Il magico e sconosciuto potere della tua voce

pubblicato in: AltreViste 0

Il magico e sconosciuto potere della tua voce

LA VOCE

dal libro “Misticismo del Suono”

di Hazrat Inayat Khan

La voce non è soltanto indicativa del carattere dell’uomo, ma è l espressione del suo spirito. La voce non è solo udibile, ma anche visibile per coloro che sono in grado di vedere. La voce produce delle impressioni nella sfera eterea, impressioni che si possono chiamare udibili; allo stesse tempo sono visibili.

Gli scienziati che hanno fatto esperimenti con il suono e hanno messo le impressioni del suono su certi dischi – impressioni che appaiano come forme – troveranno un giorno che l’impressione della voce è più profonda ed ha un effetto più grande. Il suono non può essere più vivo della voce.

Conoscendo ciò, gli Indù dei tempi antichi dicevano che cantare è la prima arte, suonare la seconda e danzare la terza arte che compongono la musica. Gli Indù, che hanno trovato che tramite questi tre diversi aspetti della musica si ottiene la spiritualità molto più presto che in qualsiasi altro modo, hanno scoperti che la strada più breve per raggiungere le altezze spirituali è il canto.

Per questo motivo i più grandi profeti indù furono dei cantanti: Narada e Tumbara. Narada ispirò Valmiki che scrisse il ‘Ramayana’ e il ‘Mahabharata’, le grandi scritture indù.

Se prestate attenzione alla vita di tutti i giorno, vi accorgerete che, a volte, ancora prima che una persona abbia finito di parlare, vi siete già annoiati. La causa non è ciò che la persona ha detto, ma la sua voce. E vi accorgerete – anche se non ogni giorno, ma ogni tanto – che una volta che avete sentito una persona dire qualcosa, questa cosa vi è rimasta dentro per sempre: vi dà sempre una sensazione stupenda, calmante, curante, elevante ed ispirante.

Un medico che visita un paziente può, con la sua voce, spaventarlo e renderlo ancora più malato, se la sua voce non è armoniosa.
Un altro medico, al contrario, può, con la voce, curare il paziente, ad un punto tale che questo si sente meglio prima ancora di prendere delle medicine.

Il medico dà la medicina, ma è la voce con cui si rivolge al paziente che conta. La parte più bella dello studio della voce è che si può scoprire l evoluzione particolare di una persona, il suo livello di evoluzione. Non è necessario vedere la persona; la sua voce da sola ci dirà dove si trova, fino a che punto si è evoluta.

Non c’è alcun dubbio che il carattere di una persona è chiaro e evidente dalla sua voce. Nella scienza della voce si può trovare una cosa meravigliosa: cioè, che una persona fortunata ha una voce diversa di quella di una persona che non è così tanto fortunata.

Se mettete insieme cinque persone che hanno dato prova di essere state fortunate, scoprirete, ascoltando la loro voci, quanto grande sia la differenza fra loro voci e le voci comuni. Se paragonate le voci delle persone famose – non importa quale sia la loro direzione nella vita – con le voci degli altri, noterete la differenza.

Ciò cui ci riferiamo è la voce parlante. Quando si tratta del canto la cosa è molto diversa, perché l’arte del canto oggi ha raggiunto il massimo dell artificiosità. L’idea è di allenare la voce e di renderla diversa da come sia naturalmente.

L’allenamento della voce non sviluppa ciò che è naturale in sé, ma principalmente vi aggiunge qualcosa che non è naturale. Quindi, quando una persona canta secondo il metodo di questi tempi, ha una voce diversa. Non è la sua voce, non è il suo carattere. Potrà avere un grande successo, potrà essere ascoltata da migliaia di persone, ma allo stesso tempo non sta cantando con la sua voce naturale.

Ogni persona è uno strumento in quell’orchestra che è l’intero universo, e la sua voce è la musica che viene da questo strumento.

Ogni strumento è creato distinto, particolare, peculiare, in modo che nessuna altra voce possa prendere il posto di quella voce particolare. Se allora – con lo strumento che Dio ha creato, e con la musica che Dio ha voluto che fosse suonata sulla terra – non si permette che quella musica venga suonata e si sviluppa una voce che non è la propria, ciò è naturalmente una grande crudeltà verso se stessi e verso gli altri.

Per coloro che sono sulla strada spirituale, pensatori, studenti, anime meditative, è molto importante conoscere di tanto in tanto la condizione del loro spirito, consultando le loro voci. Questo è il loro barometro. Dalla mattina alla sera si può vedere che tempo fa – il tempo creato da se stessi: se fa caldo o freddo, se è primavera o inverno. La propria voce è quel barometro che ci mostra ciò che sta venendo, perché ciò che viene è la reazione, il risultato di ciò che è stato creato, e la voce ne è un indicazione.

Coloro che pensano più profondamente su questo punto saranno capaci di vedere come, passo per passo, stanno progredendo sulla strada spirituale, soltanto consultando la loro voce. Ogni passo sulla strada spirituale crea un piccolo cambiamento. Studiando distintamente la voce si può trovare che è così.

Quando si va indietro, si osserva tramite il cambiamento: “Ero andato così lontano ed ora sono tornato di nuovo indietro”.. La voce glielo dice.

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments