Intestino secondo cervello

pubblicato in: AltreViste 0

Intestino secondo cervello

Sai perché l’intestino è il nostro secondo cervello? Ce lo spiega la PNEI

di Valerio Pignatta – 11/03/2016

>> http://goo.gl/1ao2L2

Intestino secondo cervello

Ogni organo e ogni cellula del nostro corpo comunica con tutte le restanti parti del corpo e
cellule. Per rimanere in salute occorre che questa comunicazione rimanga entro linee determinate.
Tra cervello, sistema immunitario, ghiandole e ormoni si svolge una conversazione molto intensa. Le
tre diverse categorie di messaggeri chimici, ovvero neurotrasmettitori, ormoni, citochine, sono
armonizzate insieme in una sorta di vibrazione unica che è il suono delle varie migliaia di
attività cellulari, di ogni cellula ogni secondo. La PNEI è tutto questo sistema integrato.

In questa visione, anche le caratteristiche normalmente riconosciute ad alcuni organi cambiano
improvvisamente. Ad esempio lintestino viene definito il nostro secondo cervello perché ha un
elevato numero di neurotrasmettitori, che permettono a esso e al sistema immunitario di comunicare
col cervello stesso (si pensi che la rete nervosa attorno allintestino pesa quanto la massa
cerebrale). È da questa comunicazione, ad esempio, che scaturiscono le reazioni a cascata
determinate dal cibo che possono interessare parti del corpo completamente differenti e lontane (ad
esempio nel caso di certi tipi di reazioni allergiche). Questo secondo cervello reagisce quindi a
ciò che mangiamo con conseguenze dirette sulle funzioni cerebrali e le emozioni.

Ma anche nel cuore si è scoperto un sistema nervoso intrinseco, tutto suo, formato da circa
quarantamila neuroni in grado di influenzare il cervello. Quest’ultimo è sempre più visto non come
una realtà a sé, separata e dominante, ma come un’entità facente parte di una rete di comunicazione
dinamica, estesa a tutte le cellule e ai tessuti del corpo, che rappresenta le basi biochimiche
delle emozioni. Se il cervello può influire sul sistema immunitario, lo stesso avviene in senso opposto. Idem per gli altri sistemi coinvolti.

Secondo questa decodificazione, lo stress cronico recepito da qualunque tipo di causa (ambientale,
emozionale, psicologica, alimentare ecc.) non è più solo un disturbo di tipo psicologico o fisico,
ma un insieme complesso di anomalie immunologiche, neurologiche e ormonali. È chiaro che allora
anche malattie gravi come il cancro, alcune malattie cardiovascolari, malattie infiammatorie,
depressione, invecchiamento possono e devono essere affrontate in maniera del tutto diversa.

Questo articolo è tratto dalla rivista

Scienza e Conoscenza – n. 55 – Rivista Cartacea >> http://goo.gl/1ao2L2 Nuove scienze, Medicina non Convenzionale, Consapevolezza
Editore: Scienza e Conoscenza
Data pubblicazione: Febbraio 2016
Formato: Rivista – Pag 80 – 19,5 x 26,5 cm
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__scienza-e-conoscenza-n-55-rivista-cartacea.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments