Informazione e Coscienza

pubblicato in: AltreViste 0

Informazione e Coscienza

È possibile intendere la Coscienza come unEntità Informazionale Complessa, dotata di
caratteristiche proprie dei modelli quantistici capace di integrarsi dinamicamente con le strutture biologiche…

di Carlo Donadio – 12/05/2014

>> http://goo.gl/46QD7P

Informazione e Coscienza

La Coscienza Umana, intesa come fenomeno cognitivo strutturato, è stata ed è ancora oggetto di
profondo interesse per la ricerca scientifica relativa a svariate discipline. Dalla biologia alla
cibernetica, passando per le neuroscienze e la psicologia, in molti si sono cimentati nello studio e
nellapprofondimento di questa tematica, tanto affascinante quanto articolata, su cui pare sia ancora prematuro porre lultima parola.
E possibile, tuttavia, alla luce delle recenti evidenze teoriche e sperimentali, avanzare intriganti ipotesi di lavoro con possibili esiti tuttaltro che scontati.

Modelli di riferimento

Nel decorso storico delle ricerche in merito sono stati sviluppati diversi modelli teorici, sia per quanto riguarda gli aspetti tecnici che quelli psicologici.
Dal punto di vista tecnico, cioè sulle dinamiche che regolano il rapporto tra la mente,
sostanzialmente immateriale, e il cervello, decisamente materiale, spiccano quelli di ispirazione quantistica.
Notevoli lavori sono stati sviluppati a proposito, già accennati in un precedente articolo, come
quelli di Bohm, Cramer, King, Vitiello e altri ancora di cui la Dott.ssa Antonella Vannini, sia in
una tesi di dottorato che in alcuni articoli, fa una sintesi estremamente efficace per esporre e
sviluppare a sua volta le teorie basate sulle intuizioni del matematico italiano Fantappiè, da cui
emergono sostanzialmente, secondo vari approcci, interessanti proprietà quantistiche di
supercausalità e di non linearità tuttaltro che strettamente meccanicistiche e deterministiche ma, anzi, sostenute da una libera arbitrarietà di livello fisico.
Un approfondimento esaustivo non è oggetto di questo articolo e si rimanda il lettore ai riferimenti bibliografici in calce.
Dal punto di vista strettamente psicologico, sono da prendere in attenta considerazione i contributi di Charles Tart e Roberto Assagioli.
Il primo, nella sua attività di ricerca, si è occupato dello studio relativo agli stati di
Coscienza, sia ordinari che alterati, adottando unimpostazione sistemica, ovvero considerando il
fenomeno come risultato emergente dallinterazione simultanea di più sottosistemi psichici, talvolta predominanti ma in alcune circostanze latenti, secondo dinamiche osservabili.

Il secondo è invece padre e pioniere della Psicosintesi, un approccio clinico basato su un solido e
strutturato nucleo teorico in cui vengono descritte le varie funzioni principali della coscienza, la
stratificazione dellinconscio, il ruolo decisionale di un Io personale e quello di un Sé superiore transpersonale posto ai limiti della Coscienza stessa.
Entrambi, in buona sostanza, propongono una visione olistica della questione, lasciandola ampiamente aperta a qualsiasi ulteriore sviluppo.
Sotto laspetto squisitamente speculativo merita di essere citato il filosofo Ken Wilber, che ha
dedicato buona parte del suo operato allargomento, fornendo spunti estremamente stimolanti rielaborando concetti sia della tradizione orientale che occidentale.

Lipotesi informazionale

Sulla base di quanto illustrato, è possibile spingersi leggermente oltre considerando la Coscienza
come unEntità Informazionale Complessa, dotata di caratteristiche proprie dei modelli quantistici capace di integrarsi dinamicamente con le strutture biologiche.
Il termine Informazionale intende inquadrare il fenomeno nellottica della Teoria
dellInformazione allo stesso modo in cui sono state già trattate le leggi della fisica nei
precedenti articoli, ossia come un sistema dinamico altamente organizzato (con proprietà
quantistiche prevalentemente non lineari, e di conseguenza olografiche, di coerenza, risonanza e interferenza).
Queste considerazioni aprono la strada a possibili conseguenze di enorme rilievo.
Valutando linformazione come una concreta realtà fisica, potenzialmente misurabile in un non
lontano futuro, nonostante le difficoltà di rilevazione siano notevoli per ordini di grandezza
energetici su scala quantistica, sarebbe possibile approfondire le ricerche nelle discipline mediche
e terapeutiche nellambito della psicosomatica su di una base strettamente tecnica e non vagamente
aleatoria. Se esiste un livello più profondo di realtà governato da queste leggi, ciò potrà essere
empiricamente dimostrato a condizione di adottare un approccio sostanzialmente nuovo e spregiudicato, ma rigorosamente scientifico.
Potranno, inoltre, essere indagate le peculiari capacità evolutive della Coscienza, con particolare
riguardo ai suoi stati non ordinari e, volendo osare ancora oltre, a quelle condizioni limite di
esperienze di pre-morte o di out-of-body che lascerebbero intravedere una possibile capacità di
resilienza rispetto a una compromissione del supporto biologico, ovvero ad una sua ulteriore consistenza puramente informazionale.

Psico-Olo-Dinamica

Considerare la Coscienza come un ologramma al pari dellUniverso consentirebbe una visione più
armoniosa ed elegante di una Natura basata su principi omogenei a diverse scale di grandezza,
comprensibile sia dalla fisica che dalla filosofia in una convergenza sia tecnica che concettuale.
Nel tentativo di delineare, seppur in maniera ancora rudimentale, questa teorizzazione, sulla base
di quanto messo in gioco, si potrebbe immaginare la Coscienza strutturata come un sistema con al
centro un piccolo nucleo dotato di libero arbitrio (Io personale) attorno a cui, lungo tutto
larco della sua evoluzione, vanno ad articolarsi i vari sottosistemi funzionali. Un processo del
tutto simile a quello di una formazione di una galassia o di una stella, con fasi di espansione e
contrazione, in cui linformazione va a organizzarsi secondo schemi frattali nel rispetto del principio olografico in senso fisico-matematico.
Potrebbe inoltre essere estremamente utile inserire in questa formulazione il concetto, rielaborato,
di biologica di Matte Blanco, in cui i contenuti del conscio si differenziano da quelli
dellinconscio per la loro conformità o meno al principio matematico di non contraddizione con lo
scopo di produrre una selezione informativa, non necessariamente distruttiva, a favore degli
elementi più utili alla sopravvivenza della persona favorendo il consolidamento dellEgo che si configura come una membrana a protezione dellIo.
Una formulazione, questa, non strettamente ortodossa, ma proiettata verso nuovi e interessanti sviluppi.

Conclusioni

Applicando agli studi sulla Coscienza un paradigma olistico di ispirazione informazionale, è
possibile dar vita a nuove metodologie di ricerca sempre nei limiti del rigore scientifico, ma con una visione sensibilmente rinnovata e più aperta.
Rinunciare al riduzionismo meccanicistico, che ha sì dato i suoi frutti ma anche mostrato i suoi
limiti, pare ormai una tappa obbligata per lo sviluppo umano. Sviluppo quanto mai necessario in questepoca così critica.

Riferimenti Bibliografici
– Chris King, Chaos, Quantum-transactions and Consciousness, NeuroQuantology 2003; 1:129-162
– Antonella Vannini, Modelli Quantistici della Coscienza, Syntropy 2007, 1, pag. 29-48 – Charles T. Tart, Stati di Coscienza, Astrolabio Ubaldini 1977 – Pirmaria Bonacina, Manuale di Psicosintesi, Xenia Edizioni 2010 – Ken Wilber, Lo Spettro della Coscienza, Crisalide Edizioni 1993 – Ken Wilber, Il Progetto Atman, Crisalide Edizioni 2003 – Ignacio Matte Blanco, LInconscio Come Insieme Infiniti, Einaudi 2000

Daniele Bui, Silvio Leoni
Mente, Cervello e Coscienza >> http://goo.gl/46QD7P
Il vicolo cieco del materialismo nel pensiero di Sir John Eccles Editore: Mattioli 1885
Data pubblicazione: Luglio 2006
Formato: Libro – Pag 194 – 13,5×21
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__mente-cervello-e-coscienza.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments