La Storia della Creazione – 4

pubblicato in: AltreViste 0

La Storia della Creazione – 4

LA STORIA DELLA CREAZIONE

(di Parahamansa Yogananda)

– parte quarta –

FACCIAMO L’UOMO A NOSTRA IMMAGINE

” E Dio disse : Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza”. ( I:
26).

Donde viene questa parola “Nostra-noi?” Perchè Dio non disse : ” Sia fatto
l’uomo a Mia immagine”. Vediamo che Dio vibrò il desiderio di creare con
una
parte della Sua Coscienza differenziata ( indicata dalla parola “NOI”), di
creare l’uomo non soltanto a Sua immagine ma a “nostra” somiglianza ,
ossia
secondo le immagini ed i piani sviluppati dalla sua prole soggettiva di
agenti creati e controllanti le varie parti della creazione.

Proprio come un uomo che desideri crearsi una casa raduna intorno a sè
architetti , imprenditori, e costruttori, così Dio differenziò in sette
forme soggettive di coscienza, ossia pose sette angeli innanzi al Suo
trono
per produrre i cosmi e, più tardi l’uomo.

Come un raggio di sole che cada su un pezzo di carbone, di ferro,
d’argento,
d’oro o di platino, si differenzia in molte luci diverse e potrebbe perciò
chiamarsi: luce di carbone, luce di ferro e così via, così in origine lo
Spirito non manifesto divenne tre: Dio Padre, esistente al di là della
materia, il Figlio o L’Intelligenza Cristica esistente in tutta la materia
e
lo Spirito Santo o Vibrazione cosmica , dalla quale tutta la materia fu
creata.

In ultima analisi si trova che la manifestazione trina di Spirito Santo,
figlio e Padre (OM, TAT, SAT ) non sono che lo stesso Spirito che secondo
la
legge della relatività, divide Sè stesso nei Tre; Dio Padre, che agisce
indirettamente al di là della creazione; Dio Il Figlio , che agisce
indirettamente nella creazione e Dio Spirito Santo, che agisce
direttamente
nell’universo.

Benchè nella qualità di Puro Spirito essi rimangono Uno, pure nello stato
di
creazione manifesta Essi divengono le tre Intelligenze conduttrici.

Ora, come lo Spirito divenne tre allo scopo di creare, così
nell’evoluzione
progressiva esteriore lo Spirito Santo appare come Vibrazione Cosmica,
Suono
Cosmico e Luce Cosmica. Questa Luce Cosmica, in scala discendente di
vibrazioni, si divide ulteriormente nelle energie cosmiche di “
vitatroni”,
elettroni, protoni, atomi, molecole, gas e solidi, dando origine ai tre
universi: ideazionali, astrali e materiale.

Così lo Spirito Santo; o Maha Prakriti ( La Grande Natura o Kali) è
l’architetto e costruttore dell’intero Cosmo . Esso condensa la Coscienza
Cristica, guidandola indirettamente nella Luce Cosmica e nelle varie sue
manifestazioni di energia, gas, liquidi, e solidi.

Quando lo Spirito Santo si divide in Intelligenza Creatrice e Vita Cosmica
( energia astrale) e il Cosmo, esso comincia ad organizzarsi in senso
macrocosmico e microscosmico, in sei altre intelligenze che governano i
sei
Universi.

I tre universi macrocosmici sono; il Cosmo ideazionale, il cosmo astrale
e
il Cosmo fisico. Gli universi microcosmici, gli epitomi, sono il corpo
ideazionale, il corpo astrale ed il corpo fisico dell’uomo.

Nel macrocosmo, l’Intelligenza direttrice dello Spirito Santo diviene
manifesta come tre intelligenze: Iswara, l’architetto Cosmico;
Hiranyagarva,
ingegnere cosmico astrale e Birat, il costruttore cosmico. Questi
controllano rispettivamente gli universi: ideazionale, astrale e fisico.
Nel
microcosmo, l’intelligenza direttrice dello Spirito Santo diviene
manifesta
come Pragnya,, l’Architetto del corpo-idea dell’uomo, Taijas, l’ingegnere
vittatronico del corpo umano astrale e Biswa , costruttore del corpo
fisico.

LE SETTE ESPRESSIONI DELLO SPIRITO ( alle quali si riferisce la Genesi con
la parola “NOI”)

I°) In senso macrocosmico , la Coscienza Cosmica immanente nel corpo
causale
o corpo idea dell’Universo è chiamata Iswara, ossia Dio i Padre.

2°) In senso macrocosmico, la Coscienza Cosmica esistente nel corpo
sottile
o astrale dell’Universo è chiamata Hiranyagarva.

3°) In senso macrocomico, la coscienza Cosmica presente nel corpo
materiale
dell’Universo viene chiamata Birat.

4°) In senso microcosmico, la Coscienza Cosmica presente in ogni unità
individuale ed oggetto nell’universo è chiamata Pragnya.

5°) In senso microcosmico, la Coscienza Cosmica esistente nel Corpo
astrale
creato da Maya, dell’uomo e di ogni unità individuale è chiamata Taijas.

6°) In senso microcosmico, La Coscienza Cosmica presente in ogni corpo
materiale o oggetto individuale è chiamata Biswa.

7°) La Coscienza Cosmica presente nell’universo microcosmico e
macrocosmico
è la stessa, solo denominata diversamente, come Maya e Avidya ( illusione
universale o individuale).

La Coscienza presente nell’universo in stato indisturbato è chiamata
Kutasha Chaitanya, o Coscienza Cristica.

I numeri corrispondenti alle sette voci di cui sopra corrispondono a
quelli
del seguente diagramma; studiatelo finchè non avrete chiara immagine
mentale
della correlazione esistente fra queste forze.

SEI SOGGETTI O CREAZIONI VIBRATORIE , SONO GOVERNATI DA SEI SOGGETTI,
OSSIA
SEI FORME RIFLESSE DI COSCIENZA DI DIO PADRE

DIO PADRE

Spirito non manifesto
Spirito manifesto nella creazione
Beatitudine sempre-esistente
quale Dio Padre Dio Figlio e
sempre-cosciente
Dio Spirito Santo
sempre- nuova

MACROCOSMO
MICROCOSMO

Sei soggetti o riflessi
Sei soggetti vibratori o
dello Spirito quale unica
riflessi dello Spirito Santo
Coscienza Cristica,
Uno, o Vibrazione Cosmica:
unico Riflesso di Dio
Padre nella Creazione
12345654321

I°) ISWARA
I° Cosmo-idea
2 Hiranyagarva
2 Cosmo astrale
3 Birat
3 Cosmo denso o fisico
4 Pragnya
4 Cosmo ideazionale
5 Taijas
5 Cosmo astrale
6 Biswa
6 Corpo fisico

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments