Curarsi con la vitamina C

pubblicato in: AltreViste 0

Curarsi con la vitamina C

di Thomas E. Levy

L’efficacia della somministrazione di mega dosi di vitamina C nella cura di malattie virali e batteriche e nelle patologie cancerogene…

da Vitamina C di Thomas E. Levy (Macro Edizioni, 2007)

Per quanto incredibile possa sembrare, la letteratura medica ha già documentato come la vitamina C
abbia prontamente e definitivamente guarito tanto la poliomielite acuta che lepatite acuta, due
malattie virali che la medicina moderna considera tuttora incurabili, a prescindere dalla terapia
adottata. Teniamo presente che sia la polio che lepatite talvolta possono risolversi in maniera spontanea, talora in tempi relativamente rapidi, altre voltein tempi più lunghi.
Tuttavia, la medicina moderna non sembra consapevole che la vitamina C in dosi adeguate, sia in
grado di guarire in modo rapido e affidabile quasi tutti i casi di polio acuta ed epatite acuta.
Bambini ammalati di polio si rimettono del tutto in meno di una settimana, e i pazienti affetti da
epatite si ammalano solo per qualche giorno, non per svariati mesi. Inoltre, lepatite cronica non
si sviluppa nei pazienti affetti da epatite acuta trattati con vitamina C in quantità sufficiente.

La vitamina C ha anche bloccato e spesso guarito molte delle altre comuni malattie virali e
batteriche che continuano a tormentare bambini e adulti. In realtà, esistono molte indicazioni che
la vitamina C in dosi corrette contrasti e prevenga, in quasi tutti i casi, stati patologici come il
cancro e alcune malattie cardiache, ma le prove più convincenti e meglio documentate riguardano la
guarigione di molteplici malattie infettive che causano grandi sofferenze e spesso risultano mortali
o inabilitanti. Mano a mano che il lettore leggerà anche un semplice campione dellenorme quantità
di concrete prove scientifiche sullefficacia del trattamento delle malattie infettive con la
vitamina C, prove in pratica del tutto ignorate, diventerà più semplice rendersi conto di quante
siano le sue applicazioni, per quanto meno documentate, che rimangono ancora trascurate.

Attualmente, la medicina moderna offre solo unampia gamma di vaccini nella speranza di fornire
protezione contro molte delle malattie infettive. Al contrario, pochi sono i progressi significativi
fatti nella terapia reale di quasi tutte le malattie virali una volta contratte. Gli antibiotici
hanno rappresentato un grande miglioramento nella terapia di diverse malattie infettive non virali,
ma la terapia delezione per la maggior parte delle infezioni virali rimane di solo sostegno,
rivolta unicamente a lenire i sintomi sperando che il sistema immunitario possa recuperare le sue
forze. Alla fine vince uno dei due, il paziente o la malattia, e il medico curante deve aspettare
assieme al paziente lesito finale. Con la vitamina C, tuttavia, tale scenario non è più destinato a ripetersi allinfinito.

Ad esempio, le prove scientifiche presentate in questo libro dimostrano in modo inoppugnabile che la
poliomielite, nota infezione virale, può essere completamente guarita, e lo è stata, con ladeguata
somministrazione di dosi molto elevate di vitamina C. Le prove scientifiche in questo libro mostrano
altrettanto inoppugnabilmente che la vitamina C ha degli effetti che vanno molto oltre la semplice
cura della poliomielite. Anche se la polio è una malattia in gran parte sconosciuta per le nuove
generazioni e dimenticata da quelle vecchie, qualsiasi medico, anziano o giovane, vi dirà che la
polio è stata, e rimane, una malattia per la quale non esiste una terapia efficace e di certo nessuna cura.

È alla luce di questi sbalorditivi risultati clinici che deve essere valutata la credibilità
passata, presente e futura delle istituzioni mediche convenzionali. In gran parte, i medici sono
dotati delle migliori intenzioni, ma ciononostante il fatto che si ostinino tutti a evitare di
trarre le inevitabili conclusioni sullenorme beneficio clinico della somministrazione di vitamina C
in dosi corrette, è una loro completa responsabilità. Al culmine dellepidemia di polio del 1949,
quando tutti i giovani genitori vivevano nella paura che i loro figli, bambini e neonati, fossero le
prossime vittime, il dottor Frederick R. Klenner rese noto che aveva curato con successo 60 pazienti
su 60 che gli si erano presentati nello studio o al Pronto Soccorso. Inoltre comunicò che nessuno
dei 60 pazienti da lui curati aveva subito quei danni residui che spesso lasciano permanentemente
disabili i superstiti del virus della polio. In seguito, sempre nel 1949, Klenner presentò queste
prove a una sessione annuale dellAssociazione medica americana dedicata alle terapie per i pazienti
colpiti da polio. Come si vedrà più avanti, la ricerca e i dati di Klenner erano chiari ed evidenti.
Lasceremo al lettore il giudizio di come sia stato possibile ignorare allora, e continuare a
ignorare ora, informazioni talmente conclusive. Landwehr [1991] ha affrontato in parte il tentativo
di Klenner di informare lAssociazione medica americana dellincredibile risposta della polio a dosi adeguate di vitamina C.

Klenner fu anche in grado di dimostrare più volte come la vitamina C sembri essere lagente ideale
per la soppressione di qualsiasi tipo di virus infettivo. Più volte riuscì a dimostrare che la
vitamina C è senza dubbio la scelta ottimale per neutralizzare, e come ausilio alleliminazione, di
quasi tutti gli agenti chimici tossici e le sostanze potenzialmente velenose per lorganismo,
incluse le tossine associate a molte delle malattie infettive. In aggiunta, si vedrà come Klenner e
molti altri clinici e ricercatori abbiano dimostrato in maniera definitiva come la vitamina C sembri
essere ideale come ausilio per la distruzione della maggior parte dei batteri, funghi, e altri agenti microbici che continuano ad affliggere lumanità.

Nonostante la vitamina C costituisca da sola una terapia incredibilmente efficace, ad agente unico,
per molte malattie infettive, non esiste praticamente nessuna terapia medica, per qualsiasi
patologia virale, che non venga sostanzialmente migliorata con lutilizzo aggiuntivo della vitamina C. I soli requisiti indispensabili sono che la vitamina C sia somministrata:

1. nella forma giusta;
2. con la tecnica adeguata;
3. con la frequenza necessaria;
4. con il dosaggio necessario;
5. in aggiunta ad altre sostanze, e
6. per un periodo di tempo adeguato.

Tratto da Vitamina C di Thomas E. Levy (Macro Edizioni, 2007)

Thomas E. Levy
Vitamina C
Malattie Infettive e Tossine – La via naturale della guarigione Editore:Macro Edizioni
Data pubblicazione: Aprile 2007
Tipo:Libro
Pagine:368
Formato:17×24
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__vitamina_c.php?pn=1567

Negli ultimi decenni è stata pubblicata una quantità enorme di studi scientifici sulla vitamina C e
le sue proprietà salutari. Pochi però sembrano saperlo. Per la prima volta, grazie a questo libro, anche il pubblico non specialista potrà scoprire:

Come la vitamina C sia riuscita a guarire o abbia contribuito alla cura di molte malattie infettive
comuni, addirittura di alcune ritenute incurabili, come lepatite e la poliomielite. Grazie a questi
effetti documentati, luso della vitamina C, dosata allinterno di un protocollo di trattamento, può eliminare il bisogno di molte vaccinazioni e di farmaci tossici.
Che la vitamina C è la terapia delezione contro molte patologie potenzialmente fatali e per molte
altre condizioni tossiche che minano il corpo e per le quali non disponiamo oggi di nessun trattamento efficace.
Che la vitamina C è praticamente priva di effetti collaterali. Senza dubbio è tra i nutrienti e i supplementi più sicuri oggi disponibili.
Attraverso una documentazione imponente nel libro sono citati più di 1200 articoli da riviste
mediche e scientifiche accreditate, molti fra questi provenienti dai centri di ricerca più
qualificati e la testimonianza della propria esperienza diretta, Levy propone al lettore un
resoconto dettagliato delle prove dellimportanza della vitamina C per la nostra salute. Il libro è
corredato da una serie di appendici appositamente redatte, che forniscono al lettore informazioni utili per un approccio iniziale alluso della vitamina C.

Thomas E. Levy

Il dott. Thomas E. Levy appartiene allesigua schiera dei medici coraggiosi che seguono la scienza
evitando le trappole della politica e dell’ortodossia. Laureato in Medicina alla Tulane Medical
School di New Orleans, Professore Assistente di Medicina nella stessa Università, il dott. Thomas E. Levy è anche laureato in legge.
Ha praticato come cardiologo per 15 anni prima di iniziare la sua personale esplorazione dei molti aspetti della medicina al di fuori degli schemi tradizionali.
Attualmente è Direttore Medico del Colorado Integrative Medical Center di Denver.
È autore di numerosi libri sulla tossicità di alcune terapie dentali, sullalimentazione, sulle malattie cardiovascolari e sulla vitamina C.

http://www.macrolibrarsi.it//.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments