I Grandi Numeri Celesti, l’infinitamente grande, l’infinitamente piccolo

pubblicato in: AltreViste 0

I Grandi Numeri Celesti, l’infinitamente grande, l’infinitamente piccolo

le dimensioni delle quantità fisiche più importanti nell’Universo, ed è basato solo sulle nostre
conoscenze canoniche dello stesso, e non su particolari speculazioni prive di supporto scientifico.

di Massimo Teodorani – 27/06/2012

>> http://goo.gl/5mdMf

Attraverso una breve intervista inedita, abbiamo il piacere di presentarvi questo libro di Massimo
Teodorani, un astrofisico con i piedi ben piantati in terra e la testa oltre le cime degli alberi.
Un libro da regalare, per es. ai propri figli, in modo che possano avvicinarsi con curiosa e
sollecita attitudine alla fisica. La passione per la Scienza contraddistingue la trama di questo libro e tale passione, spesso, scarseggia nei libri di scuola.

I grandi numeri celesti il titolo fa pensare alle scienze occulte quali la numerologia, la cabala,
la geometria sacra e, di fatto, già la sola lettura dell’intro, ci dice che siamo nell’universo
scientifico della misurazione. A quali misurazioni ti riferisci nel tuo libro e con quale obiettivo?

Sì, il mio è un libercolo di divulgazione scientifica che tratta soprattutto delle dimensioni delle
quantità fisiche più importanti nell’Universo, ed è basato solo sulle nostre conoscenze canoniche dello stesso, e non su particolari speculazioni prive di supporto scientifico.
L’ultimo capitolo tratta anche della non-località quantistica, dove le dimensioni e le distanze
sembrano annullarsi. E qui mi rifaccio alla fisica ontologica di Bohm e Pauli – non certamente
alle speculazioni di taluni santoni o presunti profeti della new age – i quali in maniera sempre
più incalzante sembrano voler usare certe affermazioni di alcuni scienziati per tentare di
avvallare loro arbitrarie visioni totalmente prive di costrutto. La conoscenza di certi fenomeni
quantistici richiede prima di tutto maturità, preparazione di base, ragionamento e lucido senso critico.

In ogni caso la parte più importante di questo libretto è quella relativa ai numeri, numeri
scientifici, non numeri cabalistici o sacri. Ritengo che l’Universo sia già talmente eccitante di
suo da non avere noi alcun bisogno di spingerci a invocare esoterismi di qualsivoglia natura.

Quanto alle misurazioni, mi riferisco semplicemente a quello che gli scienziati rilevano con i loro
strumenti, sia nel microcosmo (con gli acceleratori, nei laboratori, ecc.) che nel macrocosmo (con i
telescopi). E sono proprio i dati imparziali emergenti dai nostri strumenti di misurazione – non
soggetti ad alcun vincolo di soggettività – che ci permettono di capire cosa l’Universo è e cosa
esso non è: tutto ciò si traduce in numeri. Sulla base di tali dati di misurazione si mettono in
piedi delle teorie che per essere definite e accettate come tali hanno bisogno solo della
matematica, della logica e della fondatezza su base esclusivamente obiettiva e di invarianza che
soltanto una misura oggettiva può fornire. Sia i dati che vengono acquisiti come input che quelli
che vengono sfornati come output sono Numeri. Alla fine a noi interessa conoscere i numeri in output
che rendono ragione alle teorie fisiche, nate esclusivamente da una continua interfaccia tra sperimentazione/osservazione e formalizzazione matematica.

Sembra cosa arida, in realtà non lo è: pochi oggi riescono a provare meraviglia e stupore di fronte
a questi Grandi Numeri del cosmo in cui ci troviamo. Infatti ritengo che, a prescindere da alcuni
aspetti della non-località quantistica, che possono far riflettere – anche su un piano soggettivo
– coloro i quali non si occupano di scienza ma di questioni filosofiche, il mondo Fisico sia
immensamente meno vago e fumoso di quello spirituale. E i numeri che ne emergono parlano da soli in tal senso.

Oltre che dell’immensamente grande parli anche dell’immensamente piccolo, giusto? In poche fruibili
parole in quale rapporto stanno queste dimensioni oltre a condividere lo stesso avverbio immensamente, che, di per sé, ci riporta all’infinita grandezza?

La vedo come una scala a chiocciola. La progressione di numeri che va dall’infinitamente grande
all’infinitamente piccolo ci fa capire che i numeri che descrivono l’Universo sono semplicemente i
gradini di una scala cosmica di cui sappiamo già molto, ma di cui ancora non conosciamo il punto
d’inizio e di fine, e qui parlo solo del mondo della Materia. Sono sicuro che i prossimi esperimenti
con l’acceleratore LHC del CERN e le nuove osservazioni con i supertelescopi in programma, come ad
esempio il telescopio TMT con specchio di 30 metri di diametro, prolungheranno di molto la scala che siamo in grado di percorrere.

Il punto che accomuna l’infinitamente grande all’infinitamente piccolo è la struttura stessa della
scala, a prescindere dai gradini che la compongono, e noi, esseri dotati di coscienza e raziocinio
siamo coloro i quali salgono e scendono in continuazione per tentare di conoscere la struttura di
questa scala, anche con l’aiuto dell’intuizione (e non è un caso che ho parlato anche di
non-località nel mio libretto). È una scala che appare essere molto ben armoniosamente costruita e
dove i numeri hanno una loro ragione di esistere nel micro e macro mondo. La Scienza è in grado di
percorrere con le sue gambe questa scala, mentre la nostra coscienza, quella che probabilmente ci
lega in maniera non-locale a una realtà trascendente che sfugge alla nostra ragione, ci guida nel
percorso. Non si tratta del percorso della meditazione, bensì di quello quantitativo
dell’esplorazione scientifica: si parte sempre dall’intuizione ma si finisce poi necessariamente
nella scomposizione razionale delle cose (il che non significa affatto riduzionismo), senza la qual
cosa non si fa nessuna scienza. Il concetto di unità con il cosmo non è la Vita in sé: è solo una
guida insostituibile – spirituale, se vogliamo – al nostro vivere quotidiano in questo sconvolgente
universo di Materia, e non un fine. Vivere qui, significa districarsi tra spazi, tempi e dimensioni,
e per capire bene come farlo occorre convertire le nostre intuizioni in numeri. E saranno i numeri a
permetterci di esplorare il Cosmo direttamente e molto più estesamente dei piccoli passi fatti fino ad ora, giacché la Scienza porta necessariamente alla Tecnologia.

Quale suggerimento ti senti di dare al lettore in modo da orientarlo alla lettura? Che cosa in modo semplice hai voluto offrirgli attraverso le tue parole?

Sulla base di temi affascinanti come i grandi numeri, ho voluto semplicemente tentare di stimolare
il lettore sul modo in cui opera il metodo scientifico in Fisica, il quale metodo, in questo paese,
a quanto vedo e constato, è ancora un illustre sconosciuto. È il metodo scientifico a portarci alla
conoscenza dei Numeri. È solo con i numeri che la Fisica lavora, e sono solo i numeri a dirci non
perché esiste l’Universo bensì come esso funziona e quanto è grande, a prescindere dai voli
pindarici della mente di molti. «A che serve?». Potrebbe chiedere qualcuno. La mia risposta è: «Per viverci – in questo Universo – e saperci orientare senza perdere l’equilibrio».

A prescindere da una possibile dimensione della coscienza, dove tutte le distanze e i numeri sono
annullati in una condizione di non località – che perfino la fisica teorica sta studiando – esiste
comunque una dimensione prettamente concreta, corporea ed estesa delle cose. Una dimensione reale e
non una matrix: ovviamente la gente deve imparare a capire – e non limitarsi a conoscere – come
ci si muove nel regno dello spazio e del tempo e a comprendere che per farlo servono solo Numeri e
Metodo, e non astrusi o vaghi concetti validi solo a creare confusione o perdita dell’equilibrio.
Nonostante la mia apertura alla questione della non-località quantistica e i possibili legami con la
coscienza, l’intento di questo mio libretto è in realtà razionalista (anche se non necessariamente
materialista), e riflette quello che da sempre è il mio pensiero, che sintetizzerei con l’immagine della giraffa: piedi ben piantati a terra, testa oltre le cime degli alberi.

I Grandi Numeri Celesti >> http://goo.gl/5mdMf
L’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo
Massimo Teodorani
Editore: Macro Edizioni
Data pubblicazione: Novembre 2009
Formato: Libro – Pag 110 – 11×17
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__i-grandi-numeri-celesti.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments