Buddha: grasso o magro?

pubblicato in: AltreViste 0

Buddha: grasso o magro?

La vera immagine di Buddha non è quella che noi tutti conosciamo

di Sara Raggini – 18/08/2016

>> http://goo.gl/WZ9cCi

Buddha: grasso o magro?

Un uomo grasso, calvo, con una sacca sulla spalla o sulla pancia: la classica raffigurazione di Buddha. Eppure, questo non era il vero aspetto di Buddha.
Tutti gli storici concordano sullesistenza di Buddha e nella sua identificazione con Siddharta Gautama, un uomo di famiglia nobile, vissuto nel VI secolo a.C. in India.

La giovinezza di Buddha

Nonostante il padre lo avesse fatto sposare alletà di 16 anni, Siddharta aveva un modo di vita
molto diverso da quello della sua famiglia. Amava riflettere e meditare sin dallinfanzia, fino al
punto in cui alletà di 29 anni decide di lasciare il palazzo dei genitori per sottoporsi ad una
vita connessa con la natura. Vivendo sempre allinterno del ricco palazzo di famiglia, non aveva mai
avuto modo di vedere gli aspetti negativi della vita: Siddharta rimane toccato, dopo la fuga, nel
vedere in un villaggio un anziano malato e decrepito, così come rimane stupito nellassistere a un corteo funebre.

La prima grande svolta

Incontrando un asceta che aveva deciso di rinunciare a tutto per raggiungere la serenità spirituale,
decide di intraprendere la stessa via. Da questa decisione, la volontà di sottoporsi a numerose
prove estreme quali vivere 7 anni in una foresta sottoponendosi numerose volte a digiuni al fine di
raggiungere lilluminazione. Non avendo raggiunto il suo obiettivo decide di isolarsi per trovare la
liberazione; a 35 anni, vicino alla morte, si narra fosse ai piedi di un albero quando immerso nei
suoi pensieri raggiunge lilluminazione (il termine Buddha significa appunto illuminato).
La tradizionale raffigurazione di Buddha come fondatore del buddismo dunque, non corrisponde al
personaggio di cui abbiamo appena narrato la vita: Siddharta infatti, prima di scappare dal palazzo
era un giovane alto, biondo e magro. Dopo i numerosi anni di ritiri spirituali e digiuni era divenuto scheletrico.

La variante cinese di Buddha

Luomo in carne rappresentato tradizionalmente è una variante cinese, che si ispira a Buddai, un
monaco molto stravagante vissuto nel IX secolo d.C., così chiamato per la bisaccia che porta sulle
spalle. Questultima contiene riso, dolci e talvolta denari, con i quali sfamava poveri e bisognosi.
Che questo monaco fosse veramente grasso non è certo, tuttavia ladipe nel taoismo simboleggia felicità, mentre nella tradizione cinese è la sede dellanima.

La variante giapponese di Buddha

In Giappone Budai ha preso il nome di Hotei e la sua statua è presente allingresso di numerosi templi zen, scuola frequentata anche dallo stesso.
Oggi Hotei è una delle sette divinità della Fortuna e rappresenta il dio dellabbondanza e della buona salute.

Comprendere, conoscere la tradizione buddhista non deve significare, come spesso è avvenuto anche in
anni recenti, smarrire la propria identità o le caratteristiche del pensiero occidentale.

Comprendere, conoscere l’altro è la premessa indispensabile per un futuro di pace e di tolleranza fra gli uomini, come ricordano queste parole di Rudolf Steiner:

«Che cosa avverrà quando i singoli devoti appartenenti ai diversi sistemi religiosi s’intenderanno e
quando il cristiano dirà al buddhista: “Io credo al tuo Buddha come tu stesso credi in Lui”? cosa
avverrà quando il buddhista dirà al cristiano: “Io sono in grado di comprendere il mistero del
Golgota come lo comprendi tu”? che cosa avverrà nell’umanità quando un tale atteggiamento sarà
generalizzato? Verrà la pace fra gli uomini, verrà il reciproco riconoscimento delle religioni. E questo deve venire.

Il movimento scientifìco-spirituale deve creare una reale reciproca comprensione delle religioni».

Buddha >> http://goo.gl/WZ9cCi
Con un saggio di Gabriele Burrini su «il Buddhismo e la scienza dello spirito» Rudolf Steiner
http://www.macrolibrarsi.it/libri/__Buddha-psiche.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments