Gli ormoni del piacere

pubblicato in: AltreViste 0

Gli ormoni del piacere

22-2-2002 – lifegate

Le endorfine, sono la nostra antidroga personale, cento volte più potenti ed efficaci dell’eroina e
della morfina. Non costano nulla e non hanno effetti collaterali!

L’esistenza di ormoni che regolano una rete interna di sensazioni di piacere è stata dimostrata
scientificamente ed è considerata una delle scoperte più importanti degli ultimi cento anni.

Tutto dipende dal cervello e da alcune strutture nervose periferiche che producono le endorfine,
molecole molto speciali, simili alle proteine, in grado di dare sensazioni che vanno dal piacere
all’estasi e che hanno come recettori specifici gli stessi della morfina e degli oppiacei.

Sono presenti anche nella saliva, nelle ghiandole surrenali, nel tratto gastrointestinale e nella
regione pelvica.

Quando ci si sente in buona salute e in forma il loro livello è buono, al contrario, quando ci si
sente depressi o si prova una sensazione di malessere, il livello delle endorfine è scarso, con la
conseguenza di una diminuzione del senso di benessere generale.

Dolore, disagio, ansia e tensione muscolare sono tutti segnali d’allarme perché indicano che
l’equilibrio fisico è alterato e che il livello delle endorfine si è abbassato. E’ quindi bene
imparare che il piacere è senso di salute e che l’antico proverbio: “Mens sana in corpore sano”,
esprime il segreto della felicità, perché quando siamo sani fisicamente e mentalmente, tutto nella
nostra vita funziona meglio.

La produzione degli “ormoni del piacere” può essere favorita dall’alimentazione (ad es.: cioccolato,
peperoncino piccante, cannella, zafferano, zenzero, semi di zucca di lino, di arachidi e noci, le
noci, ostriche), dal massaggio, dagli olii essenziali, dalla musica (Approfondimento sul sito
www.sublimen.com ), da una giusta esposizione ai raggi solari, dai colori (rosso, arancione,
lilla), dall’agopuntura (il meridiano tra il pollice e l’indice), dalla preghiera e dai mantra,
dall’ipnosi e dall’elettrostimolazione.

Utilissimi, per favorire la sua concentrazione, sono anche tutti movimenti sereni ed equilibrati
come danzare, nuotare, camminare, non ultimo, fare l’amore.

G.B.

Condividi:
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments