Coscienza, anima e fisica quantistica

pubblicato in: AltreViste 0

Coscienza, anima e fisica quantistica

Scienza e Fisica Quantistica

Lanima di ognuno di noi è molto più che il prodotto della semplice interazione dei neuroni nel
cervello, ma è della stessa composizione vibrazionale delluniverso, ce ne parla Carmen Di Muro con il suo libro Spiritual Mind

Carmen Di Muro – 29/10/2018

Ma noi siamo fatti solo di materia? O siamo molto di più di ciò che cogliamo attraverso il nostro
sguardo? Esiste lanima, quellanelito vitale che ci muove dallinterno, indipendente dal cervello o
dal resto del corpo che può sopravvivere alla morte fisica? Fino a qualche decennio fa, questi
interrogativi erano leciti solo nellambito di una riflessione teologica. Oggi, invece, entrano a
pieno diritto nelle domande fondamentali della fisica quantistica che ha iniziato a interessarsi e
ad approfondire pionieristicamente questioni come la coscienza umana, limmortalità dellanima e la vita dopo la morte.

Coscienza, anima e fisica quantistica

Da qui si dischiude uno scenario nuovo e insolito che mette in luce grandi verità sulla nostra
natura multidimensionale. Nellessenza del nostro corpo fisico siamo costituiti da quanti. Il quanto
è pura energia e quindi luomo è pura energia. Il suo corpo fisico rappresenta la vibrazione più
densa dellenergia. È un involucro che protegge lessenza dellenergia, ciò che Platone definì
Anima, la nostra componente immortale, ma che la scienza è solita indagare con il termine di Coscienza ()

Stando a ciò, i fisici teorici che da sempre hanno cercato di comprendere e di afferrare la sostanza
della realtà fisica, hanno notato che quanto più si spingevano nello studio profondo delluniverso
tanto più questo appariva astratto, pura potenzialità, pura coscienza consapevole di sé che
sinnalza in onde di vibrazione per dar vita alle particelle, alle persone, alle cose osservabili e a tutto ciò che ci circonda.

Ciò significa che tutto ciò che esiste in natura fa parte della stessa fonte dellesistenza, di quel campo di informazione integrale che intesse le trame della vita.

La riduzione obbiettiva orchestrata

La coscienza esiste al di fuori degli usuali vincoli dello spazio/tempo e sfugge alla tradizionale
comprensione delle leggi della fisica classica. Essa è energia non locale e il suo campo dazione
non va concepito entro i confini del corpo fisico ma al contrario, in modo esteso allinfinito, non
esaurendosi a livello dellinterno, ma trovandosi ovunque. Tale principio è ciò che anima le
avveniristiche concettualizzazioni di neurodinamica quantistica di due scienziati di fama
mondiale, lo studioso americano Stuart Hameroff e il fisico inglese Roger Penrose, i quali partendo
dalla visone del nostro cervello come di un computer biologico, sostengono che la nostra esperienza
di coscienza sia il risultato di vibrazioni quantiche che avvengono nei microtubuli, ovvero
strutture intracellulari che collegano i processi neuronali ai processi di auto-organizzazione nella
struttura quantica proto-cosciente della realtà. Tale processo è stato definito con il nome di
riduzione obiettiva orchestrata (o teoria Orch OR, da orchestred objective reduction) e spiega
come si genererebbe un atto di coscienza sulla base di informazioni quantistiche ()

Lanima di ognuno di noi è perciò molto più che il prodotto della semplice interazione dei neuroni
nel cervello, ma è della stessa composizione vibrazionale delluniverso, una formazione naturale
presente fin dallinizio nella materia che arriva alla sua piena e completa essenza nelluomo
acquistando sempre più ordine e informazione, nellinterazione continua e costante con la sorgente della creazione a cui appartiene. ()

Scoprilo ora!

eBook – Spiritual Mind
Nuove prospettive di guarigione tra fisica quantistica e coscienza Carmen Di Muro
www.macrolibrarsi.it/ebooks/ebook-spiritual-mind.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments