Non dire nulla e’ un modo per sostenere e confortare

pubblicato in: AltreViste 0

Non dire nulla e’ un modo per sostenere

A volte le parole sono superflue. Quando qualcuno ci apre il suo cuore e ci racconta qualcosa di
importante per lui/lei, non dire nulla può essere la scelta migliore (oltre a indicare che labbiamo
ascoltato). Lasciamo che le sue pause e il suo respiro esaltino latmosfera del racconto. In questi
casi, il nostro silenzio può confortare molto più di uninutile e vuota osservazione.

Perché uno sguardo, un gesto, una smorfia o una carezza possono avvolgerci più di un Ti sostengo,
Sono qui o Conta su di me? Queste ultime non sono frasi vuote o banali, perché cariche di un
grande significato emotivo. Non sono dunque facilmente sostituibili con il linguaggio non verbale. E allora, quando, non dire nulla è il modo migliore per supportare laltro?

Non dire nulla può essere un modo per sostenere emotivamente laltro.

Le parole forzate evidenziano il valore del silenzio

Tradizionalmente, il suono è sempre stato associato a qualche evento straordinario: il pianto di un
bambino, la sirena di unambulanza, il ruggito di un leone, un grido di dolore Sono tutti segnali
di allarme che ci mettono in allerta. Sembra ragionevole pensare che il suono allerti il nostro cervello e ci metta in uno stato dallarme.

Daltra parte, i fiori che sbocciano, lo sviluppo psicoevolutivo delle persone e molte pratiche
creative avvengono di solito nella più assoluta discrezione. Ecco perché quando le parole non
aggiungono nulla, quando non cè nulla da dire che sia meglio del silenzio, è preferibile tacere.

Non rompere il silenzio se non è per migliorarlo
-Ludwig van Beethoven-

Cercare di riempire la quiete con commenti neutri e vuoti non serve affatto ad alleviare il disagio
di un silenzio, piuttosto il contrario. Può anche contribuire ad aumentare la noia. Inoltre, è
prudente tenere la bocca chiusa quando si sospetta che il nostro contributo possa essere controproducente.

Quando qualcuno ci fa una domanda scomoda, non dire nulla può essere una risposta eloquente.
Soprattutto se è negativa. Perché spesso i silenzi parlano più delle parole. E in effetti, certi silenzi dicono tutto.

Ascoltare è già un aiuto

Sarà capitato anche a voi, qualche volta, di aver sentito il bisogno di tornare a casa e mollare
tutta la zavorra della giornata. Lunica cosa che volete in quel momento è che qualcuno vi presti
attenzione e semplicemente vi ascolti. Che capisca il vostro dolore, la vostra frustrazione o il vostro disagio. Non cercate altro se non sfogarvi e liberarvi dal dispiacere.

In questi casi, basta essere contraddetti per una sciocchezza per litigare con laltra persona.
Perché non avete bisogno di unopinione o di un confronto riguardo a quello che vi è accaduto
durante la giornata, cercate semplicemente conforto e sostegno, sentire di non essere soli di fronte
alle avversità. È in questi momenti che il silenzio è più apprezzato di una parola.

La parola giusta può essere efficace, ma nessuna parola sarà mai efficace come una pausa al momento giusto.
-Mark Twain-

La paura di non dire nulla

In una conversazione, lassenza di un dialogo fluido può farci sentire a disagio. Questa tensione
genera dubbi, portandoci a chiederci cosa penserà laltro: sta bene? Cè qualche problema? Forse non
vuole parlare con me? Esiste la paura dellassenza del suono, perché il silenzio ci lascia soli dinnanzi alla nostra coscienza.

Affinché non risulti inquietante, bisogna imparare ad apprezzarlo. Sapere che guardandoci dentro
possiamo arrivare a conoscere meglio noi stessi. Essere silenziosi o non dire nulla non significa
smettere di esistere, pensare o vivere. In effetti, questo silenzio se ben gestito agevola lincontro con il proprio Io e il dialogo nel silenzio.

È vera amicizia quando il silenzio tra due persone sembra addirittura piacevole. -Erasmo da Rotterdam-

Prudenza assoluta in una discussione

Un disaccordo, seguito da un silenzio prolungato, può generare unatmosfera davvero tesa. Se
apprezziamo e rispettiamo laltro, e abbiamo sufficiente autocontrollo per farlo, è conveniente
tacere prima di condividere il nostro punto di vista e generare a una discussione inutile. In fondo,
sappiamo già in quali occasioni e con quali persone è consigliabile adottare questa posizione.

Ci riferiamo a quelle situazioni prive di reale importanza, e a quelle persone con una particolare
inclinazione a discutere e a criticare prendendo le cose troppo sul personale. In questi casi, il
silenzio può far intendere in modo velato che non siamo daccordo con laltra persona senza
necessariamente avviare una discussione. E allo stesso modo ci liberiamo dalla schiavitù della parola senza rispondere alle provocazioni.

Sebbene tendiamo a considerare un buon rapporto di amicizia quello basato sulla conversazione e
sulla apertura emotiva, sarebbe anche positivo fermarsi a riflettere sui momenti in cui tutto ciò
non avviene. Ovvero, quelli in cui il tempo e lo spazio dellaltro vengono rispettati. In cui a ciascuno è concesso di godersi i propri momenti di riflessione e di calma.

Il silenzio è la migliore risposta alla rabbia.

anonimo

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments