Frankenfish: alcuni commestibili non sono dei buoni cibi

pubblicato in: AltreViste 0

Frankenfish

Perché alcuni commestibili non sono proprio dei buoni cibi

Proprio perché gli esseri umani possono mangiare qualsiasi cosa, non significa che debbano farlo

di Karuna Dharini Devi Dasi

Recenti sviluppi dellingegneria genetica (GE) sembrano stravolgere le leggi della natura. Oggi gli
scienziati modificano il codice genetico allinterno di semi o di uova per costruire piante o
animali migliori. I Paesi ricchi usano granturco e soia speciali per garantirsi uningente coltura
da reddito in forma di alimento per animali e per ricavarne ingredienti per cibi conservati da fast
food, come lo sciroppo di mais per bevande analcoliche. Finora gli scienziati hanno dominato alcune colture, ma rivoluzioneranno lindustria del cibo con un pesce progettato?

Nel dicembre del 2012, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti annunciò la sua
decisione di sanzionare il primo organismo vivente transgenico. Gli oppositori GE lo
soprannominarono subito Frankenfish. Esso fu inventato da Aqua Bounty nella loro fattoria di
Prince Edward Island in Canada. Con sede centrale a Maynard nel Massachusetts, Aqua Bounty ha
realizzato esperimenti sui pesci fin dai primi anni 90. Per produrre il Frankenfish, il materiale
genetico del merluzzo delle acque fredde delloceano atlantico (simile a unanguilla) viene inserito
dentro un uovo di salmone artificialmente compresso. Il merluzzo cresce più velocemente di un salmone, per cui questa combinazione realizza un pesce più grasso.

Il materiale proveniente dal merluzzo però non si combina perfettamente con il DNA del salmone. Esso
viene respinto dando origine a uninfiammazione. Si aggiunge allora un fattore di crescita (GF-1)
per accelerare la riproduzione dellinfiammazione. Il pesce cresce due volte più grande e tre volte
più velocemente di quello che avrebbe fatto senza lintervento ingegnieristico. Poiché molti
ristoranti fast-food cercano un sostituto delle carni rosse che provocano obesità e malattie di
cuore, cè grande richiesta di pesce. A causa di una pesca eccessiva, si prevede che la popolazione
oceanica di pesce naturale stia praticamente si estinguerà in questo secolo. Le aziende di
produzione del pesce sono il futuro. La FDA approverà la produzione di massa di un organismo vivente manipolato per il consumo umano?

Timori per il Frankenfish

Alcuni biologi internisti predicono che cibarsi di pesce GE provocherà reazioni allergiche e ulcere
allo stomaco. Di per sé la FDA non fa alcun test; tutte le verifiche sono lasciate allAqua Bounty,
che dichiara che il suo pesce è perfettamente sano. Alcuni scienziati ambientalisti affermano che il
nuovo pesce costituisce un pericolo per il pesce oceanico. Un Frankenfish liberato nelloceano entra
nella catena alimentare e crea subito uno squilibrio. In pochi decenni i pesci originali delloceano
verrebbero spazzati via. Coloro che si preoccupano di un trattamento etico per gli animali lamentano
che questo pesce non depositerà mai le uova, non nuoterà liberamente né avrà una durata di vita
normale. Queste povere creature tendono a sviluppare difetti di nascita provocati dalla
somministrazione di ormoni per la crescita, sviluppano gibbosità ed erosione delle mascelle o infiammazioni sistematiche centrali.

Come femmine sterili dalla vita breve, avranno bisogno di grandi quantità di antibiotici per restare
vivi nei loro piccoli allevamenti sottomarini. Dovranno essere rastrellati giovani per evitare che
la malattia possa stabilirsi allinterno della riserva. Gli ambientalisti prevedono un disastro, i
sostenitori dei diritti degli animali ne denunciano la crudeltà e i biologi parlano di possibili
rischi per la salute e azioni legali. Nel frattempo la FDA annuncia di essere in procinto di
approvare. Cè davvero una creatura mostruosa commestibile che ci aspetta nel sotterraneo del
consumo mondiale di cibo? Sembrerebbe che dobbiamo porci una domanda basilare prima di poter perfino
cominciare ad affrontare lorrore occulto del Frankenfish: qual è il cibo giusto per luomo?

Il Buon Cibo

Possiamo stabilire quando un cibo è buono, pieno dintrinseca energia nutrizionale, da qualità come
la consistenza, lumidità, il colore, laroma e la radiosità. Un mango maturato sullalbero ha un
colorito, una tonalità e un profumo che può attrarre lattenzione da un punto allaltra di una
stanza. Quante volte abbiamo avuto un pranzo con la famiglia o con amici durante il quale qualcuno
ha fatto notare: Oh, ha un gusto delizioso! Il sapore buono indica integrità; ci attrae perché contiene sottili elementi vitali della terra trasmessi alla pianta.

Gustosi e appaganti, semplici frutti o vegetali possono sostenere il corpo e dare vitalità per tutto
il giorno. Gli antichi Vedachiamano questa energia pushti. Sebbene generalmente tradotto con la
parola nutrizione, si tratta di un termine che indica la benevola energia di Madre Terra, elargita
dal Signore per sostenere e mantenere tutte le creature viventi. Srila Prabhupada spiega
lintrinseco valore delle piante: Lorganizzazione di Krishna è perfetta. Le erbe, le piante, gli
alberi e i rampicanti crescono abbondantemente e forniscono quello che occorre agli esseri umani.
Ogni pianta, ogni rampicante ha la sua funzione. Noi non sappiamo usarli. Uomini esperti raccolgono moltissime aushadhi [erbe].

Noi trascuriamo queste erbe e questi vegetali e non sapendo come usarli dobbiamo affrontare molte
spese mediche. (Lezione del 1974) La nostra capacità di distinguere come i vegetali e i rampicanti
abbiano qualche utilità per gli esseri umani, può essere lalba della consapevolezza spirituale
nonché di una buona salute. Nel suo commento al verso 17.10 della Bhagavad-gita, Srila Prabhupada
scrive: Lo scopo del cibo è accrescere la longevità, purificare la mente e dare al corpo salute e
vigore. Questa è lunica finalità. Grandi autorità in materia hanno scelto, nel passato, gli
alimenti che soddisfano nel modo migliore queste esigenze e che sono, tra gli altri, i prodotti del
latte, lo zucchero, il riso, il grano, la frutta e la verdura. Tutti questi alimenti sono puri per
natura, non hanno niente in comune con le sostanze intoccabili, impure come la carne e i liquori.

Gli alimenti grassi menzionati nel verso otto non hanno alcun rapporto con il grasso ricavato
dallabbattimento degli animali. I grassi animali sono reperibili nel latte, lalimento migliore che
ci sia. Il latte, il burro, il formaggio e altri prodotti simili forniscono grassi animali in una
forma che esclude ogni necessità di uccidere creature innocenti. Labbattimento degli animali è un
metodo proprio dei sub-umani. Quanto alle proteine, si trovano abbondantemente nei ceci, nel dal,
nel grano integrale ecc. Il cibo è il nostro collegamento più basilare con il Supremo. Dio dispensa
il mistero delizioso di un gusto squisito e anche il sollievo dalla fame. Egli è il nostro vero potere digestivo. Per la Sua grazia godiamo la vita. Srila Prabhupada scrive:

Secondo lo sastra ayurvedico allinterno dello stomaco cè un fuoco che digerisce ogni cibo. Quando
questo fuoco è calmo non si ha appetito, ma se prende vigore la fame si fa sentire. Talvolta, quando
non brucia più come dovrebbe, sono necessarie delle cure. In ogni caso, questo fuoco rappresenta
Dio, la Persona SupremaSabdadhibhyo ntah pratishthanac ca [Vedantasutra 1.2.27]: il Signore Si
trova nel suono e nel corpo, nellaria e anche nello stomaco, dove costituisce la forza digerente.
Ci sono quattro tipi di alimenti: quelli che singoiano, quelli che si masticano, quelli che si
leccano e quelli che si succhiano; e la forza che li digerisce tutti è Krishna. (Bhagavad-gita 15.14 Spiegazione)

Nel frattempo gli effetti a lungo termine dei cibi geneticamente modificati (GM) sulla salute umana
e sullambiente rimangono oggetto di discussione. Come fuoco della digestione, Dio, la Persona
Suprema, non è tenuto a digerire i cibi non scelti dalle autorità vediche per gli esseri umani. E
lindigestione cronica causa la malattia. Dipendiamo completamente dal cibo, nonostante tutte le
aziende alimentari moderne non riusciamo a inventare niente che possa prendere il suo posto. Nessun
laboratorio scientifico moderno attrezzato con prodotti chimici, provette e scienziati laureati ha
mai trovato il modo per creare il cibo in provetta. Certamente ci provano, riuscirci sarebbe molto
utile. I loro sforzi per modificare geneticamente le piante e gli animali sono stati difficili e perfino grotteschi. Srila Prabhupada spiega:

La civiltà è atea, non possono più dipendere dai doni della natura. Pensano che con le aziende
industriali guadagneranno più soldi e saranno felici. E pensano che accontentarsi di cibo come i
cereali, la verdura e i doni della natura sia unidea primitivi. Essi dicono: da primitivi. Quando
gli uomini non erano civilizzati, dipendevano dalla natura, ma da quando sono più civilizzati, devono scoprire le imprese industriali. (Lezione del 1974)

Fin dagli albori della storia gli esseri umani hanno cooperato umilmente con la natura coltivando
semi, piante e alberi. Ora sono diventati dei manipolatori che violano le leggi della natura, le
quali si trovano sotto la severa giurisdizione del Supremo. Alluomo è permesso produrre cibo in
benevola cooperazione con la natura, ma non di sfruttare le sue risorse per massimizzare i profitti o per uccidere creature innocenti.

Cibo come Offerta dAmore

Secondo la Bhagavad-gita (3.14): Il corpo di tutti gli esseri trova sostentamento nei cereali che
crescono grazie alle piogge. Le piogge sono prodotte dal compimento di sacrifici (yajna), che a loro volta nascono dai doveri prescritti. Ecco il commento di Srila Prabhupada:

Cibi come i cereali e le verdure sono realmente commestibili. Il nutrimento delluomo è costituito
da vari alimenti vegetali come cereali, legumi frutta e verdura; anche chi è abituato a mangiare
carne dipende dalla produzione di vegetali, perché gli animali mangiano erba, piante e residui di
cereali tutti dunque dipendono dai prodotti della terra e non da quelli delle fabbriche la
terra, però, per produrre ha bisogno della pioggia, che si trova sotto il controllo di Indra, di
Candra e di Surya, tutti servitori del Signore. Siccome il Signore, è soddisfatto solo col
sacrificio, chi non lo compie soffrirà per mancanza di cibo: questa è la legge della natura.

Il Signore non dice che per assicurarci la sopravvivenza dobbiamo unire i geni dei frutti e dei
pesci. Ci raccomanda invece di fare sacrifici spirituali. Egli è Dio e procurarci il cibo, per
quanto numerosi possiamo essere, non è mai un problema per Lui. Mahatma Gandhi disse: Il mondo ci
offre tutto quello che ci serve, ma non abbastanza per la nostra avidità. Srila Prabhupada e la
Bhagavad-gita ci raccomandano fortemente di chiedere laiuto di Dio per avere il cibo. Facendo tutto
quello che possiamo per soddisfare Colui che ci procura gli le materie prime, trasformiamo il nostro
modo di pensare al cibo, di coltivarlo, cuocerlo, distribuirlo e mangiarlo. Qualunque tipo di cibo
un devoto riceva, prima di tutto lo offre a Krishna, che nella Bhagavad-gita (9.26) dice: Se
qualcuno Mi offre con amore e devozione una foglia, un fiore, un frutto o dellacqua, accetterò la sua offerta.

Krishna chiede solo che Gli offriamo con amore il nostro cibo. Srila Prabhupada scrive: In questo
modo il nostro karmaviene neutralizzato perché fin da quando che iniziamo a preparare il cibo
pensiamo di offrirlo a Krishna. Non dovremmo aver desideri personali per il cibo. Comunque, Dio è
così misericordioso che ci dà il cibo per nutrirci e così il nostro desiderio viene esaudito.
Dobbiamo capire che vivendo secondo questo modello, connettendosi con i desideri di Krishna, si raggiunge la perfezione dello yoga. (Capitolo 4 della Perfezione dello yoga)

Chi pratica lo yoga deve sapere che per la salute mentale e fisica è necessario un cibo preparato
nel modo giusto. Questo è ancor di più un fattore essenziale se vogliamo sviluppare il nostro amore
per Dio. Cucinare un pasto per qualcuno che vi è caro è un gesto di affetto, cucinare i pasti per il
Signore è un atto speciale di amore trascendentale. Il devoto raccoglie e prepara i migliori
ingredienti naturali rispettandone la provenienza e poi offre il cibo a Krishna accompagnandolo con
le preghiere prescritte. Il devoto partecipa al pasto appena preparato con una gratitudine consapevole che proviene dal sacrificio.

Chi si ciba solo di buon cibo preparato e offerto con amore sviluppa uno speciale apprezzamento per
ciò che è sacro e puro. Krishna è il gusto puro e lamore presente nel cibo. Chi può impartire una
realizzazione di Dio attraverso la sensazione del gusto? Deve essere qualcuno ingegnoso almeno
quanto il più ingegnoso degli scienziati. Date fiducia quando è meritata. Determiniamo prima ciò che
Krishna vuole mangiare, quello che Egli considera il vero cibo e prepariamo i nostri pasti pensando
a Lui. Allora non ci sarà alcun problema o discussione su che cosa sintende per cibo. Saremo completamente soddisfatti e anche ben nutriti.

Allevamento Selettivo contro lIngegneria Genetica

Per secoli, gli agricoltori hanno coltivato piante e allevato animali per ottenerne caratteristiche
desiderabili. Sebbene a prima vista lingegneria genetica possa apparire la versione moderna di
tecniche dincrocio, ci sono delle differenze fondamentali. Gli allevamenti naturali incrociano
organismi simili. Per esempio, si può fare unimpollinazione incrociata di due tipi di grano, uno
che cresce dinverno e uno che dà un raccolto abbondante, per ricavare una pianta che produca grano
nelle regioni fredde. La maggior parte del nostro cibo è un prodotto dello sviluppo guidato
accuratamente dai coltivatori per migliaia di anni. La natura permetterà che siano incrociate solo
due piante strettamente imparentate. Non è permesso congiungere due specie non imparentate, come
avviene nellingegneria genetica. Secondo Craig Holdrege, direttore dellIstituto per la Natura:
Per fare una pianta Gm, gli scienziati devono isolare il Dna di organismi diversi batteri, virus,
vegetali e qualche volta umani. Poi, servendosi della biochimica ricombinano questi geni in
laboratorio per produrre un gene che può essere costituito da un DNA derivante da cinque a quindici
provenienze diverse. Una pianta alimentare GM contiene piccolissimi elementi non naturali nella sua
struttura biologica. Questi elementi vengono passati allorganismo che li consuma. Come ne viene alterata la salute?

Secondo LInternational Journal of Biological Sciences: Nei topi che hanno consumato per soli
novanta giorni varietà di granoturco GM cè stato un chiaro impatto negativo a carico delle funzioni
del fegato e dei reni. (A Comparison of the Effects of Three Corn Varieties on Mammalian Health,
2009) Inoltre, i vegetali Gm sono progettati per crescere in fretta in piccoli spazi trattati con
fertilizzanti chimici di sintesi e pesticidi che completano il progetto modificato della pianta.
Questa crescita forzata causa in questi raccolti una diminuzione di vitamine e minerali rispetto ai
loro lontani cugini non modificati e nutriti naturalmente, ora praticamente banditi dagli scaffali
dei negozi di alimentari per una questione di convenienza. Si aggiunga che i geni dei vegetali GM
che entrano nelle vicinanze di specie selvatiche o coltivate attraverso limpollinazione possono
compromettere la qualità di quelle specie. Col tempo potrebbe essere alterata la catena alimentare
di tutti gli organismi viventi. La differenza appare chiara. Lallevamento selettivo non cerca di
operare fuori dai limiti imposti dallordine e dallequilibrio della natura, mentre lingegneria
genetica cerca di sezionarla e modificarla, con dubbi risultati. Anche se le persone che sostengono
il GE per interesse personale scelgono dignorare questi punti, i metodi tradizionali dincrocio di piante e di animali non hanno alcuna somiglianza con il GE.

Karuna Dharini Devi Dasi, discepola di Sua Grazia Virabahu Dasa, fa servizio alle Divinità di Los Angeles, dove si è unita allISKCON nel 1979. Vive con suo marito e sua figlia.

© The Bhaktivedanta Book Trust International. All rights reserved.

Condividi:
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments