Astrologia e scienza: quale relazione oggi?

pubblicato in: AltreViste 0

Astrologia e scienza: quale relazione oggi?

Scritto da: Umberto Carmignani

Scienza e Fisica Quantistica

30/01/2018

www.macrolibrarsi.it/libri/__astrologia-archetipica-libro.php?pn=1567

Astrologia e scienza: quale relazione oggi?

Tratto dal libro Astrologia Archetipica.

Il Tema Natale corrisponde allimmagine del cielo colto nellattimo della nostra nascita: è la
rappresentazione della risonanza tra il macrocosmo e il microcosmo individuale, è un ponte fra la
prospettiva terrestre (le Case) e quella stellare (i Segni zodiacali) su cui transitano i Pianeti.
Il Tema Natale è una mappa stellare che ci aiuta a orientarci nellUniverso degli eventi, un manuale
galattico di istruzioni per comprendere come funzioniamo a livello individuale e collettivo, un vero
e proprio stargate, una finestra spalancata sulluniverso, un portale che ci mette in connessione
con le energie veicolate dalle galassie, dalle stelle, dai pianeti attraverso la loro luce, il loro
movimento, la loro presenza fisica ed energetica e ci permette di trascendere la dimensione fisica terrestre per ricongiungerci ai Creatori.

Quando guardiamo il Tema Natale, non stiamo solo viaggiando nello spazio, ma stiamo anche
viaggiando nel tempo ci stiamo connettendo con tutto quello che è accaduto, dentro e fuori di noi,
dal momento della nostra nascita a oggi. E, in tutti questi anni, di strada ne abbiamo fatta
veramente tanta, considerando che, come abbiamo visto, viaggiamo tutti a una velocità di svariati milioni di chilometri allora
È straordinariamente interessante, semplice e sconvolgente allo stesso tempo, avere a disposizione uno strumento di indagine così perfettamente olistico e sincronico.

Il Tema Natale ovviamente non si occupa della parte visibile e tangibile della realtà, ma di quella
invisibile e simbolica: con lavvento del meccanicismo e della necessità di dimostrare lesistenza
di un nesso tra causa ed effetto, lastrologia è stata considerata priva di qualunque fondamento e relegata fra le superstizioni.
Negli ultimi decenni, numerose scoperte nel campo della fisica e della psicologia stanno confermando
pressoché tutte le conoscenze contenute nellastrologia, dimostrando che esistono forze che si
muovono dentro luomo, nella sua dimensione interiore, e forze che lo trascendono, alle quali è collegato, che non implicano necessariamente la causalità.
«Un essere umano è parte di un tutto che chiamiamo Universo: sperimenta se stesso, i pensieri e le
sensazioni come qualcosa di separato dal resto, in quella che è una specie di illusione ottica della coscienza. Questa illusione è una sorta di prigione che ci limita…».

Materia ed energia

Il teorico dei sistemi Ervin László afferma che «è sempre stato difficile trovare un terreno comune
tra scienza e spiritualità. Almeno fino a dieci, quindici anni fa, quando la scienza ha cominciato a
scoprire che il cosmo non è dominio di pezzettini di materia inconscia che si spostano in uno spazio
passivo e vuoto… Ora ha cominciato a riconoscere che questo sistema conserva e porta in sé non
soltanto energia, ma anche informazioni Un cosmo impregnato di coscienza e informazioni, interconnesso e in evoluzione integrale è un cosmo nuovamente spiritualizzato».

G.L. Schroeder lo conferma: «Tutta la materia è energia e a un livello sottostante allenergia cè
linformazione, una base totalmente immateriale per lesistenza Ogni particella, ogni corpo, ogni
aspetto dellesistenza è espressione dellinformazione che attraverso il cervello o la mente interpretiamo come il mondo fisico».
Per spiegare i fenomeni che accadono nellUniverso, gli astrofisici hanno dovuto ammettere la
presenza dellenergia oscura e della materia oscura (definite tali perché al momento non disponiamo di strumenti adeguati per comprenderle).

Come scrive Massimo Teodorani: «Fino alla prima metà del Novecento si riteneva che la quasi totalità
della massa delluniverso risiedesse nelle stelle e nelle galassie in cui esse sono contenute.
Bastava monitorare luniverso con i telescopi, rilevare la luce dei corpi celesti e dedurre,
automaticamente, che solo ciò che emette luce è dotato di massa. Poi, proprio da unaccurata analisi
delle osservazioni astronomiche ci si è accorti che le cose non stanno così […] I corpi celesti luminosi rappresentano solo il 4% della massa delluniverso».
Vi è, infatti, una materia oscura «avente effetti gravitazionali in molteplici fenomeni astronomici
Non emette alcuna radiazione elettromagnetica e quindi non risulta individuabile dagli strumenti di analisi degli astronomi».

Astrologia Archetipica
Umberto Carmignani, Simone Bongiovanni
La Scienza dell’Anima
Macro Edizioni
www.macrolibrarsi.it/libri/__astrologia-archetipica-libro.php?pn=1567

Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments