7 libri di psicologia positiva per sviluppare la propria personalità

pubblicato in: AltreViste 0
7 libri di psicologia positiva per sviluppare la propria personalita’

Fatelo, abbiate il coraggio di pensare in modo positivo e vi sentirete diversi. Cambiate punto di
vista, relativizzate e riformulate, soltanto così godrete di una vita più integra, una vita in cui
desideri e condotta saranno in equilibrio, dove la felicità è realtà e non soltanto un proposito che
non arriva mai. Per raggiungere ciò, niente di meglio che aiutarsi con i migliori libri di
psicologia positiva.

Ammettiamolo, la nostra società si vanta di saper gestire la maggior parte dei temi associati alla
felicità. Leggiamo quasi qualsiasi libro di auto-aiuto ce ci capita a tiro, alcuni di noi
partecipano a ritiri spirituali, a conferenze, a lezioni di Mindfulness… eppure in molti ci sentiamo
intrappolati dentro i soliti atteggiamenti negativi e i soliti pensieri ruminativi. Investiamo in
tutti i modi sulla nostra crescita personale, ma anche così non riusciamo a trovare il benessere
interno reale, la calma, la felicità.

“Le abitudini di pensiero non devono durare per sempre. Una delle scoperte più significative della
psicologia degli ultimi vent’anni è che gli individui scelgono la loro forma di pensiero”
-Martin Seligman-

Ognuno di noi può addentrarsi in questo campo come preferisce, ma se c’è un messaggio sepolto da
rispolverare è che non esiste una ricetta magica ed univoca per ottenere una “vita piena”, quando si
parla di felicità. Quel che esiste è un processo, un investimento quotidiano, minuzioso e permanente
nel quale demolire gli atteggiamenti debilitanti, i meccanismi di difesa ed il ciclo ossessivo di
quei pensieri che agiscono come autentici nemici.

Per riuscirci, abbiamo senz’altro moltissime strade a disposizione, affidarci ad un coach, lasciarci
consigliare da un guru della motivazione o iniziare un corso. Tuttavia, per quanto possa sembrare
curioso, esiste un modello che comprende tutto questo, una scienza del benessere umano alla portata
di tutti e che vale come elemento base e di ispirazione per la maggior parte delle correnti
esistenti attualmente. Parliamo senza ombra di dubbio della psicologia positiva.

Da quando il profesor Martin Seligman le diede il lancio definitivo intorno agli anni ’90, non ci è
voluto molto a far affiorare aspetti rilevanti e ormai noti ai più, come il concetto di resilienza,
intelligenza emotiva, creatività, il concetto di flusso di Mihály Csíkszentmihályi…

Se desiderate, dunque, un cambiamento reale, sviluppare al massimo la vostra personalità e
raggiungere il benessere, non è mai sbagliato risalire direttamente alle radici, addentrandosi in
quei concetti primari e quegli strumenti basilari ed essenziali che si trovano nei migliori libri di
psicologia positiva. Rappresentano finestre aperte sulla conoscenza che potranno aiutarvi nel vostro
viaggio verso la felicità.

7 libri di psicologia positiva

1.“La costruzione della felicità”, Martin E. P. Seligman

Martin Seligman, psicologo, scrittore e direttore del dipartimento di Psicologia dell’Università
della Pennsylvania, è ritenuto senza dubbio il padre della psicologia positiva – o quanto meno il
suo più noto rappresentante. Fu egli a fare il primo passo verso un approccio alla scienza del
comportamento che abbandonasse lo studio della patologia per concentrarsi esclusivamente sul
potenziamento del benessere umano.

Seligman è, dunque, l’autentico pioniere dello sviluppo di un metodo scientifico che ci spiega come
raggiungere la felicità. Nel suo libro non troverete semplici frasi motivazionali, messaggi vuoti
adornati di belle parole. Il suo lavoro si basa su studi, su punti di vista opposti e validi che
dimostrano che l’autentica felicità nasce dalla forza stessa dell’uomo.

Imparare a potenziarla, comprenderla e lavorarci su è la nostra priorità.

2.“La felicità in tasca”, Tal Ben Shahar

Era l’anno 2006 quando si tenne il corso più popolare di tutti i tempi dell’Università di Harvard.
La materia si chiamava “come essere felici” ed era tenuta da un professore israeliano chiamato Tal
Ben-Shahar. Al momento è uno dei massimi esponenti della psicologia positiva e nel suo libro
raccoglie i suoi punti vista, le sue osservazioni pratiche e le sue teorie.

D’altra parte, un aspetto interessante su cui il professor Ben-Shahar ci invita a riflettere è che
l’autentica felicità non esclude l’accettazione del proprio malessere emotivo, e per farlo cita
nelle sue pagine Viktor Frankl: “Ciò di cui abbiamo bisogno non è vivere senza tensioni o senza
paure. Non abbiamo neanche bisogno di liberarci delle difficoltà ad ogni costo, bensì trovare un
significato proprio alla vita che valga per noi la pena”.

Nel suo libro La felicità in tasca troverete sia tecniche di meditazione sia strategie per applicare
la gratitudine nella vita di tutti i giorni, così come storie intime sulla vita dell’autore che
saranno un importante spunto di riflessione.

3.“La corrente della vita. La psicologia del benessere interiore” Mihály Csìkszentmihályi

Parlando di psicologia positiva, non si può non citare Mihaly Csikszentmihalyi e la sua ricerca
sullo stato del “flow”. La sua presenza nell’elenco di oggi è obbligatoria, e la lettura del suo
libro decisamente arricchente.

Lo stato di flow può essere definito in molteplici modi, ma quello più semplice consiste
nell’interpretarlo come una dimensione di grazia, una “esperienza ottimale” in cui nella nostra
mente spariscono il caos e le preoccupazioni lasciando spazio al benessere. Come? Svolgendo
un’attività concreta: quella che ci identifica, quella che più si avvicina al nostro essere. Deve
essere una fase piacevole, un’epifania che rivela l’essenza di una vita felice.

In un mondo segnato dagli innumerevoli progressi tecnologici e scientifici, con il suo libro
Csíkszentmihályi ci invita a concentrare tutta la nostra energia psichica e la nostra attenzione su
obiettivi concreti, a trovare il piacere nelle cose semplici. Dobbiamo mettere sulla linea del
nostro orizzonte piani e mete scelte da noi per provare un benessere autentico.

4.“Un Nuovo Mondo. Riconosci il vero senso della tua vita”, Eckhart Tolle

Eckhart Tolle soffrì di profonda depressione per la maggior parte della sua vita. A 29 anni cominciò
ad avere pensieri suicidi e una notte cercò di togliersi la vita. Il mattino seguente, però, tutto
era cambiato. I pensieri ossessivi erano spariti lasciando spazio ad un nuovo proposito vitale, un
risveglio interiore ed una speranza: voleva vivere.

“La causa principale dell’infelicità non è mai la situazione, ma i propri pensieri al riguardo”
-Eckhart Tolle-

Sebbene sia vero che i libri di Eckhart Tolle sfocino nel campo della spiritualità, non cessano di
rivelarsi una porta diretta a quella psicologia positiva che ci insegna a lavorare su alcune
dimensioni basilari della nostra persona come l’auto-accettazione, la gestione delle avversità, dei
conflitti, e soprattutto su come affrontare i momenti in cui la depressione sembra avvolgere tutto.

Nel libro Un Nuovo Mondo. Riconosci il vero senso della tua vita Tolle va oltre al suo libro
precedente, Il potere di adesso, esplorando, per esempio, la struttura dell’ego spiegandoci come
esso ci allontani dal concetto affrontato da Seligman delle forze dell’uomo.

5.“Arrendersi Mai. Come trovare la carica per affrontare positivamente la vita”, Luis Rojas Marcos

Luis Rojas-Marcos è un rinomato psichiatra e ricercatore capace di rendere alla portata di tutti,
con un linguaggio arricchente, molte dimensioni della psicologia positiva che tutti dovremmo
comprendere per vivere meglio.

Nel suo libro Arrendersi Mai. Come trovare la carica per affrontare positivamente la vita, si impara
come tutti noi, anche se non ci crediamo, disponiamo di meccanismi psichici e biologici che ci
preparano per resistere e affrontare le avversità.

Non a casa è proprio quello che ha fatto l’uomo sin dalle sue origini, perché la regola è
sopravvivere e l’abbiamo sempre fatto grazie ad uno strumento meraviglioso: la resilienza. Nel suo
libro ci insegna a maneggiarla, a curarne le basi e le radici, così come per l’autostima,
l’autocontrollo, l’ottimismo e, naturalmente, il pensiero positivo.

6.“59 secondi. Pensa poco, cambia molto”, Richard Wiseman

La lettura di questo libro è obbligatoria. Con la sua opera, il docente di psicologia
dell’Università di Hertfordshire, Richard Wisemen, rompe con i classici miti e stereotipi sulla
felicità per aprirci gli occhi. Attraverso dieci capitoli affronta con originalità ed efficacia
dimensioni quali la motivazione, la persuasione, l’attrazione, la creatività, il benessere emotivo…

L’aspetto più interessante ed innovativo di quest’opera è che ci invita ad abbattere ogni idea
negativa e comportamento sbagliato in soli 59 secondi…

“La vita infligge gli stessi imprevisti e le stesse tragedie tanto nell’ottimista come nel
pessimista. Il primo, tuttavia, le sa affrontare meglio”
-Martin Seligman-

7. “How Full Is Your Bucket? Positive Strategies for Work and Life”, Donald O. Clifton

Se Martin Seligman è il padre della psicologia positiva, Donald O. Clifton ne è il “Nonno”. Le sue
opere hanno stabilito la base di questa scienza e nel suo libro, How Full Is Your Bucket? Positive
Strategies for Work and Life, è contenuta tutta la sua filosofia, le sue radici e le finestre sulla
conoscenza magistrale alle quali non ci si stanca di affacciarsi.

Questo libro è senza dubbio un punto di riferimento in questo campo, poiché non ci guida soltanto
verso il raggiungimento di una vita piena di emozioni positive, ma ci ispira grazie agli
insegnamenti legati al suo lavoro quotidiano, aiutando le persone e fornendo supporto a migliaia di
imprese. Nelle sue pagine si celano tonnellate di energia positiva, e leggerle è senz’altro
un’esperienza imperdibile.

In conclusione, sappiamo che esistono molti altri titoli e proposte bibliografiche che ci mostrano
la strada della psicologia positiva. Tuttavia, i nostri 7 suggerimenti sono una buona anticamera, un
punto di partenza su cui riflettere e con il quale seminare i piccoli semi del cambiamento.

da lista psiche

Condividi:

Lascia un Commento: