La Dott.ssa Gabriella Mereu e la terapia delle parole

pubblicato in: AltreViste 0

La Dott.ssa Gabriella Mereu e la terapia delle parole

Dalla medicina ufficiale all’omeopatia fino alla grafologia, per inventare un nuovo, efficacissimo metodo di diagnosi e cura

di Marcello Pamio – 14/09/2012

>> http://goo.gl/sW8QJ

Chi è Gabriella?
Sono medico, laureato in medicina e chirurgia, odontoiatra, omeopata e anche grafologa ed ho fatto
una ricerca per 20 anni che mi ha portato a capire che il paziente SEMPLICEMENTE si cura da solo.

Benissimo, abbiamo capito che siamo davanti ad un medico ufficiale, anche se ufficiale non è il
termine giusto, omeopata nonché grafologa. So che hai scritto un libro, che ho trovato molto
interessante, la terapia verbale cioe la medicina della consapevolezza, ci puoi spiegare cosè la terapia verbale?
La terapia verbale è una terapia omeopatica verbale che cura il male con lo stesso male: cioè il
paziente quando esprime la sua malattia usa inconsciamente un linguaggio poetico e metaforico
collettivo che io chiamo pazientese in cui si trovano proverbi modi di dire filastrocche etc.. Una
volta che io ho capito cosa mi vuol dire rispondo con una battuta che abbia un alto contenuto
emozionale, in cui spiego il motivo della sua malattia e il paziente ha una reazione: se ride,
piange entra in trance o si arrabbia significa che è quasi sempre guarito dal sintomo.

Quindi tu definisci questo come omeopatia verbale.. Sappiamo che lomeopatia esiste da tanti anni e usa curare le malattie con il simile sbaglio?
Quindi secondo te si può capire la malattia di una persona da come si esprime. Esatto a me non
interessano analisi o altro, solo il modo di esprimersi delle persone mi aiuta con la mia terapia, che non centra niente con la scienza è solamente arte.

Tu affermi nel tuo libro che la vita è una commedia e la malattia è una metafora che le persone
usano per manifestare il proprio disagio.. ma questa metafora serve a nascondere il disagio o a manifestarlo?
La malattia arriva da una bugia passiva, è data da uno schema che costringe lanima. Cioè nasce un
conflitto di pensiero con la propria anima. Può essere stato inculcato da qualcuno anche nella notte
dei tempi o essere già nel DNA, ma lanima non può essere presa in giro e lo rifiuta, così si manifesta la malattia.

Malattia come disagio dellanima quindi?
Esatto

Cosa mi dici riguardo al condizionamento che le religioni esercitano sulle masse?
La religione è stata inventata per dividere le masse, sono manovre politiche usate soprattutto per
dividere i sessi. A causa di tutte le religioni cè la donna sessuale o la donna vergine questo è il
motivo principale delle discordanze fra i sessi, della pornografia alla masturbazione, che cementa le perversioni.

Quindi tutto nasce dalla divisione? Effettivamente la religione da 2.000 anni divide il femminile dal maschile..
Esatto con la divisione cresce il potere, la divisione crea lo schiavo e il tiranno, non cè mai
amore. La nostra anima non cerca questo, cerca solo AMORE. La malattia è il risultato.

Di tiranni ognuno di noi ne ha qualcuno nella propria vita, dal datore di lavoro al compagno. Il tiranno è quindi chiunque voglia esercitare del potere su di te Si può essere il marito, o la moglie..

Sulla tua lunga esperienza nel campo, quanti problemi di condizionamento dellanima arrivano dalla castrazione che deriva dalla religione?
TUTTE Ci sono in tutti i casi manipolazioni del sesso e quindi castrazioni. Le persone così sono malate dentro, e non lo sanno, fino a che la malattia non si manifesta.

Ma come si può uscire da queste castrazioni?
Prendendo coscienza, cambiando i sistemi.

Hai mai avuto problemi con gli amici o colleghi della tua città per le idee che stai portando avanti?
Si con tutti.

Sei stata messa da parte? Perché loro sono allinterno di un sistema? Perché la verità è indecente e pericolosa. In maniera molto semplice.

Inoltre la verità che sveli sarebbe alla portata di tutti e molto economica.. Esatto, possono farlo tutti coloro che hanno spirito.

Si può uscire da questo sistema?
Si, certo, coltivate il vostro piacere, anche se peccaminoso. Questo vi salverà dalla malattia.

Cosè questo piacere?
Lamore è stato disgiunto dal piacere, questo è lerrore. Non si può amare quello che non ci piace.
Se amiamo tutto quello che ci piace, dal lavoro allamico alla mamma siamo tutti salvi. Praticamente è la divisione che ci fa ammalare.

Quindi cè un piano di divisione ben mirato che ci viene imposto per colpire le coscienze delle persone?
Si, questa è la semplice verità. Se cè qualcosa di complicato e incomprensibile non deve preoccuparci. La verità è semplice.

Bene Gabriella, sei stata chiara.. quindi dobbiamo cercare il piacere a 360 gradi, non solo sessuale ma in tutto ciò che facciamo, nelle cose più semplici.
Si il piacere non si trova nelle complicazioni ma nelle cose semplici.

Che cos’è la terapia verbale:

Sono convinta che la medicina e il medico siano solo dei veicoli e che il medico dovrebbe funzionare
solo da guida, affinché la guarigione fisica si attui insieme alla consapevolezza e alla evoluzione del paziente.
La malattia è un’espressione che non fa altro che rivelare in maniera metaforica un vissuto emozionale che ha portato alla malattia stessa.
Usando quali strumenti l’analogia, i simboli archetipici e la grafologia – scienza questa che si
fonda su basi analogiche -, traduco al paziente ciò che il suo inconscio desidera comunicare e ciò avviene contro ogni logica dell’attuale medicina.
Il mio punto di partenza è proprio l’espressione verbale e fisica usata dal paziente. In essa, oltre
al significato emozionale preso individualmente, ricerco anche un significato collettivo rifacendomi al concetto di inconscio collettivo scoperto da Jung nel secolo scorso.

La terminologia usata per esprimere le patologie nella medicina ufficiale, nega l’efficacia e la
validità del “pazientese” che è invece un linguaggio collettivo ed emozionale. Molti medici troncano
il discorso del paziente quando fiorisce i suoi dolori e sintomi con quegli aggettivi ed espressioni
che, invece, per me sono importantissime. Chiedo sempre al paziente di descrivermi la sua malattia
come se fosse un analfabeta. Credo che non esistono le malattie, ma “la malattia”. Essa non è altro
che l’espressione di un’afflizione del paziente che si manifesta in un diverso modo, sia nel linguaggio che nella sua espressione fisica.
La condizione che una determinata malattia sia inesorabilmente cronica, non fa altro che confermare,
nell’inconscio del paziente, la sua cronicità. Mentre, se il paziente non ci pensasse più potrebbe anche guarire spontaneamente.
E, se le analisi e i controlli a cui sono sottoposti i malati non servissero ad altro che a
confermare in loro, attraverso la paura – sentimento origine della malattia stessa – la cronicità di essa?

La Risata

La risposta terapeutica più bella è la risata del paziente dopo che gli traduco la sua metafora.
Quasi sempre so che guarirà. Con il riso mi dice tante cose: che si è sentito compreso e che ha
capito nel profondo del suo animo la terapia, che ha preso le distanze dall’afflizione che l’ha
portato alla malattia, che la vede come una rappresentazione, che non ha più paura, ma soprattutto, finalmente, paziente che si diverte mentre viene

Alcuni casi di patologie risolte e testimonianze: http://www.terapiaverbale.it/

Chi volesse approfondire il metodo della terapia verbale e partecipare ad un seminario di Gabriella Mereu può consultare questi siti:

http://www.terapiaverbale.it/

http://www.massimilianoseveri.com/scuola-di-diagnosi-intuitiva

La Terapia Verbale – DVD >> http://goo.gl/sW8QJ
Gabriella Mereu
Distribuito da: Macrovideo
Data pubblicazione: Settembre 2008
Durata: 170 minuti
Tipo: DVD + Libretto
http://www.macrolibrarsi.it/video/__la_terapia_verbale.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments