Quello e’ il mio nome, parola di gatto

pubblicato in: AltreViste 0

Quello e’ il mio nome, parola di gatto

04 aprile 2019

I gatti domestici sanno riconoscere il proprio nome in base alla sua struttura fonetica,
distinguendolo da parole della stessa lunghezza e pronunciate con la stessa intonazione, e indipendentemente da chi lo pronuncia

da lescienze.it/news

I gatti domestici sanno distinguere perfettamente il proprio nome dalle altre parole, compresi i nomi di altri gatti.

La cosa non stupirà chi vive con questi piccoli felini, ma un conto è fare appello alla propria
esperienza, un altro dimostrare scientificamente che i gatti sono in grado di riconoscere il
complesso fonetico del loro nome, e non solo di reagire all’intonazione con cui è pronunciato o a
fattori come la direzione dello sguardo. A dissipare i dubbi è uno studio condotto da un gruppo di
ricercatori dell’Università di Tokyo, che firmano un articolo su “Nature Scientific Reports”.

Atsuko Saito e colleghi hanno preso in esame 78 gatti provenienti da diverse famiglie giapponesi e
da un neko cafè (neko vuol dire gatto in giapponese), un tipo di locale pubblico particolarmente
diffuso in Giappone in cui la consumazione è allietata dalla presenza di un certo numero di questi animali.

Dagli esperimenti condotti è risultato che i gatti erano in grado di distinguere il proprio nome da
parole che avevano la stessa lunghezza, pronunciate con la stessa intonazione e lo stesso volume, e
indipendentemente dalla persona che le pronunciava, anche se si trattava di un perfetto estraneo.

Per valutare le reazioni dei gatti agli stimoli, i ricercatori hanno registrato il movimento delle
orecchie, della testa e della coda, le eventuali vocalizzazioni e spostamenti, e l’entità di quella
reazione. In ogni prova venivano pronunciate quattro parole, evitando che il nome dell’animale fossa
la prima: questo perché di fronte a un suono iniziale gli eventuali movimenti avrebbero potuto
essere solo una reazione di allerta, reazione che però tende a scemare con le parole successive. Un
aumento della reazione, soprattutto alla terza o alla quarta parola, indica quindi che quel suono ha qualcosa di particolare.

La valutazione delle reazioni degli animali è stata poi affidata a una decina di ricercatori che non
avevano assistito ai test e che disponevano solo della registrazione video priva di audio, in modo da garantire che non fossero influenzati dall’ascolto delle parole stimolo.

https://www.nature.com/articles/s41598-019-40616-4

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments