Guarire la nostra anima: il primo passo per recuperare la nostra profonda essenza

pubblicato in: AltreViste 0

Guarire la nostra anima: il primo passo per recuperare la nostra profonda essenza

Consapevolezza e Spiritualità

Cosa significa guardarsi dentro? Seguendo i principi del Buddismo Bön tibetano scopriamo insieme perché è importante parlare alla nostra anima

Andrea Giulia Pollini – 23/08/2018

Tenzin Wangyal Rnpoche nel suo libro Guarire lanima, seguendo la filosofia del buddismo Bön
tibetano, racconta come imparare a guarire la nostra anima guardandoci da vicino. Al giorno doggi,
con le vite piene e intense che abbiamo, è sempre più difficile per ognuno di noi guardarsi
dentro. Ma cosa significa guardarsi dentro? Non cè nulla di strano in questa pratica che consiste
nel: cercare di capire sé stessi, prendersi del tempo per ascoltarsi, fermarsi un attimo per provare
a capirsi. Per farlo possiamo partire da quattro ambiti molto importanti nelle nostre vite.

I quattro passi fondamentali per guarire se stessi

Per prima cosa osservate la vostra vita personale, prendetevi del tempo per riflettere su voi
stessi. Parlate con la vostra anima e cercate di capire che tipo di persona siete e come vi sentite.

Poi osservate la vostra vita familiare, cercate di capire come la vostra famiglia vive in voi, il
primo passo per recuperare la nostra anima è capire cosa ci manca. In questo caso si tratta di capire se la vostra famiglia vi nutre o vi distrugge.

Di seguito osservate la vostra vita lavorativa, cercate di capire se il vostro lavoro vi piace e vi
da soddisfazione, se ogni mattina vi alzate scontenti a causa del vostro lavoro o se vi sentite gratificati dalla vostra vita lavorativa.

Osservate il vostro rapporto con la natura, cercate di capire se conoscete il suo grande potere
sacro e rigenerante. Vi è mai capitato di fermarvi ad ascoltare il rumore del mare? Che sensazione
vi trasmette? Oppure vi siete mai fermati a guardare il cielo? Mi ricordo sin da bambina ciò che era
per me il mare: la sua immensità mi trasmetteva calma e sicurezza e mi costringeva a guardarmi
dentro, mettendomi in contatto con il mio spazio sacro interiore. Per me, un elemento in grado di
riconnettermi con il mio sé profondo era ed è il mare, essendoci cresciuta, per molti di voi
potrebbe essere un bosco in montagna o un ruscello, un luogo dove potrete avvicinarvi alla forza
rigenerante della natura. Al giorno doggi è molto difficile entrare in contatto con la natura:
siamo tutti abituati alla vita frenetica e tecnologica delle città, ai bar affollati, alle spiagge
caotiche di agosto, ai social. Il primo passo per guarire la nostra anima deve partire proprio dal
riconoscere la presenza o lassenza della grande vitalità che la natura ci trasmette.

Recuperare la nostra profonda essenza

Dopo che avrete osservato questi quattro aspetti della vostra vita, noterete sicuramente che se
riscontrate dei problemi, questi potrebbero non colpire solamente uno di questi aspetti, bensì più
di uno. Provate a fermarvi e domandatevi se in qualche situazione della vostra vita avete sentito la
mancanza di qualcosa di positivo. Dopo aver dato la risposta a questa domanda, ed entrando più in
intimità con la sensazione di mancanza potrete iniziare a identificare in modo più preciso la
qualità che vi manca e comprendere quale sia il passo da compiere per compensare questa mancanza.

Ecco una frase che mi ha particolarmente colpito tratta dal libro Guarire lanima di Tenzin Wangyal Rnpoche:

Secondo gli insegnamenti tradizionali tibetani, quando si ha lanima danneggiata diminuisce anche
la forza vitale, cioè la vitalità di cui si dispone. La perdita dellanima può portare alla debolezza fisica e alla malattia.

È importante cercare di recuperare la nostra profonda essenza proprio perché trascurarla potrebbe
portarci grossi problemi emotivi e fisici. Quando vi sentite insoddisfatti o tristi anche se cercate
di distrarvi con qualcosa, dovete scavare fino in fondo per poter guarire davvero. Quando vi sentite
disconnessi, cè un momento di rottura, provate un senso di solitudine, la sensazione cronica di
volere qualcosa di più diventa la vostra identità. Tutto ciò può portare a un disturbo
post-traumatico da stress: le persone che ne soffrono potrebbero avere spesso degli incubi, unansia
perenne e quindi una grande difficoltà nellaffrontare la vita di tutti i giorni. È proprio per
questo che ognuno di noi deve concedersi dei momenti per capire sé stesso. Ascoltarsi e capirsi è il primo passo verso la guarigione.

Descrizione di Guarire l’Anima – Libro

Trasforma e riscopri la tua vita con l’antica pratica tibetana di recupero dell’Anima!

Pensa a un momento della tua vita in cui ti sei sentito completo, soddisfatto, pienamente vivo e “a
casa” in te stesso. Immagina di poterti sentire così non solo di tanto in tanto, ma per la maggior parte del tempo.

In questo libro, l’insegnante di meditazione Tenzin Wangyal illustra potenti pratiche che ti
aiuteranno a connetterti profondamente con la tua natura autentica e a guarire la tua anima, affinché tu possa condurre una vita più gioiosa e appagata.

Secondo gli insegnamenti buddisti, infatti, se l’anima è danneggiata, la propria forza fisica e la
vitalità diminuiscono, si diventa malati e si può anche morire. Per risolvere questo problema,
l’autore propone diverse pratiche per ritrovarla (il silenzio, lo spazio e l’immobilità nella
natura) che conducono dentro di se dove è possibile analizzare, senza giudizio, le proprie esperienze dolorose.

Partendo dagli insegnamenti tradizionali di recupero dell’anima del buddismo Bön tibetano, Tenzin
Wangyal offre una guida pratica per superare ogni sensazione di disconnessione e insoddisfazione, e
risvegliare la creatività, l’allegria e il senso di tranquillità che sono innati in te.

Le tecniche presentate dall’autore se praticate quotidianamente possono aiutarti a:

Superare le difficoltà che la vita vi pone
Far svanire le emozioni negative e coltivare qualità positive Rivitalizzare le vostre relazioni personali e professionali
Sentirti più coinvolti e produttivi nel lavoro
Sperimentare la guarigione su tutti i livelli, fisico, emotivo ed energetico Portare felicità e benessere agli altri

Avvalendoti delle meditazioni e delle pratiche informali proposte nel Tenzin Wangyal, puoi imparare
ad attingere alla forza guaritrice della natura così come alla tua capacità di autoguarigione.

Questo libro offre pratiche in grado di recuperare l’anima e di guarire le persone malate.
Inoltre nel libro sono inclusi un Ebook e Meditazione Guidata da scaricare gratuitamente.

In un momento in cui abbiamo perduto la nostra anima collettiva e quella personale, Tenzin Wangyal
ci offre una bussola infallibile per ritrovare il nostro sé originale e integro. Leggete questo
libro e trovate la vostra strada per fare ritorno alla salute e alla pienezza!. Alberto Villoldo, Autore di One Spirit Medicine

Indice

Hanno detto del libro

Prefazione

Introduzione

Che cosè lanima?
Cause della perdita dellanima
Una via verso la guarigione
Il miglior rimedio
Meditazione terapeutica

Capitolo 1 – OSSERVARE LA PROPRIA VITA DA VICINO

Tempo per lautoriflessione
Osservate la vostra vita personale
Osservate la vostra vita familiare
Osservate la vostra vita lavorativa
Osservate il vostro rapporto con la natura
I cinque elementi
La vostra relazione con la terra
La vostra relazione con lacqua
La vostra relazione con il fuoco
La vostra relazione con laria
La vostra relazione con lo spazio
Riflettere sullelemento che si ha troppo in abbondanza
Il passo successivo: impegnarsi a cambiare

Capitolo 2 – RECUPERARE DALLA NATURA

Radici tibetane
Prendere appuntamento con gli elementi
Prendere le tre famose pillole
Aprire il cuore e la mente con gratitudine e compassione
Recuperare le essenze degli elementi
Aprirsi a una saggezza più profonda
Pratica autoguidata
Recuperare dalla natura

Capitolo 3 – RECUPERARE RIFUGIANDOSI DENTRO DI SÉ

Il rifugio dello spazio sacro illimitato
Il rifugio dellinfinita consapevolezza
Il rifugio del calore genuino
La ricchezza del rifugio interno
Recuperare dal rifugio interno
Il vostro rifugio più sicuro
Al di là dellego
Meditazioni autoguidate
Recuperare dal rifugio interno

Capitolo 4 – RECUPERARE DALLE RELAZIONI

Dare lesempio, non parlare
Connessioni inaspettate
Nutrire le qualità degli elementi
Condividere le qualità degli elementi
Dare spazio alla sofferenza
Quando le emozioni sono difficili
Dissolvere lidentità del dolore
Pratiche autoguidate
Recuperare dalle relazioni
Capitolo 5 – SUPERARE LA SOLITUDINE

Quando nasce la solitudine
Trovare lamico dentro di sé
Pratica autoguidata
Trovare lamico dentro di sé

Capitolo 6 – NUTRIRE IL PROPRIO ESSERE INTERIORE

Ricaricare la propria batteria
Avere fiducia
Un cambio dabitudine
Calore spontaneo
Meditazioni autoguidate
Nutrire il proprio essere interiore

Capitolo 7 – NUTRIRE IL PROPRIO CORPO FISICO

Una sola medicina per tutti i mali
Spostare lattenzione
Il produttore del dolore
Dolore come apparenza: vedere con locchio della saggezza
Il potere del calore
Una pratica per la guarigione fisica
Meditazioni autoguidate
Nutrire il proprio corpo fisico
Postfazione

Note

Ringraziamenti

LAutore

Guarire l’Anima – Libro
Tenzin Wangyal Rinpoche
www.macrolibrarsi.it/libri/__guarire-l-anima-libro.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments