5 alimenti amici del cuore

pubblicato in: AltreViste 0

5 alimenti amici del cuore

Cosa può e non può mangiare chi soffre di problemi cardiovascolari? Il nuovo libro di Jane Esselstyn
e Ann Crile Esselstyn è un manuale pratico con tantissime ricette per iniziare subito a prendersi cura del proprio cuore

Redazione Scienza e Conoscenza

Pioniere nella scoperta delle relazioni tra alimentazione e malattie cardiovascolari, il dottor
Caldwell B. Esselstyn in oltre trent’anni di attività, ha messo a punto un programma alimentare per prevenire e curare le patologie legate al sistema cardiovascolare.

I principi su cui si basa la sua dieta sono 12: semplici passi da tenere sempre a mente per iniziare
un percorso di guarigione dalle straordinarie potenzialità. Le linee guida per i cardiopatici sono
semplici: niente carne; niente latticini; niente olio, neanche extra vergine di oliva, né semi
oleosi; pochissimi sale e dolcificanti. Cosa possono mangiare? Un delizioso e colorato assortimento
di ortaggi, frutta, legumi e cereali integrali, straboccanti di fibre, nutrienti e antiossidanti, tutti ottimi nutrimenti per il cuore e la salute in generale.

Qui di seguito trovate alcuni cibi permessi e salutari per il cuore, che vi aiuteranno ad affrontare con gioia un nuovo percorso alimentare.

Lievito di birra alimentare

Labbiamo sempre in casa. È molto diverso da quello che si immagina. Il lievito alimentare è
asciutto, in fiocchi o scaglie e di colore giallo chiaro. Lo si trova normalmente in confezioni
nelle erboristerie e nei negozi di alimenti bio. È unottima fonte di proteine e ha un gradevole
sapore di noce. Lo usiamo come si fa di solito con il parmigiano: mescolato ai cibi o sparso sopra. Dà loro più gusto e una consistenza cremosa.

Aceti aromatici

Il nostro arsenale è ben fornito di aceti: quelli che troviamo, quelli che ordiniamo apposta, quelli
che ci regalano e quelli che usiamo quotidianamente. Quando cuociamo senza sale, laceto è
utilissimo per esaltare il gusto, e lo si può trovare di vari tipi in molti negozi. Se non si vuole
il colore scuro dei tradizionali aceti balsamici, si può utilizzare laceto aromatico bianco: è
eccezionale sulle Bistecche di cavolfiore e sulla Vellutata di mais e scalogno. È bello trovare un
negozio specializzato nellaceto e gustarne la stupefacente varietà. Il vero balsamico tradizionale
è di alta qualità, ma costoso; per luso quotidiano possono bastare buoni prodotti di base, anche aromatizzati in casa (la procedura è semplice).

Tofu

l tofu ha un alto contenuto di grassi, perciò lo usiamo con parsimonia e soprattutto nei dessert. In
alcune ricette di dolci è fondamentale usare il tipo adatto per essere certi di ottenere una
consistenza liscia ma soda. Noi usiamo il tofu seta (o tofu vellutato). Il tofu normale è più
granuloso e alcuni tipi morbidi sono della consistenza di uno yogurt: nel libro non usiamo questi due.

Semi di lino macinati e semi di chia

Mangiateli ogni giorno spolverizzati sui cereali o nelle insalate per rifornirvi di acidi grassi
omega 3. I semi di lino vanno sempre macinati prima del consumo, e dopo questa operazione dovrebbero
essere conservati al fresco o congelati. I semi di chia non hanno bisogno di essere macinati né
refrigerati. Entrambi i semi sono buoni addensanti. Per sostituire un uovo, mescolate 1 cucchiaio di
farina di semi di lino e 3 di acqua, oppure 1 cucchiaio di semi di chia e circa 50 ml di acqua.

Latte vegetale

Ci sono molti tipi di latte vegetale: cercate quello più adatto per voi. Noi vi raccomandiamo il
latte di mandorla o di avena non dolcificati. Si trova anche il latte di soia senza grassi, ma
attenzione agli zuccheri aggiunti. Sconsigliamo il latte di riso, contiene olio aggiunto.

Cibo per il Cuore – Libro
L’alimentazione che cura – Menu completi per prevenire e guarire le malattie cardiache Jane Esselstyn, Ann Crile Esselstyn
www.macrolibrarsi.it/libri/__cibo-per-il-cuore-libro.php?pn=1567

0 0 vote
Voto Articolo
Sottoscrivi Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments