H.A.A.R.P.: l’arma più distruttiva che sia mai stata inventata

pubblicato in: AltreViste 0

H.A.A.R.P.: l’arma più distruttiva che sia mai stata inventata

Autore: Zret

Proponiamo alcuni estratti da un articolo scritto da Alessio Di Benedetto ed intitolato Angeli, non
suonate quest’arpa. Come è noto, con H.A.A.R.P. si intende un gigantesco sistema di antenne ubicate
a Gakona (Alaska), il cui scopo ufficiale è lo studio della ionosfera, ma che in realtà è una
potente arma per manipolazioni climatiche e tettoniche. Occorre ricordare che impianti simili,
altrettanto potenti, sorgono anche altrove, in Svezia, Russia, Francia, Italia… Lo studio di
Alessio Di Benedetto è un contributo fondamentale, poiché dovuto ad un esperto nel campo delle
frequenze: l’autore, infatti, è docente di Storia ed estetica musicale presso il conservatorio di
Foggia. Ha scritto numerosi libri di argomento musicale, in cui spazia dalla storia antica alla
fisica, dalla simbologia alle scienze di frontiera. Le sue numerose pubblicazioni hanno riscosso
grande successo di critica e di pubblico. Chi meglio di Di Benedetto dunque, abituato a disquisire
di armoniche, frequenze, vibrazioni… può comprendere i veri fini di H.A.A.R.P.? Il testo illumina,
con mirabile chiarezza e sulla base di investigazioni scientifiche, la relazione tra risonanza
Schumann, la pulsazione naturale della Terra, e l’inquinamento elettromagnetico.

E’ doveroso ringraziare ancora una volta il gentilissimo Dottor Gianni Ginatta che ci ha segnalato
l’articolo. Validissimo ricercatore, animato dal sincero desiderio di verità, al Dottor Ginatta
vanno i nostri attestati di stima per la sua abnegazione e per il suo disinteressato sostegno.

L’uomo materialistico, assetato di potere e di odio per il mondo ed il creato, ha messo a punto un
sistema di distruzione del Canto della Terra, la cui voce risuona alla frequenza di 7,83 htz. Ci
riferiamo al Progetto H.A.A.R.P., un vero e proprio piano di manipolazione mentale, per controllare
il nostro modo di pensare. Esso è stato realizzato dai poteri forti statunitensi attraverso
l’emissione nell’atmosfera di segnali sonori molto bassi (infrasuoni) che interferiscono con il
flusso di onde analoghe irradiate dal cervello umano. Non dimentichiamo che, dal punto di vista
della Fisica vibrazionale, tutti i processi biologici dipendono dalle interazioni dei campi
elettromagnetici e gravitazionali. Qualsiasi attività umana organica e vitale pulsa in risonanza con
la frequenza Schumann. La nostra stessa salute dipende dall’accordo con siffatto suono.
L’alterazione artificiale di cui è fatta oggetto questa frequenza della Terra ci impedisce di
sognare, di fantasticare, d’inventare, di stare in pace con noi stessi e con gli altri.

[…] Il cervello emette onde che, nello stato di veglia, funzionano all’incirca tra 13 e 33 hertz
(onde Beta) o che durante lo stato di meditazione profonda variano tra 3 e 7 hertz. Le onde Alfa
(7-12 hertz) si sprigionano nel dormiveglia o in una condizione meditativa leggera. Infine vi sono
le onde Gamma (34-60 hertz) che sono preposte a collegare tempo e spazio a livello neuronale e ad
interrelare la realtà in quanto interpretazione complessiva (memoria e coscienza). L’uomo è il
prodotto di un’interferenza d’onda generata tra il suo campo elettrodinamico e la risonanza di
cavità Schumann. Il cervello umano è un complicatissimo congegno ricetrasmittente. Ne consegue che
le turbolenze geomagnetiche causate da H.A.A.R.P. e dall’innalzamento della temperatura terrestre
(provocato anche dalle scie chimiche, n.d.r.), provocano disturbi mentali e del comportamento.
L’elettrosmog potrebbe oggi causare cambiamenti evolutivi incontrollabili e distruggere alcune
specie viventi nonché scatenare attacchi cardiaci, tentativi di suicidio, crimini efferati…

La cassa di risonanza Terra-Ionosfera subisce delle modulazioni naturali derivanti dalle macchie
solari, dal ciclo lunare, dalle maree che variano lo spessore risonante della biosfera. Progetti
come H.A.A.R.P., che riscaldano o eliminano la ionosfera, costituiscono potenzialmente una minaccia
di proporzioni catastrofiche per gli equilibri armonici degli esseri viventi e del pianeta.

L’innalzamento della risonanza Schumann deriva da immissioni di reti elettromagnetiche artificiali e
di cluorofluorocarburi che stanno distruggendo l’ecosistema vibrazionale terrestre. Nulla a che
vedere dunque con la ventilata elevazione della coscienza planetaria.

[…] Già nel 1915 Nikola Tesla rilasciò un’intervista al New York Times in cui affermò che era
possibile alterare la ionosfera. Variando le frequenze in gioco ed i tempi di esposizione, si
possono ottenere i seguenti risultati:

– influire in maniera drastica sul tempo atmosferico;

– provocare terremoti;

– interferire con le onde cerebrali di uomini ed animali;

– generare esplosioni nucleari senza ricaduta radioattiva;

– eseguire la tomografia della Terra;

– irradiare calore persino in bunker situati a grandi profondità;

– eliminare le comunicazioni su aree specifiche vaste, mantenendo quelle militari.

La ionosfera è simile ad una sottile pelle protettiva contro le particelle ad alta energia che
viaggiano verso la Terra dal Sole. Dan Eden ricorda che persino un buco temporaneo o uno strappo in
questo campo ionizzato potrebbe produrre delle mutazioni genetiche e persino la morte. Alcuni
scienziati temono pure che la ionosfera potrebbe collassare per uno squilibrio elettrico.

[…] Siamo perciò di fronte ad una delle armi geofisiche il cui potere devastante non ha confini e
che è in grado di produrre alluvioni o siccità, esplosioni radianti a qualsiasi altitudine e sotto
la crosta terrestre, provocando terremoti di qualsiasi entità.

Articolo originale commentato dai lettori
www.tankerenemy.com/2009/03/haarp-larma-piu-distruttiva-che-sia-mai.html

Fonti: tankerenemy.com – Scie Chimiche (Chemtrails)

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments