Il dna diventa musica

pubblicato in: AltreViste 0

Il dna diventa musica

Dal Corriere delle Sera – 10 settembre 1992.

Si tratta di sinfonie musicali ottenute ricopiando le sequenze delle quattro unità chimiche che
formano la molecola del DNA, spiega David Deamer, biofisico dell’Università di Davis, il primo a
tradurre i geni in musica.

Ogni unità di Dna rappresenta un’aria musicale autonoma, aggiunge Susan Alexander, compositrice e
docente di musica alla California State University, proprio come nelle Quattro Stagioni o nella Nona
sinfonia di Beethoven. La molecola che determina le caratteristiche genetiche di ciascun individuo
varia da persona a persona e le sinfonie sono perciò infinite, dato che la configurazione delle
quattro componenti chimiche è sempre diversa. Alcuni individui hanno un Dna musicale noioso, lento e
ripetitivo, continua Deamer, altri invece possono suggerire musiche simili al jazz, altri al blues,
le possibilità sono davvero infinite.

In America è già iniziata la corsa alla scoperta dei propri geni in musica, basta andare in un
laboratorio medico, farsi determinare la struttura del proprio Dna e affidare i risultati a un
compositore. Deamer dice che gli americani vanno pazzi per questa nuova esperienza di poter
finalmente dire: “Questa è proprio la mia musica!”.

Approfondimento sul sito www.sublimen.com

Condividi:
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments