Tieniti centrato in Dio – non nella materia – Yogananda

pubblicato in: AltreViste 0
[ 3 minuti di lettura ]

Tieniti centrato in Dio – non nella materia

di Paramhansa Yogananda

Quando agisci nel mondo,dimenticando Dio, hai spostato il tuo centro,
da Dio alla materia. E questa natura materiale ingannevole ti getterà
nei vortici del cambiamento e ti soffocherà con preoccupazioni e dolori.
Ora ritorna alla tua vera natura cambiando il tuo centro dai desideri
materiali al desiderio per Dio. Queste miserie della natura materiale
fanno parte soltanto della tua natura illusoria, cosi che il solo modo
per dimenticarti di esse è quello di ricordarti di Dio come Pace
e Beatitudine sempre presente nel tuo cuore.
Chiedi a Dio di erigere nella tua pace, nel silenzio, nella gioia e nella
meditazione, i suoi sacri altari, dove la tua anima può incontrarLo e
comunicare con Lui nel luogo più santo. Prega così: “La mia comprensione
sia il tempio della Tua guida!”

Durante la giornata, invoca Dio come potere nel tempio di coscienza. E in
ogni azione e parola che sussurri imbevila dell’amore intossicante di Dio.
Parla ed agisci sensibilmente come un uomo che beve molto e tuttavia i suoi
sensi sono sotto controllo e svegli. Sii ebbro di Dio e ogni azione della
tua vita quotidiana sia un altare alla memoria di Lui. Esegui ogni azione
per piacere a Lui; e nel santuario indistruttibile della tua devozione, Dio
ascolterà ogni tuo pensiero.

Porta con te nel profondo del tuo cuore, l’amore di Dio prima di andare a
dormire. E lì cullalo, cosi che quando sogni, potrai sognarti di Lui mentre
riposa sul profumato altare del sonno, come Krishna, o Cristo o Pace o
Beatitudine. Nel tempio del Sonno o dei Sogni, percepisci Dio come Pace o
come Beatitudine sempre nuova.

In effetti, Dio ti abbraccia nel Suo Cuore come Pace e Gioia quando vai a
dormire nella camera del tuo subconscio o nel tempio dei sogni. Allora stai
dormendo sorretto dalle Sue braccia di Tranquillità. Cosi, prima di entrare
nel sonno, renditi conto che Lo abbraccerai nel sonno e nei sogni.

E quando stai dormendo o meditando profondamente, percepisciLo che Ti
abbraccia come l’Onnipresente Beatitudine.

La Sua vasta Onnipresenza ti tocca nel sonno e nella meditazione e tramite
il Suo tocco beato, vuole che tu dimentichi i tuoi piccoli, penosi,
preoccupanti ricordi, i tuoi dolori fisici e mentali e le angoscie
spirituali che hai raccolto durante l’ozioso soggiorno nei bassifondi della
materia.

Tieniti aggrappato al tuo tesoro di gioia prima perduto. Ora che è
recuperato, incrementalo dandolo liberamente ad altri e investendolo
generosamente in altri cuori. Ricordati che qualunque cosa teniamo
egoisticamente per noi stessi, è persa. E qualunque cosa diamo liberamente
ad altri con amore, quel tesoro, non può andar perso ma permette una
raccolta abbondante di felicità, un mondo senza fine. La preoccupazione e
l’egoismo sono le strade maestre degli uomini sulle strade della vita e ci
impediscono e ci rubano la nostra vera ricchezza di gioia e pace. Così,
decidi di aggrapparti alla gioia, non importa se la morte bussa alla tua
porta o la tua mente subcosciente ti dirà che “Tutto è perduto”.

Tutto il fracasso disorientante riconducilo al silenzio, alla dolce armonia
della tua gioia perfetta e insormontabile.Ricordati questo, mio amato: Con
il Suo velo di sonno e pace, la Madre Divina spazza via i dolori più bui dei
suoi figli oscurati dall’ignoranza. Ritorna dunque ai tuoi sogni, come un
figlio nelle braccia della madre. L’Amore Divino regnerà sovrano in tutte le
tue memorie di incarnazioni passate e pensieri attuali. Allora scoprirai che
il male e la miseria erano solo tue creazioni immaginarie di sogno. Hai
dormito e sognato un incubo di male; ti svegli in Dio e percepisci solo la
gioia e il bene esistente ovunque. Allora dirai la sola preghiera che dico
per me stesso: Padre Celeste, possa il Tuo amore risplendere per sempre sul
santuario della mia devozione. Possa la mia devozione per Te, bruciare
sull’altare della mia memoria e possa io riuscire ad accendere l’amore per
Te in tutti i cuori”.

Condividi:

Lascia un Commento: