Metodo Di Bella e carcinoma mammario: ultimi aggiornamenti

pubblicato in: AltreViste 0

Metodo Di Bella e carcinoma mammario: ultimi aggiornamenti

di Giuseppe Di Bella

Metodo Di Bella e carcinoma mammario:casi di tumori solidi scientificamente documentati, di
guarigione completa e stabile ottenuta unicamente con il metodo Di Bella, senza alcun intervento
chirurgico, chemioterapia o radioterapia. Relazione e riflessioni maturate durante il 4° Congresso
Mondiale di Oncologia , “BIT’s 4th World Cancer Congress 2011 , World EXPO Center, di Dalian in Cina…

Ho voluto presentare personalmente i risultati ottenuti dallo studio osservazionale retrospettivo
riguardante 122 casi di “carcinoma mammario”, 92 dei quali riguardanti pazienti giunti in cura allo
studio medico della Fondazione – di cui abbiamo valutato caratteristiche istologiche,
immunoistochimiche, grado nucleare, differenziazione, esami ematochimici, efficacia terapeutica
(valutando Remissione/Stabilità/Progressione) performance status, e sopravvivenza a 5 anni
rapportata alla stadiazione, secondo l’American Joint Committee on Cancer Staging 7 th – e di 30
cartelle cliniche che hanno ottenuto da tribunali l’erogazione gratuita del MDB per perizie giurate
di CTU che avevano certificato risultati superiori, con MDB, rispetto alle terapie tradizionali, nelle stesse patologie e stadi.

I nostri dati rappresentano significativi miglioramenti sia della sopravvivenza per ogni stadio, sia
della risposta obiettiva e della qualità di vita, rispetto ai parametri riscontrabili in letteratura
per gli stessi stadi, istotipi e gradi, trattati con chemio-radioterapia-anticorpi monoclonali.

I risultati sono sintetizzati nella schede pubblicate sul sito della Fondazione:
Presentazione al “BIT’s 4th World Cancer Congress 2011, World EXPO Center, Dalian (Cina).

Un dato significativo:
la “5 years Survival Rate” (sopravvivenza osservata a 5 anni dalla diagnosi) per tumori al IV stadio
(metastatici), risulta del 50% con MDB rispetto al 19,9% diffuso dal National Cancer Institute attraverso il progetto SEER relativo al periodo 1999-2006.

Particolarmente rilevante il dato nei casi clinici (9) allo Stadio I e II (stadio iniziale) che in precedenza non avevano subito alcun trattamento, né terapeutico, né chirurgico.
UNICAMENTE trattati con MDB (terapia di prima linea) il 100 % ha registrato una risposta positiva
(remissione) – nella letteratura scientifica non esistono casi di tumori solidi risolti unicamente con terapie farmacologiche.
Oltre all’importanza del risultato in sè, unico nel suo genere, un’ulteriore valenza potrebbe essere
acquisita dalla considerazione che tale trattamento, se adottato come terapia di prima linea nella
prassi clinica, consentirebbe praticamente di “azzerare” i rischi di disseminazione neoplastica,
potenzialmente insiti nella pratica chirurgica, ed evitare infine alle pazienti un’intervento di
asportazione che viene vissuto, nella stragrande maggioranza dei casi, come una vera e propria amputazione.

Analogamente, il gruppo di pazienti (39) allo stadio iniziale che ha utilizzato il MDB come terapia
adiuvante (quindi dopo l’intervento operatorio, e a scopo preventivo di recidive) ha registrato il
94% di remissioni (38 casi su 39). L’unico caso di progressione si è verificato in una paziente che,
dopo due anni di cura, ha interrotto bruscamente, e di propria iniziativa, il trattamento
terapeutico, vanificando i risultati fino a quel momento ottenuti ed esponendosi così alla ripresa della malattia.

I dati ottenuti rivelano risultati indiscutibilmente positivi e statisticamente superiori alle medie documentate dai diversi archivi statistici nazionali e sovranazionali.
Anche considerando il fatto che gli indicatori e gli indici statistici, in quanto tali, sono affetti
da una loro variabilità ed imprecisione (tanto più quanto ristretto risulta il numero delle singole
rilevazioni su cui sono basati), risultano comunque rilevanti gli scostamenti rispetto alle diverse
medie statistiche “ufficiali” per tutti i parametri analizzati e, in maniera ancora più evidente e rilevante, per i risultati terapeutici ottenuti.

RIFLESSIONI

Scorrendo e analizzando il “Programma” del congresso è possibile rendersi conto che la generalità
dei lavori presentati non è caratterizzato dalla presentazione di nuove molecole di pronto impiego
ma solo diverse combinazioni di chemioterapici, oppure di anticorpi monoclonali variamente associati
a chemioterapici, o l’uso contemporaneo di due diversi anticorpi monoclonali, senza alcun reale e significativo incremento delle mediane di sopravvivenza.
La classe medica oncologica sembra “impantanata” in una ricerca affannosa di soluzioni “mirate” ad
intervenire su singoli e marginali meccanismi di genetica cellulare, e quindi estremamente limitati,
piuttosto che acquisire definitivamente i concetti basilari, e quindi le modalità terapeutiche da
contrapporvi, che stanno alla base della genesi (mutazioni) e dello sviluppo successivo (proliferazione) delle popolazioni neoplastiche.
D’altronde è perfettamente comprensibile, poiché sostanzialmente tutta la ricerca è portata avanti e
finanziata dalle multinazionali farmaceutiche che hanno il solo scopo di sviluppare brevetti.
Da decenni ormai vengono solamente quindi presentati “lavori” scientifici su nuovi farmaci (pochi) o
diverse loro associazioni nei trattamenti, che suggeriscono potenziali miglioramenti terapeutici che
si traducono sostanzialmente in un prolungamento della sopravvivenza solo di qualche mese.

Sembra addirittura che nell’inconscio collettivo del clinico, o del ricercatore, sia stata abbandonata per sempre l’idea di guarigione.
Mi sono reso pienamente conto di ciò allorquando ho presentato i nostri dati, e ho potuto verificare
oltre al notevole interesse nella platea, anche lo sbalordimento di alcuni, quasi annichiliti.
Abbiamo fatto emergere l’assoluta rilevanza clinica e scientifica, il dato innovativo in oncologia,
dei primi casi di tumori solidi scientificamente documentati, di guarigione completa e stabile
ottenuta unicamente con il metodo Di Bella, senza alcun intervento chirurgico, chemioterapia o radioterapia.
Un’occasione di reciproci scambi positivi, anche extracongressuali, e della quale posso ritenermi
personalmente soddisfatto, se non altro per la curiosità scientifica che le nostre relazioni hanno
destato e la disponibilità ottenuta ad allacciare ulteriori rapporti collaborativi.
Spero che il nostro impegno contribuisca a risvegliare la coscienza a questa umanità addormentata dall’ipnosi indotta dai perversi meccanismi commerciali.
Una buona “semina”, in questa occasione, penso sia stata fatta.

NOVITA’ DELL’ULTIMA ORA!!

Appena tornato a Bologna ho cercato, attraverso i miei consueti canali informativi, di portare
all’attenzione della stampa nazionale il risultato ottenuto. Ho potuto constatare però un’immediato
e inaspettato “blocco”, attuato sicuramente attraverso intimidazioni o censure, nei confronti di
quei pochi giornalisti che generalmente erano disponibili a concedermi qualche spazio all’interno delle loro testate. Il messaggio ora è chiaro.
Non è più il caso quindi di parlare di Metodo Di Bella, almeno in Italia.

Sempre vostro
Giuseppe Di Bella

http://www.macrolibrarsi.it/libri/__il_metodo_di_bella.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments