I 5 alimenti a più alto contenuto di vitamina C

pubblicato in: AltreViste 0

I 5 alimenti a più alto contenuto di vitamina C

Alimentazione e Salute

Gli alimenti che entrano a fare parte della nostra Top Five della vitamina C arrivano da tutto il mondo, ma sono ormai facilmente reperibili anche nel nostro paese: scopri quali sono e che proprietà hanno

Romina Alessandri – 27/07/2019

1) Camu Camu
Questo frutto straordinario vive nel profondo delle foreste pluviali amazzoniche del Sud America e racchiude una densità di nutrienti incredibile, e ha la fama di essere la fonte più densa di vitamina C nel mondo.
In una porzione di 100 gr, camu camu ha dimostrato di avere fino a 7,5 grammi di vitamina C, il 7,5% del suo peso. Per avere un confronto, fornisce 60 volte più vitamina C di un’arancia in proporzione al peso.

Oltre ad essere la fonte più alta conosciuta di vitamina C, ha anche altri benefici:

Antinfiammatorio
Aiuta a prevenire il cancro
Promuove la salute degli occhi
Migliora l’umore
Aumenta il sistema immunitario
Protezioni contro le infezioni

2) Acerola Cherry
Conosciuto anche come la ciliegia di Barbados, questo frutto ha la sua origine nello Yucatan, ma viene anche coltivato nelle regioni tropicali dei Caraibi così come in Brasile.

In 100 grammi, la ciliegia acerola ha mostrato fino a 4,5 grammi di vitamina C , che è il 4,5 % del suo peso. Una volta raccolta deve essere utilizzata o trasformata molto rapidamente a causa del repentino deterioramento.

Oltre ad essere il secondo alimento con più alto valore di vitamina C , ha anche le seguenti caratteristiche benefiche:

Riduce l’infiammazione intestinale
Cura il raffreddore comune
Riduce la depressione
Allevia le infezioni

3) Guaiava
Originaria del Messico, America Centrale e Sud America, il guaiava è un frutto a forma di pera o tondeggiante verde chiaro, giallo o marrone all’esterno quando è maturo.

In 100 grammi ha circa 0,22 grammi di vitamina C, che è circa il 0,22% del suo peso. Questo valore potrebbe sembrare basso, ma in realtà è pari al 250 % del RDA.

Oltre ad essere la terza fonte più alta conosciuta di vitamina C, ha anche queste caratteristiche:

Buono per la vista
Aiuta con la prevenzione del cancro
Aiuta ad alleviare la diarrea
Aiuta ad alleviare costipazione
Aiuta a curare il raffreddore comune

4) Peperoni
Peperoni e peperoncini rossi sono originari del Messico, America Centrale e Sud America settentrionale e si coltivano in tutto il mondo. Il colore va dal verde al viola, e contengono molte sostanze nutritive.

In 100 grammi, peperoni hanno tra 0,14 e 0,18 grammi di vitamina C, che è di circa 0,14 % al 0,18 % del loro peso. I Peperoni forniscono fino al 200 % del vostro RDA.

Oltre ad essere la quarta fonte più alta conosciuta di vitamina C, ha anche queste caratteristiche:

Migliora la circolazione
Aumenta il metabolismo
Migliora la digestione
Combatte i radicali liberi

5) Cavolo
Ortaggio a foglia verde scuro che viene coltivato in molte aree del mondo. È ben noto nel mondo della salute e proposto in insalate, succhi e snack sani.

In 100 grammi, il cavolo ha 0,12 grammi di vitamina C , che è circa 0,12 % del suo peso. ll cavolo fornisce circa il 135 % del RDA.

Oltre ad essere la quinta fonte più alta di vitamina C, ha anche i seguenti benefici:

Previene le fratture ossee e osteoartrite
È un potente disintossicante
Un’ottimo anti-infiammatorio
Migliora la digestione
Protegge la salute degli occhi e della pelle

Più in basso nella classifica degli alimenti fonti di vitamina C troverete anche: kiwi, arance, meloni, frutti di bosco, ananas, e bucce di agrumi.

Per fare il pieno di vitamina C , le bucce di agrumi disidratati, seppur poco conosciute, sono davvero una buona fonte! Potete utilizzarle a piacere in frullati, tè e bevande fredde.

Fonte originale: naturalnews.com

Vitamina C – 1000
Integratore alimentare a base di Vitamina C utile per colmare le carenze alimentari o gli aumentati fabbisogni organici di tale nutriente. >> www.macrolibrarsi.it/prodotti/__vitamina-c1000.php?pn=1567

Il Dott. Allan Goldstein della Scuola Universitaria di George Washington ritiene che la Vitamina C combatte le infezioni rendendo più forti i globuli bianchi. Queste cellule fermano l’infezione facendo in modo che altri globuli bianchi circondano e distruggano l’organismo invasore tramite la produzione di anticorpi che immobilizzano questo organismo.

Solo l’uomo, i porcellini d’india, le scimmie, i pipistrelli che si nutrono di frutta e l’usignolo d’oriente non possono sintetizzare la vitamina C dal glucosio.
1000 mg (1 grammo) di vitamina C mantengono il sistema immunitario dell’uomo ad un livello ottimale.
I fumatori hanno il 40% in meno nel livello sanguigno di vitamina C che i non fumatori. I prodotti chimici nel fumo delle sigarette interagiscono con la vitamina C per rimuoverla dal sangue. La vitamina C sembra proteggere i fumatori dal cancro alla vescica al quale sono particolarmente soggetti.
Coloro che abitano in città o chiunque conduca un tipo di vita alquanto stressante ha bisogno almeno di 1000 mg (1 grammo) di vitamina C al giorno.
I Russi raccomandano un minimo di 125 mg di vitamina C al giorno, quasi 3 volte tanto il U.S.D.R.A. Hanno da lungo tempo riconosciuto il potenziale e valoroso effetto della vitamina C nel mantenere una salute ottimale.
Se gli esseri umani fossero dei topi essi produrrebbero tra i 1800 e 4000 mg (4 grammi) di vitamina C giornalmente. Sotto stress ne produrremmo 15.000 mg (15 grammi).

La vitamina C fa calare il colesterolo in individui che ne hanno un alto livello. L’aterosclerosi può essere spiegata come un’insufficienza o un basso livello di vitamina C da molto tempo e che quindi dà come risultato il colesterolo sulle pareti delle arterie.
Le donne che soffrono di mestruazioni eccessive o di perdite fra un ciclo e l’altro possono controllare i vasi capillari deboli facendo uso di vitamina C.
La vitamina C aumenta l’assorbimento di ferro e favorisce la guarigione delle ferite.
Più invecchiamo, più la nostra ghiandola del timo, che controlla le funzioni immunitarie del corpo diventa piccola e produce meno cellule che uccidono le cellule cancerogene ed aiutano ad avere la diretta risposta immunologica. Man mano che queste cellule diminuiscono noi diventiamo più soggetti a malattie come il cancro e le malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide. La vitamina C può portare la bilancia il nostro favore aiutando le restanti cellule a funzionare al massimo della loro efficacia.
La vitamina C è essenziale per la formazione della serotonina ( un composto che fa da intermediario ai nostri umori e alle nostre abitudini di riposo ). Tratto da “La Bibbia delle vitamine” di Earl L. Mindell dott. 1980.

Vitamina C – 1000
Integratore alimentare a base di Vitamina C utile per colmare le carenze alimentari o gli aumentati fabbisogni organici di tale nutriente. >> www.macrolibrarsi.it/prodotti/__vitamina-c1000.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments