Alimentazione e terapie alcalinizzanti

pubblicato in: AltreViste 0

Alimentazione e terapie alcalinizzanti

di Stefano Fais

>> https://goo.gl/QZeXCT

Lapproccio antiacido è un valido aiuto per la prevenzione e la cura delle malattie degenerative: ce ne parla il dottor Stefano Fais

Esiste una particolare condizione corporea in grado di assicurarci la salute e la longevità?

Secondo alcune recenti ricerche scientifiche all’avanguardia e nelle parole di Stefano Fais e Rocco
Palmisano, autori del volume L’approccio antiacido per la prevenzione e la cura delle malattie il
controllo del pH corporeo e il mantenimento di una condizione di alcalinità nella gran parte degli
organi ed apparati del nostro organismo sono i pilastri fondamentali per una salute duratura e anche per la cura di importanti patologie, dal cancro al diabete.

Ne abbiamo parlato con Stefano Fais, autore del libro, medico e ricercatore attualmente Direttore del Reparto Farmaci Anti-Tumorali dell’Istituto Superiore di Sanità.

Il suo ultimo libro, scritto a quattro mani con Rocco Palmisano, si intitola L’approccio antiacido
per la prevenzione e la cura delle malattie ed è dedicato alle regolazione del pH corporeo per la
nostra salute. Partiamo dai concetti fondamentali: cosa si intende con pH acido e ambiente basico?

Sarebbe facile rispondere che è acido tutto ciò che ha un pH inferiore a 7 e basico ciò che ha un pH
superiore a 7. Spesso devo ricordare però che pH è l’acronimo di potere degli ioni H+, ed è un
valore logaritmico in base 10 della quantità di H+ in un mezzo. Va da sé che la misura più corretta e precisa del pH sarebbe quella di misurare la concentrazione degli ioni H+.

Per semplicità e comodità ci accontentiamo di veder cambiare colore della cartina al tornasole per
sapere grossomodo se ci troviamo di fronte ad una acidificazione o basificazione. Le urine sono il
liquido corporeo dove il pH viene misurato più frequentemente ed agevolmente, e indubbiamente
qualche idea se ne può avere su quello che sta succedendo nel nostro corpo. Ma il punto di
riferimento più importante è il nostro sangue arterioso; dalla misurazione del cui pH possiamo capire lo stato di acidosi dell’intero organismo.

Quali sono le più recenti evidenze scientifiche che individuano nell’acidità un fattore scatenante di malattia? Di quali patologie stiamo parlando?

L’acidità come causa di malattia è stata sempre snobbata dalla scienza ufficiale, e questa tendenza
continua in un’epoca nella quale se non si parla di molecole, geni, proteine, metaboliti si parla di
ricerca di retroguardia. Ne sanno molto più i medici di acidità e malattie che non i ricercatori di base, che purtroppo spesso non conoscono neanche l’anatomia del nostro corpo.

Le malattie legate a condizioni di acidità corporea sono innanzitutto tutti i tumori maligni, ma
anche il diabete e la sindrome metabolica, tutte le infiammazioni croniche e le malattie legate ad aspetti degenerativi.

In pratica si potrebbe usare un assioma simbolico acidità=malattia. Ma sarebbe più corretto dire
permanenza di una condizione di acidità=malattia. In realtà è tutto molto più complesso e poco conosciuto, e ogni singolo essere umano fa storia a sé.

Che strumenti abbiamo a disposizione a livello di prevenzione per mantenere nel nostro corpo un ambiente alcalino?

Gli strumenti ci sarebbero e come. Gli approcci antiacidi vanno da un corredo ampio di farmaci
anti-acidi molto potenti (gli inibitori di pompa protonica sono quelli che ho studiato di più nella
terapia del cancro), ma anche una serie di tamponi che vanno dal bicarbonato di sodio, al citrato, al basen-pulver, ma anche miscele alcalinizzanti, come l’Alkawater®.

Quali sono le principali caratteristiche dell’alimentazione alcalina?

Il concetto di cibo alcalino non è facilissimo da capire. Bisogna partire dal concetto che più che
alimentazione alcalina bisognerebbe parlare di cibi alcalinizzanti. Questo perché ciò che acidifica
il nostro corpo sono i costituenti elementari degli alimenti che quotidianamente usiamo, cioè il
contenuto in zuccheri, proteine e lipidi degli alimenti, che alla fine dei processi metabolici liberano variabilmente H+ e quindi acidificano.

Per parlare di un argomento che riguarda da vicino la mia attività di ricerca, Otto H. Warburg
dimostrò, e per questo ricevette il premio Nobel nel 1931, che una differenza clamorosa fra una
cellula normale e una cellula di cancro, è che quest’ultima vive metabolizzando gli zuccheri e
producendo acido lattico, senza avere bisogno alcuno di ossigeno. Mentre noi sappiamo che una cellula normale in assenza di ossigeno muore in pochi attimi.

Quindi, gli alimenti alcalinizzanti sono quelli che non contengono o contengono molto poco, zuccheri, proteine e lipidi. Limone, pomodori e tutte le verdure.

La medicina convenzionale ancora fatica a riconoscere all’alimentazione un ruolo preventivo e
terapeutico, cosa che alcune medicine tradizionali e non convenzionali riconoscono da millenni: secondo lei quali solo le ragioni di questa lacuna?

Dietro ad ogni avvenimento dell’era moderna c’è il potere economico. Nulla succede per caso e se ci
pensate bene, producono ricchezza sia i farmaci che i prodotti che non si possono definire farmaci
(omeopatici, integratori, cosmetici). Ognuno si tiene caro il proprio mercato cercando di evitare di
pestare i piedi all’altro. E questo avviene anche tra medicina ufficiale e non ufficiale.

Il medico dovrebbe poter usufruire di tutto quello che esiste al mondo per prevenire e curare le malattie.

E a livello di cura, ci sono farmaci che agiscono sull’acidità? Per quali tipi di malattie stanno dando risultati?

Fornire dati in assoluto è difficile e posso farlo solo per quello che riguarda i farmaci testati
nei miei studi, cioè gli inibitori di pompa protonica. Gli studi clinici pubblicati sinora hanno
dimostrato che questa classe di antiacidi può essere già presa in considerazione come minimo
nell’implementare le terapie anti-tumorali esistenti. I dati preclinici hanno chiaramente dimostrato
che da soli questi farmaci hanno un chiaro effetto anti-tumorale, ma, come sappiamo, il meccanismo
con cui funzionano è talmente in contrasto con le tendenze della ricerca, direi al livello mondiale,
che in tempi brevi sarà difficile che un trattamento anti-acido entri nella pratica clinica in oncologia.

I dati preclinici hanno inoltre dimostrato che, sia l’uso di tamponi, sia l’assunzione di acqua
alcalinizzata possono rientrare nella terapia e nella prevenzione non solo dei tumori, ma di gran parte delle malattie che affliggono l’umanità.

Tratto dalla rivista Scienza e Conoscenza n.60

Scienza e Conoscenza – n. 60 >> https://goo.gl/QZeXCT
Nuove scienze, Medicina non Convenzionale, Consapevolezza
Autori Vari
>> https://www.macrolibrarsi.it/libri/__scienza-e-conoscenza-n-60.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments