Tachioni e Coscienza – Il mondo superluminale

pubblicato in: AltreViste 0

Tachioni e Coscienza Il mondo superluminale

Regis e Brigitte Dutheil:

Régis Dutheil, fisico, professore associato di fisica presso la Facoltà di Medicina di Poitiers e
ricercatore presso la Fondazione Louis de Broglie, morto nel 1995 ha proposto, in collaborazione con la figlia Brigitte, un modello del funzionamento della coscienza.

La tesi

La tesi fondamentale sviluppata da Régis Dutheil ha per oggetto la struttura della nostra coscienza
e quella delluniverso. Regis e Brigitte Dutheil notano che il dogma della velocità della luce è
oggi rimesso in discussione da altri fisici. Essi citano lamericano Feinberg che, pur preservando
la meccanica relativistica, postula lesistenza, dellaltro lato del muro di luce, dei campi di particelle che vanno più veloce di questo, non indicati.

Si può dedurre lesistenza di tre tipi di mondi della materia:

Il mondo sub-luminale che è il mondo ordinario, che noi conosciamo bene, quello della fisica
classica newtoniana, costituita di bradioni, di particelle la cui velocità è inferiore a quella della luce.

Il mondo luminale della materia che si avvicina o raggiunge la velocità della luce. Questo è il
mondo della relatività di Einstein, il Luxon, particelle dotate di una velocità uguale a quella della luce.

Il mondo superluminale della materia che supera la velocità della luce, luniverso superluminale dei tachioni.

La natura della coscienza

Lesistenza della nostra coscienza, non è in dubbio. Per contro, la sua natura non è mai stata
chiaramente definita. Che cosè la coscienza? Per i materialisti, è una prodotto del cervello e scompare con la morte.

Per Régis Dutheil: la coscienza ed il cervello avrebbero due modalità di funzionamento: uno normale, locale e spazio-temporale, laltro, più raro, non locale.
sovra-coscienza; essa è composta da particelle superluminali che si situano al di fuori del nostro corpo, il mondo superluminale.
la coscienza locale; essa è anche chiamata auto sub-luminale e si compone di fotoni (essa
appartiene dunque al mondo luminale). Essa condivide con il sistema nervoso, lo sfruttamento delle
informazioni che le pervengono dalla sovra-coscienza. E lei che pensa, decide e risolve i problemi della vita quotidiana.
Quando la sovra-coscienza comunica con la coscienza locale, il passaggio sarebbe regolato dalla
corteccia cerebrale. Tutto quello che è necessario per la nostra vita quotidiana è filtrato e
trasmesso alla coscienza locale. Il cervello trasforma le informazioni astratte in ologrammi, cioè in immagini tridimensionali che rappresentano per noi la realtà.

Per contro, non esisterebbe nessuna comunicazione diretta alla coscienza locale verso la
sopra-coscienza durante la vita, con alcune eccezioni: il sogno, la meditazione e luso di alcune droghe

La vera comunicazione sarebbe al momento della morte fisica. Gli autori insegnano limmortalità
della coscienza locale che, al momento della morte, si stacca dal corpo fisico e cerca di unire la sua controparte superluminale.

Il muro di luce

Come il muro del suono aeronautico, ci sarebbe un muro di luce che separa luniverso sub-luminale
(il mondo tangibile) e luniverso superluminale. Nelluniverso superluminale, sarebbe possibile
osservare un evento prima della sua causa. Allo stesso modo, secondo gli autori, ci sarebbe per un
essere vivente nelluniverso superluminale una istantaneità completa di tutti gli eventi che
costituiscono la sua vita, i concetti di passato / presente / futuro scomparirebbero.

Così, il Campo dEnergia Tachyonica (CET) sarà uno spazio identificato come contenente delle
particelle che si muovono ad una velocità tale che il concetto di tempo sarà allora nullo per tutte
le persone che vi si immettono volontariamente. Il lavoro di Régis Dutheil, fisico / biofisico
francese ci spiega come la coscienza stessa delluomo sembra emessa da questo campo (e sembrerebbe invariabilmente ritornarvi).

Al momento della morte, noi attraverseremo il muro di luce per reintegrare luniverso dello spazio /
tempo superluminale dei tachioni. Su ciò che accade dopo la morte, gli autori esprimono cautela in
quanto ritengono inaccessibile o incomprensibile per il nostro mondo sub-luminale.

Il mondo superluminale, le NDE e il Bardo Thödol

Nella prima pubblicazione, gli autori studiano le NDE integrando uno studio del Dr. Melvin Morse,
che ha dimostrato che una eccitazione elettrica della fessura di Sylvius, unarea del cervello
situato sopra lorecchio destro (sede dellanima?), determina luscita fuori dal corpo.

Essi riprendono la descrizione di Moody e la tesi di un campo superluminale e interpretando
lincontro con lessere di luce rendendo il legame con la teoria olografica di Pribram e anche con un principio di cui al Libro tibetano dei morti.

Essi riprendono la descrizione di Moody e la tesi di un campo superluminale interpretando lincontro
con lessere di luce rendendo il legame con la teoria olografica di Pribram e anche con un principio enunciato nel Bardo Thödol (Libro tibetano dei morti).

Lottava fase di un NDE fa apparire agli occhi dei testimoni una luce estremamente brillante e dei colori meravigliosi.

In un campo di materia superluminale, molto meno densa che la materia sub-luminosa, i fotoni
(particelle di luce) non sono assorbiti come nelluniverso sub-luminale e riempiono in maniera
uniforme lo spazio / tempo della coscienza, il che spiega la brillantezza particolarmente intensa della luce.

Inoltre, queste particelle luminose dovrebbero probabilmente trasportare linformazione e la
spiegazione, da qui il lato significante e calmante che sembra inerente a questa luce. Quanto alla
purezza naturale dei colori, è dovuto al fatto che le sensazioni del soggetto non sono più attenuate dalla corteccia e si producono allo stato grezzo.

Lo scenario mozzafiato osservato da alcuni testimoni non sono solo ologrammi che la loro coscienza
costruisce per tradurre le informazioni che sono fornite loro. Questi ologrammi sono la risposta in
qualche modo idealizzato di oggetti sub-luminosi. Possono essere creati istantaneamente in tempo
zero, ma anche annientati allistante. Qui troviamo uno degli insegnamenti fondamentali del Libro
tibetano dei morti, da cui il pensiero del defunto crea il suo ambiente dopo la morte.

Fenomeni paranormali

Le implicazioni della teoria superluminale permettono, anche, di rendere conto di certi fenomeni
paranormali (comparsa di fantasmi, sdoppiamento, sogni), e parlare di spiritismo. Gli autori
sostengono che le vite passate potrebbero essere simultanee con la vita attuale tenuto conto dellinesistenza del tempo nelluniverso superluminale.

Ciò che la scienza non ha scoperto che ben tardivamente, le tradizioni esoteriche secolari sembrano
averlo discusso per lungo tempo. In effetti, la cultura de lenergia vitale (chiamata
indifferentemente Prana, Chi, Energia Cosmica, ecc), che porta allEtere, si ritrova in numerose
civiltà a volte scomparse. In seno anche alle loro pratiche (riti iniziatici ecc) troviamo alcune curiose similitudini con ciò che scoprono oggi i fisici.

Così molti fenomeni inspiegabili collegati a questi riti trovano il loro significato oggi.

Il secondo lavoro, Luniverso superluminale, pubblicato quattro anni dopo (dopo la morte del Prof.
Régis Dutheil) è una ricerca di elementi storici, filosofici, religiosi, medici e anche esoterici in
favore dellimmortalità. Lautore afferma anche che la conoscenza (non lerudizione ma la
conoscenza esoterica) costituisce il vero mezzo di accesso alluniverso superluminale.

messagesdelanature.ek.la

Tradotto da Prixi per Altrogiornale.org

5 1 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments