospettiva del tutto nuova: la conoscenza e il funzionamento delle MECCANICHE MENTALI.
Comprenderai, finalmente, cosa sono e come interagiscono le memorie genetiche con la tua vita e, con l’aiuto di esercizi pratici, riuscirai a modificare quelle che ti danneggiano.

Apprendi i segreti di queste Nuove Conoscenze e scoprirai: l’influenza delle vite passate e delle memorie genetiche sulle tue scelte di vita; le leggi secondo le quali si forma il carattere di un individuo e come si possono trasformare i tratti negativi di ciascuno in positivi; il grande potere dell’agire etico e come salvarsi dai sensi di colpa; come difendersi dalle proprie negatività e da quelle esterne; l’esperienza di recuperare Amore e Dignità, in quanto Esseri Spirituali, attraverso la Comprensione; come essere felici recuperando armonia ed equilibrio con se stessi.
Un libro per chi ricerca le cause e non si accontenta di eliminare temporaneamente e parzialmente i sintomi del proprio malessere spirituale; per chi intende liberarsi dai blocchi del passato e incominciare a creare consapevolmente il proprio futuro.
Un libro per riprenderti ciò che ti spetta: te stesso, l’amore, la gioia e la felicità di essere e di vivere.

Domenica 06 Febbraio

Orario del corso:
dalle 09.30 alle 12.30 – dalle 14.00 alle 17.00

Quota del corso:
€ 100,00, più la quota associativa

Associazione Culturale Coscienza e Salute
Via Desenzano 8, 20146 MILANO

E-mail: info@coscienzasalute.it
coscienzasalute.it
Telefono: 0039 (02) 48712963

Comunicato stampa redatto da: coscienzasalute.it

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments