L’alimentazione dei monaci del Tibet

pubblicato in: AltreViste 0
L’alimentazione dei monaci del Tibet

17/5/2018

I monaci tibetani sono conosciuti per vivere incredibilmente a lungo e questo non ci sorprende più
di tanto se consideriamo lo stato di pace in cui vivono e il paradiso incontaminato in cui vivono. È
importante quindi anche analizzare qual è la loro dieta per comprendere come un corpo così in pace
si nutra per avere alti livelli di coscienza ed energia per svolgere le attività quotidiane anche in
avanzatissima età.

Bisogna subito dire che esistono tante diverse scuole di buddismo e quindi dire che i buddisti sono
vegetariani o vegani non è esatto. Nella scuola Theravada infatti si afferma che il Buddha
permetteva ai suoi discepoli di mangiare pollo, pesce, uova evitando però il bovino che era ritenuto
sacro in India.

Quindi smontato subito questo preconcetto passiamo ad osservare la loro alimentazione. Le
informazioni principali sono state tratte dal libro I cinque tibetani di Peter Kelder in cui oltre a
descrivere la potente tecnica energetica dei 5 tibetani parla anche della loro dieta, dedicando un
intero capitolo alle abitudini alimentari di un monastero sulle pendici dell’Himalaya. Un’altro
testo è Fermented Foods and Beverages of the World va cura di Jyoti Prakash Tamang,Kasipathy
Kailasapathy.

Se in occidente la teoria sulle combinazioni alimentari è recente e sempre più medici e terapisti la
usano per guarire i loro pazienti come ne ho parlato nell’articolo sulla dieta per l’artrite, essa è
parte integrante della saggezza dei monaci tibetani da migliaia di anni, che senza avere laboratori,
scienziati o nutrizionisti hanno semplicemente ascoltato il loro corpo e i consigli dei loro
maestri, hanno imparato come condurre una vita indirizzata al pieno potenziale di benessere
spirituale, mentale e fisico.

Non sorprende quindi che l’alimentazione dei monaci tibetani è davvero semplice, troppo semplice per
noi abituati a mischiare tutto e consumare cibi ultra-elaborati. Non fanno uso di zucchero bianco,
farine bianche, sale raffinato né di additivi, edulcoranti ed esaltatori di sapidità che sono in
tutti i cibi del supermercato.

L’alimentazione dei monaci tibetani ruota attorno ai concetti di equilibrio e di armonia con la
natura. Ecco perché si interessano anche delle varie fasi di preparazione degli alimenti, a partire
dalla coltivazione. Ciò aumenta la consapevolezza del cibo come strumento per il sostentamento ed il
benessere; percezione che invece si perde con l’abitudine di trovare gli alimenti pronti sugli
scaffali del supermercato.

Per noi un pane è un pane, mentre per loro il pane deve essere fatto rispettando il flusso
energetico della vita, facendo una lievitazione naturale lenta usando ingredienti ricchi e maturati
al sole e non immagazzinati per anni e raffinati fino a perdere tutte le proprietà come accade da
noi.

A tavola i monaci mangiano lentamente, dando importanza ad ogni momento del pasto, compresa la
masticazione. La masticazione è davvero importante e secondo alcuni medici risolverebbe il 50% dei
problemi di salute: ne ho parlato dei benefici nell’articolo 10 ragioni per masticare meglio il
cibo. La dieta che hanno sviluppato nel corso del tempo li porta a consumare cibi integrali, in una
alimentazione con poche proteine animali e in ogni caso, essi raccomandano di evitare la carne di
maiale. La motivazione sull’evitare la carne di maiale l’ho spiegata nell’articolo Ecco perché
dovresti evitare la carne di maiale.

I grassi come il burro e olio fanno parte della loro dieta, ma mai in grandi quantità.

Mangiano le uova in abbondanza. Chi ha paura delle uova dovrebbe leggere l’articolo Quello che il
tuo medico non ti ha mai detto sul Colesterolo ed è vitale che tu sappia. I saggi tibetani ne
consumano in abbondanza, perché molto nutrienti, ma spesso si limitano solo al tuorlo. L’albume
viene utilizzato da coloro che fanno sforzi fisici dato che serve soprattutto per i muscoli. E non
sorprende infatti dato che si trovano integratori di proteine a base di albumina anche nei
supermercati.

Le principali fonti di energia sono i carboidrati e le proteine, che però i monaci non assumono
durante lo stesso pasto, perché preferiscono assumere una sola qualità di cibo alla volta. Ovvero
seguono una dieta dissociata: proteine e carboidrati consumati in pasti diversi. I monaci tibetani,
infatti, spiegano che la digestione degli amidi interferisce con quella delle proteine, e ciò può
portare ad uno spreco di energia e a una diminuzione della qualità della vita. Queste considerazioni
sono condivise in occidente da molti medici e nutrizionisti. Io sono anni che consumo carboidrati a
pranzo (riso, miglio, pasta integrale di grano antico, patate) e proteine a cena (carne, uova,
legumi), e magari talvolta invertendo l’ordine a seconda delle esigenze e del proprio corpo.

Sconsigliano il dolce a fine pasto. In ogni modo non usano lo zucchero ma il miele che viene visto
perlopiù come una medicina molto energetica.

Concentrano i pasti nelle prime otto ore della giornata rispettando il ciclo circadiano di
assimilazione-digestione-eliminazione. I più avanzati ricercatori stanno infatti ritornando a questa
antica concezione come ho spiegato nell’articolo Ecco la dieta giusta per attivare la rigenerazione
cellulare.

Non mangiano sempre lo stesso cibo ma hanno una dieta varia che segue il ciclo delle stagioni e del
corpo.

I monaci tibetani assumono più cibo al mattino e meno alla sera ovvero consigliano di scalare
gradualmente lungo la giornata la quantità di cibo ingerito, di modo che l’ultimo pasto sia il più
ridotto. Infatti a partire dal pomeriggio non ingeriscono più cibo solido.

Evitano i cibi troppo freddi e troppo piccanti perché causano stati infiammatori nel corpo.

Digiunano ad ogni luna piena e luna nuova del mese.

Consumano molti cibi e bevande fermentate a base di riso, soia, thé, latte. Questo tipo di alimenti
sono scomparsi nella nostra dieta ed eppure sono i più salutari dato che sono ricchi di probiotici,
vitamine ed enzimi, ne ho parlato in dettaglio nell’articolo Perché dovremmo ricominciare a
fermentare le verdure.

Infine bisogna notare i monaci tibetani meditano sempre prima di ogni pasto e questa è una pratica
tanto semplice quanto potente. Il rilassarsi e focalizzarsi sul momento presente riduce
drasticamente i livelli di stress, ci aiuta a mangiare lentamente e a masticare e migliora
notevolmente il metabolismo. Come infatti avevo spiegato nell’articolo LA TECNICA DEI 5 RESPIRI CHE
FA DIMAGRIRE il rilassarsi prima di mangiare cambia il modo in cui il corpo digerisce il cibo:
l’ennesima prova di come corpo e mente siano una cosa sola e che quindi ogni disturbo va visto in
modo totale.

E’ inutile dire che si spostano a piedi e quindi non sono sedentari sebbene siedono in quiete in
meditazione per lungo tempo, e guarda caso il prof. Soresi nella sua intervista aveva detto che il
segreto della longevità è camminare per 40 minuti per 3 volte al giorno.

Per finire nella loro saggezza senza tempo si riconosce che:

Stare seduti a lungo danneggia i muscoli mentre stare molto tempo in piedi danneggia le ossa.
Dormire troppo danneggia il Chi (flusso di energia), stare troppo svegli danneggia il sistema
nervoso.
Non possiamo che imparare da coloro che vivono in sintonia con il proprio corpo e il flusso della
vita. Tanti utilissimi consigli che la nostra scienza moderna sta ritornando a diffondere e
dimostrare.

Fonte: dionidream.com

Condividi:

Commenti e Repliche: