Perche’ abbiamo bisogno di credenze religiose?

pubblicato in: AltreViste 0

Perche’ abbiamo bisogno di credenze religiose?

Ce lo spiega la Teoria della Mente

Neuroscienze e Cervello

Perché abbiamo bisogno di credenze religiose? Ce lo spiega la Teoria della Mente

Se il nastro della vita della terra fosse riavvolto, probabilmente, per il caso, luomo non esisterebbe.
La stessa affermazione potrebbe essere valida per la religione, nel caso in cui luomo vivesse nuovamente la propria esistenza?
Cosa sono le credenze religiose?

Claudio Lombardo – 27/04/2018

L’equivoco stravagante è un’opera di Gioachino Rossini, in cui la trama e la fucina di logiche
equivoche mettono a dura prova il pubblico odierno… ormai immerso in una micidiale combinazione di segreti e banalità.

Equivoci e ambiguità sono la mente di questo formidabile prodotto artistico in cui, durante la
narrazione, con la previsione e linterpretazione, lutente è spinto ad attribuire un senso che va oltre quello dellopera stessa.

Lardita spontaneità e lassurda speculazione

Se il nastro della vita della terra fosse riavvolto, probabilmente, per il caso, luomo non esisterebbe.
La stessa affermazione potrebbe essere valida per la religione, nel caso in cui luomo vivesse nuovamente la propria esistenza?
Cosa sono le credenze religiose?
Possiamo pensarle come un non lo so per antonomasia: unardita spontaneità ed unassurda speculazione; quella che, in altri termini, si chiama fede.
Le credenze sul soprannaturale sono peculiarità delle religioni fin da tempi antichi:

a) lidea che ci sia la vita dopo la morte; b) lidea di un creatore che vede tutto e tutti; c)
lidea che esistano nel mondo entità che violano le leggi della fisica (angeli, anime ecc.).

Al di là di ogni adesione personale, la religione sembra rappresentare una necessità delluomo fin
dal suo principio in cui ha rappresentato unautentica cultura distintiva di un popolo con finalità di coesione.

«Ogni testo che pretenda di asserire un qualcosa di univoco è un universo abortito» Umberto Eco

La Teoria della Mente come strumento evolutivo

Quando un individuo è in grado di comprendere che un determinato comportamento è guidato da credenze
personali e che tali credenze non sono un preciso riflesso della realtà si afferma che,
quellindividuo, possiede una Teoria della Mente (ToM): la capacità di vedere il mondo dal punto
vista degli altri, la presa in carico di una prospettiva differente, non propria, appunto, altrui.

La sopravvivenza può dipendere dalla capacità di cambiare il corso attuale delle azioni per
rispondere a stimoli potenzialmente vantaggiosi o minacciosi (come lincertezza).

Le origini della ToM possono risalire nel momento in cui luomo ha conquistato la posizione eretta.
«Stando dritti si aveva la possibilità di vedere gli altri in viso e di mostrare a essi il proprio
volto. Divenne, quindi, possibile decodificare emozioni, capire dalle espressioni mimiche cosa gli
altri pensassero e si accingessero a fare (interpretare e prevedere); si potevano addirittura
intuire gli stati danimo e le intenzioni degli individui con i quali si avevano degli incontri,
così che si disponeva della capacità di attaccare e difendersi o aiutare e cooperare a seconda delle situazioni» (Attili, 2015).

Bruner parla di strumentalismo evolutivo, ritenendo che «luomo sia in grado di utilizzare la
propria intelligenza per creare e utilizzare attrezzi e strumenti o espedienti tecnici che lo
pongono in grado di esprimere e ampliare le proprie facoltà» (Bruner, 1974). Per strumenti, non si
fa riferimento solo a fonti materiali, bensì a veri e propri arnesi mentali, come le funzioni intellettive.

Religione e Teoria della mente (o mentalizzazione)

Un sottile diaframma separa lesperienza religiosa dalla teoria della mente (o mentalizzazione), un
acuto approccio fenomenologico: doppio, sfuggente, enigmatico, incerto in cui (riferendoci al
cristianesimo) leroe mitologico della Sacra Bibbia (Gesù Cristo) amplificando le sue doti umane
come la capacità di lettura delle intenzioni e del pensiero tentò di ristabilire lordine nel caos di relazioni umane.

Perché abbiamo bisogno di credenze religiose?

La credenza può avere lo scopo di interpretare e prevedere ciò che non conosciamo o non siamo in grado di comprendere. In altri termini riduce lincertezza.
Credere ad una nuova vita dopo la morte riduce la tensione, poiché rende prevedibile tale fenomeno.
Ancor più se abbiamo la facoltà di fare qualcosa in questa vita che influenzi la successiva. Nel complesso si tratta di una lettura dello stato mentale dellal di là.
Altresì abbiamo anche una funzione sociale insita in queste credenze: la capacità di promuovere comportamenti altruistici e di coesione.
Tuttavia, tali credenze sono spesso monopolizzate da istituzioni, come la Chiesa, che creano regole
e nuove interpretazioni, di epoca in epoca, attribuendo a Dio la responsabilità di certi eventi ma riservandosi il suo potere divino.

Conclusioni

Il riflesso delle nostre funzioni intellettive (arnesi mentali) è in grado di produrre meccanismi
che consentono di portare il sistema-persona in uno stato di equilibrio. Nel caso precitato le
credenze svolgono questo importante ruolo in vista dellimplosione di ogni senso: la morte; ovvero
limpossibilità di comprendere in modo razionale cosa ci sia al di là. Il problema non risiede nel
credere a cose più o meno vere, dato che il concetto di utilità supera questa prospettiva, bensì
monopolizzare le credenze religiose versandole in un crogiuolo dal quale, si spera, ne fuoriesca una sintesi superiore.

Tuttavia, quando la religione viene estremizzata è facile cadere vittime di univocità interpretative
che monopolizzano atteggiamenti, emozioni e attitudini (cit. Hack) oppure il dover offrire in cambio
qualcosa per ottenere altro (anima/corpo), come nel caso dellopera di Rossini in cui Ernestina
promette la materia al fidanzato Buralicchio e lo spirito al precettore Ermanno.

Bibliografia

Rossini, Gioacchino, et al. L’equivoco stravagante. Naxos, 2002.
Attili, Grazia. “L’evoluzione della Teoria della Mente.” Rivista internazionale di Filosofia e Psicologia 6.2 (2015): 222-237.
Eco, Umberto. Interpretazione e sovrainterpretazione: un dibattito con Richard Rorty, Jonathan Culler e Christine Brooke-Rose. Giunti, 2012.
Bruner, Jerome S. 1974. Toward a Theory of Instruction. Cambridge, Massachusetts: Harvard University Press.
Girotto, Vittorio, Giorgio Vallortigara, and Telmo Pievani. Nati per credere: perché il nostro
cervello sembra predisposto a fraintendere la teoria di Darwin. Torino: Codice, 2008.
Girotto, Vittorio, Telmo Pievani, and Giorgio Vallortigara. “Gli dèi hanno sete e, qualche volta,
bevono: vincoli cognitivi e credenze religiose.” Sistemi intelligenti 25.2 (2013): 387-396.

Scienza e Conoscenza n. 64 – Rivista Cartacea
Nuove Scienze, Medicina non Convenzionale, Coscienza
Autori Vari
www.macrolibrarsi.it/libri/__scienza-e-conoscenza-n-64-rivista-cartacea.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments