Il Cuore dell’uomo e’ uno strumento Musicale

pubblicato in: AltreViste 0

Il Cuore dell’uomo e’ uno strumento Musicale

di Sergio D’Alesio – 27/10/2016

>> https://goo.gl/cojp34

Il Cuore delluomo è uno strumento Musicale

Conversazioni tra il giornalista-scrittore Sergio d’Alesio e il compositore Capitanata nel giardino di Eranos

In una sua precisa dichiarazione Carl Gustav Jung pone laccento sul ruolo della musica. Al riguardo
si legge: La musica non proviene dalla parte cosciente dellanima e non si indirizza al cosciente,
ma la sua forza emerge dallinconscio ed agisce sullinconscio. Se il vissuto di ognuno di noi
influenza il suo gusto (così come la storia della musica intesa come evoluzione della nostra
civiltà), allora questi parametri sono del tutto inutili perché individualistici. Forse una base la
può gettare la musicoterapia, in quanto a prescindere dal gusto, la musica interagisce con la parte
ancora misteriosa della nostra mente, ed è in grado di portarla in superficie, abbattendo limpianto
logico, razionale, e in tal modo provoca piacere. Lei è daccordo con questa prospettiva?

A ben vedere, lora della nevrosi e della psicosi insorge nel momento in cui luomo non è più capace
di attuare un cambiamento, una trasformazione, una evoluzione. Allora occorre scoprire delle
contromisure adeguate e porvi rimedio. Ancora una volta è la natura stessa delluomo a stendere la sua mano benevola

Osho diceva: È come se, nel cuore delluomo, ci fosse uno strumento musicale che contiene in sé una
musica sublime. È addormentato, ma pur sempre presente: aspetta solo il momento giusto per battere,
esprimersi, suonare e danzare. Ed è attraverso lamore che quel momento arriva. Un uomo privo
damore, non saprà mai quale musica ha portato nel suo cuore. Solo attraverso tal nobile sentimento
le note si risvegliano, prendono vita e, cosa ben più importante, si trasformano da potenziali in
reali. Questa profonda emozione è lagente catalizzatore di un processo del tutto naturale. Quando
la tua musica interiore inizia a fluire, allora si tratta di amore. Allimprovviso ti senti in
unarmonia profonda. Non sei più uno strumento scordato, sei accordato. Non sei più un caos, diventi
un cosmo. E la vita stessa indossa una veste nuova, acquisendo la qualità della gioia. In realtà
dobbiamo scendere sempre più in profondità nellamore ed un giorno ci imbatteremo nella musica
interiore. È solo da quel giorno che la tua esistenza terrena cambia volto ed inizia veramente la vita.

Ascoltare la musica in modo terapeutico significa saper individuare le zone del tuo organismo
maggiormente sensibili alla musica. Cè chi predilige il suono del flauto o del sitar indiano. Altri
si rilassano ascoltando una grande orchestra classica o il tocco delicato del pianoforte. Il corpo,
come un diapason, risponde ad un suono con un altro suono formando così un doppio suono, quello
dellarmonia e della risposta vibratoria del corpo stesso. Ciò produce un avvenimento molto
importante che taluni chiamano lAscolto di Sé. Immagini e fantasia aggirano i processi difensivi
dellinconscio, superano le resistenze presenti in ogni processo terapeutico e producono quel
cambiamento che consente di rielaborare il proprio vissuto. Non esiste più la mente egocentrica che
pensa di ascoltare la musica per dare beneficio al corpo. La vera simbiosi è trovare lunione fra
mente-e-corpo in una profonda dimensione spirituale, Una volta varcata quella soglia, la musica stessa diventa la protagonista della tua vita per molte stagioni a venire…

Estratto dal libro Il potere curativo della musica Vol. II.

Il Potere Curativo della Musica – Vol.2 – Libro + CD >> https://goo.gl/cojp34
Allegato il CD di Capitanata “Eranos: Concerto di Grand Piano per l’Anima” – 432 Hz Natural Music Capitanata, Sergio D’Alesio
http://www.macrolibrarsi.it/musica/__il-potere-curativo-della-musica-vol-2-libro.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments