FREQUENZE 5 – LE BASSE FREQUENZE

pubblicato in: AltreViste 0

FREQUENZE 5

di Mauro Paoletti
per Edicolaweb

TOM DANLEY E LE BASSE FREQUENZE

Un altro ingegnere pratico di acustica si è inserito per sviluppare il pensiero di Dunn, tale Tom
Danley. Ha scritto un articolo, che si può rintracciare nel sito “The Giza: The Truth”
www.ianlawton.com/gttindex.htm, sugli esami condotti all’interno della piramide effettuati
dopo aver letto il libro di Dunn.

Danley ha lavorato per anni in un’azienda incaricata dalla NASA di condurre studi in campo acustico
e vedere quali effetti producono sull’uomo. Si è recato in Egitto a misurare la risonanza acustica
nelle piramidi. Ha utilizzato due sistemi di altoparlanti per i toni di prova, un sistema per
frequenze superiori a 100 Hz, più un amplificatore di potenza, TEF 12, e un accelerometro.
Dai suoi studi risulta un tunnel sotto la Sfinge. Lui stesso, con un compagno, ha perlustrato la
cavità posteriore del monumento. È un corridoio che si divide in due rami, uno sale in alto, l’altro
scende fino a tre metri e mezzo in profondità; il pavimento una volta percosso suona a vuoto.

Nella Camera del Re, che ha uno spessore murale minimo di 61 metri, ha usato corrente alternata e un
altoparlante per misurare le basse frequenze. Intorno a 90 Hz, dopo essere partito da 200, 20, ecc.,
modulando a 1.1 Hz/sec. veniva prodotta della vera energia. La parola inglese dice “trasferita”.
Vicino a 30 Hz (infrasuoni) una risonanza ha fatto correre tutti fuori dalla stanza. Hanno avuto
paura accadesse qualcosa di terribile in seguito alla produzione di risonanze di alta qualità a
basse frequenze. Potevano rimanere sepolti in seguito a crolli improvvisi prodotti dal suono.
Ha notato poi una cosa strabiliante. Assicura che il sarcofago ha esibito una svariata tipologia di
risonanze corrispondenti a quelle ambientali. Una volta sdraiati al suo interno, pronunciando note
con la “giusta frequenza”, il volume appare molto più alto, ma non per coloro che si trovano vicino
al sarcofago.

Si è infine accorto che il vento crea una vibrazione armonica compresa fra 16 e/o 50 Hz, di bassa
frequenza, non udibile all’orecchio umano (infrasuoni), simile ad un accordo “Fa Diesis” che
corrisponde al centro di risonanza della terra, cosa testimoniata dagli antichi scritti egizi e a
cui fa riferimento Dunn.
Nella Piramide le frequenze sono presenti anche se non vengono prodotti suoni, alimentate dal vento
che penetra attraverso i vani.
Quindi per Danley 2.500.000 di blocchi sono accordati sulla frequenza della terra Fa Diesis. Ci
mette al corrente che sono in corso indagini da parte della Shor Foundation.

fine

Approfondimento sul sito www.sublimen.com

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments